Moda
  • auto-connesse-apertura2

    Chi viaggia quotidianamente trascorre circa 80 minuti al giorno al volante, 80 minuti che sembrano essere totalmente improduttivi. È chiaro quindi che, per ottimizzare il tempo speso nel proprio abitacolo, sia necessario intervenire sull’esperienza di guida, così da renderla fruttuosa e piacevole. Molte aziende, per rispondere a questa esigenza, stanno studiando prodotti e servizi per […]

  • Opel-Infotainment_Navi-900-IntelliLink_944x476_ins1625_i05_130

    Il costruttore tedesco ha introdotto un nuovissimo sistema di infotainment con navigatore integrato, disponibile per i suoi modelli di maggior successo: Karl, Adam e Corsa.   Navi 4.0 IntelliLink, così chiamato, ha uno schermo touch da 7 pollici, connettività Bluethooth ed è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, integrato con OnStar, servizio di connettività […]

  • Schermata 2017-07-03 alle 09.25.07

    Dal 1° Luglio Luca Petitti è subentrato, nel ruolo di Press & Product Communication Manager, a Rosa Sangiovanni che assume un nuovo incarico all’interno del Gruppo Renault. Luca Petitti riporterà nella sua funzione al Direttore Comunicazione & Immagine, Francesco Fontana Giusti.

  • maxresdefault

    E’ opinione assai diffusa presso gli studiosi che da quando esiste la vita sulla Terra si siano verificate cinque grandi “estinzioni di massa”, cioè cinque importanti eventi che hanno quasi interamente distrutto il pianeta costringendo la natura a ripartire praticamente da zero. L’ultima, quella più recente, che ha portato all’estinzione, tra l’altro, dei dinosauri, è […]

  • 1

    Nella carta dei doveri del giornalista si sottolinea che “ I cittadini hanno il diritto di ricevere un’informazione corretta, sempre distinta dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli. I messaggi pubblicitari devono essere sempre e comunque distinguibili dai testi giornalistici attraverso chiare indicazioni. Il giornalista deve sempre rendere riconoscibile l’informazione pubblicitaria e […]

  • VIVETTA- Lodovica Comello_01

    Lodovica Comello ha indossato VIVETTA in occasione del Giffoni Film Festival. Lodovica ha scelto una camicia in popeline con colletto logato e una gonna a stampa geometrica della nuova collezione autunno/inverno 2017. Il legame tra Vivetta e l’artista si consolida, dopo il grande successo degli abiti creati appositamente per lei in occasione della 67° edizione […]

  • Roberto Albani

    Roberto Albani entra in Condé Nast in qualità di Director of Digital Operations & Content Commerce, una figura richiesta dall’espansione continua del business digitale dell’azienda. Albani avrà la supervisione di tutte le operation digitali, con particolare attenzione sull’accelerazione della monetizzazione derivante dalle proposizioni di Content Commerce.   Albani ha maturato un’esperienza a livello internazionale nel […]

  • 1

    Nella carta dei doveri del giornalista si sottolinea che “ I cittadini hanno il diritto di ricevere un’informazione corretta, sempre distinta dal messaggio pubblicitario e non lesiva degli interessi dei singoli. I messaggi pubblicitari devono essere sempre e comunque distinguibili dai testi giornalistici attraverso chiare indicazioni. Il giornalista deve sempre rendere riconoscibile l’informazione pubblicitaria e […]

  • jo-malone_english-oak_redcurrant-and-hazelnut_pe

    La magia della foresta. Esplora. Sogna. Lasciati trasportare. Passeggia tra tappeti di muschio color smeraldo. Fermati a cogliere il ribes maturo. Fatti conquistare dal profumo della quercia leggendaria. Nobile. Saggia. Infusa in due nuove magiche fragranze. English Oak & Redcurrant. Luminosa. Avvolgente. Affascinante. English Oak & Hazelnut. Terrosa. Attraente. Incantevole. Perfette da sole. O abbinate […]

  • Schermata 2017-07-25 alle 09.19.26

    Capelli visibilmente sani, forti e straordinariamente ricchi di vitalità. grazie al Recharge Complex con Guaranà e Caffeina, e all’ Instant Microfluid Technology, una tecnologia specifica che assicura idratazione e corposità alla struttura dei capelli.   HAIR & BODY SHAMPOO: per capelli forti e dall’aspetto sano ogni giorno. Deterge, rivitalizza e idrata pelle e capelli. Prezzo […]

  • Schermata 2017-07-25 alle 09.12.39

    Sensuale ed enigmatica, la sua composizione affascina ed ammalia. La sua essenza calda e legnosa dona vita ad una fragranza ideale per essere indossata nelle stagioni fredde. Note di testa: Bergamotto, Pepe Nero, Cacao Note di cuore: Iris, Gelsomino, Benzoino Note di fondo: Legno di cedro, Vaniglia, Muschio PACKAGING Rifinito nel minimo dettaglio, il pack […]

  • Schermata 2017-07-20 alle 15.16.16

    Una doppia detersione, in tutta semplicità. Clinique presenta il NUOVO 2-in-1 Cleansing Micellar Gel + Light Makeup Remover, detergente e uno struccante delicato in un solo prodotto che non richiede acqua e rimuove impurità e il trucco leggero in maniera facile e veloce. La particolare formulazione gel-acqua, priva di residui, deterge la pelle delicatamente, lasciandola […]

  • the eve mattress_lifestyle (1)[1]

    Trovare il materasso giusto è sempre stato difficile. Centinaia di opzioni disponibili, un linguaggio indecifrabile e venditori insistenti non fanno altro che complicare la situazione. La soluzione: un materasso che sia veloce e semplice da acquistare online (SleepEve.it) e che arrivi direttamente a casa, con l’eventuale rimborso dopo 100 notti di prova se non si […]

  • Porta_Incenso_Richard_Ginori

    Richard Ginori, massima espressione dell’eccellenza italiana nell’alta manifattura artistica della porcellana, è orgogliosa di essere stata scelta da Gucci quale partner per la realizzazione di una serie di inediti oggetti in porcellana della nuova collezione Gucci Décor. Piccoli e preziosi oggetti modellati dalla sapienza artigianale dei Maestri della Manifattura e vasellame decorato con la stampa […]

  • _DSC8704

    Salumificio Coati – un’eccellenza italiana del settore food – ha scelto per la sua nuova sede in provincia di Verona, un’altra eccellenza del Made in Italy, Manerba.   Il progetto – curato dall’architetto Carlo Cretella – scandisce gli ambienti interni con le trasparenze del sistema di pareti Wallsystem, dai profili verniciati in abbinamento ai desk. […]

  • 2_la_rinascente_7_piano_andrea_liverani

    Nell’anno in cui La Rinascente festeggia i 100 anni del suo storico nome, la vetrata sul Duomo del 7° piano si rinnova con i materiali innovativi e di ultima generazione, realizzati da Serge Ferrari. Le nuove tende in Batyline AW migliorano il comfort termico e acustico donando un tocco di elegante delicatezza allo spazio.   […]

  • 2d24c19c-1d49-4019-8b36-767038b34b2b

    E’ scattato questa mattina all’aeroporto di Milano Malpensa il tanto atteso “Gate party” promosso da Brussels Airlines, compagnia di bandiera del Belgio e sponsor ufficiale di Tomorrowland e il noto marchio milanese YNot?, che per la prima volta prende parte al progetto. Milioni di persone e una sola destinazione: Tomorrowland, uno dei principali festival di […]

  • HelsinkiAirport

    Il 10 luglio, in occasione del 65° anniversario dall’apertura dell’aeroporto di Helsinki, Finavia ha sponsorizzato un’estensione nella zona sud del Terminal 2: 8.300 nuovi metri quadrati di nuovo spazio per i passeggeri, tre nuovi ponti di imbarco per velivoli a largo corpo e la prima passeggiata aeroportuale in Finlandia al fine di facilitare il viaggio e […]

  • DW Interni Mpx

    DANIEL WELLINGTON, il brand di orologi svedese che ha conquistato la Generazione Y perché interpreta l’accessorio desiderabile e accessibile, con tutta l’estetica d’alta gamma e una tecnologia ultra-sofisticata, spicca il volo da Malpensa, dove sabato 1 luglio ha iniziato l’attività il primo flagship store italiano. Emerge per la sua eleganza essenziale, sintesi perfetta dei punti […]

  • rendering

      L’Aeroporto di Milano Linate si rinnova rifacendosi la facciata!  A firmare il progetto è l’architetto Pierluigi Cerri che ha programmato, in  una prima fase dei lavori, anche il restyling della zona arrivi, area ritiro bagagli e vip lunghe Leonardo. La Sea prevede la fine dei lavori per il 2022.   CHI E’ PIERLUIGI CERRI […]

  • Occhio alla strada

    Sensibilizzare sul tema degli incidenti causati dall’uso inappropriato dello smartphone, che ogni giorno mette in pericolo la vita di migliaia di persone. E’ questo lo scopo della campagna #Occhioallastrada che Maxibon presenta oggi all’Aquafan di Riccione con uno studio sui i rischi legati all’utilizzo del telefono quando si è in strada o alla guida e […]

  • Christian Sciglio

    A miscelare i cocktail dietro il bellissimo bancone del Morgana Lounge Bar, locale situato nel centro storico di Taormina, è il bartender Christian Sciglio, classe 1977, taorminese d’origine, che vanta una pluriennale esperienza nel beverage ed è il direttore creativo dei cocktail del Morgana. Christian, insieme a Guido Spinello, è socio e fondatore del Morgana […]

  • _DSC8704

    Salumificio Coati – un’eccellenza italiana del settore food – ha scelto per la sua nuova sede in provincia di Verona, un’altra eccellenza del Made in Italy, Manerba.   Il progetto – curato dall’architetto Carlo Cretella – scandisce gli ambienti interni con le trasparenze del sistema di pareti Wallsystem, dai profili verniciati in abbinamento ai desk. […]

  • _MG_5337

    Masterchef torna “in onda”, ma questa volta non in tv: MSC Crociere, la più grande compagnia crocieristica a capitale privato al mondo e leader di mercato in Europa, Sud America e Sud Africa, ha annunciato oggi il lancio di MSC MasterChef At Sea. Grazie alla collaborazione con Endemol Shine Group, nota società di produzione televisiva […]

  • vidal

    Ingaggiato dalla Fiorentina, dopo Borja Valero, anche Matias Vecino, tutto campista con la vocazione del gol, l’Inter sta cercando di mettere insieme un centrocampo eccezionale. E’ di poche ore fa il vertice dei responsabili nerazzurri dal quale è scaturita l’offerta della società  per Arturo Vidal: 50 milioni al Bayern Monaco e 7 annui al giocatore […]

  • Golden State Warriors NBA basketball player Stephen Curry is filmed for an Infiniti car advertisement in Blackhawk

    Uno dei più grandi tiratori della storia del basket, Stephen Curry, ha stupito i membri dell’equipaggio durante le riprese della nuova campagna commerciale Q50 di INFINITI.   Sulla scia dell’annuncio della rinnovata berlina sportiva Q50, che verrà lanciata in alcuni mercati a partire da quest’estate, Stephen ha nuovamente mostrato il suo fenomenale talento con un […]

  • JA_SERGIO_TACCHINI_03alta

    Sergio Tacchini, noto marchio di abbigliamento sportivo dal DNA tennistico, sigla una preziosa collaborazione con la fashion designer di Hong Kong Johanna Ho per una linea tennis donna.   La linea è la Curvature, nome che evoca linee morbide e femminili, ed è disegnata per il Roland Garros 2018. Johanna Ho, affermata designer di Hong […]

  • Schermata 2017-07-21 alle 12.48.17

    La campagna promozionale Marciano Los Angeles per l’autunno 2017 avrà come protagonisti la modella belga Rose Bertram e il suo fidanzato, il calciatore olandese Gregory van der Wiel, difensore della squadra turca del Fenerbahçe, immortalati in una serie di affascinanti immagini che incarnano un’eleganza e una raffinatezza senza tempo. Coordinata da Paul Marciano, direttore creativo […]

martedì, 7 febbraio 2017

AHI LA MODA! UN PO’ DI STORIA DI IERI E DI OGGI

di Luciana Boccardi
La sfilata Gattinoni ad Altaroma

La sfilata Gattinoni ad Altaroma

Tra poco iniziano le “grandi” sfilate, quella vetrina del pret-à-porter che risulta il verbo per conoscere dove va (e come sta) la moda del prossimo autunno-inverno 2017-2018.

 

Si sono appena svolte, a Parigi e a Roma, le sfilate d’alta moda femminile (per la P/E 2017) e , a giochi conclusi, credo sia doveroso aprire un discorso (che tra l’altro è già aperto da tempo, ma disatteso) affinchè si possa scrivere un punto – e a capo – su una vicenda che pare non si voglia affrontare con fermezza e sincerità.

E’ vero che l’ ”alta moda” italiana se sfila a Parigi viene considerata , commentata, esaltata, premiata mentre se sfila in Italia è un “reperto” , un genere mummificato da snobbare anche come critica, un simulacro che parla una lingua scomparsa?

 

Nel secolo scorso, in Italia, la moda si faceva conoscere con iniziative sporadiche private : sfilate proposte singolarmente e quasi in segreto (solo per le clienti di fiducia!) dal sarto che allora non si chiamava “stilista” perché i vestiti si facevano a mano in sartoria e unico artefice del modello e della confezione era il sarto con la sua èquipe di “piccinine” che apprendevano fin da bambine il mestiere in atelier. Gli stilisti nascono con il pret-à-porter per il quale serve un designer che può anche non conoscere (come avviene oggi) il lavoro artigianale di sartoria se non con apprendimenti frettolosi e insufficienti dati dalle scuole che provvedono a fornirlo dei mezzi per produrre abiti in serie (pret-à-porter) .

 

Il sarto accompagna , accarezza con il tessuto il corpo da vestire e la moda confezionata in atelier dal sarto vero esiste ancora e si chiama “alta moda” : una definizione che ha creato e crea molta confusione tra i non addetti ai lavori , ma anche purtroppo tra gli addetti e tra alcuni commentatori mediatici che ritengono l’aggettivo “alta “ un attestato di qualità mentre invece è una indicazione di categoria artigianale, il “fatto a mano in pezzo unico, non riproducibile“.

 

Il dilagare del pret-à-porter, i prezzi imposti dal “lavoro a mano” ; il trend pubblicitario che ha reso più appetibili abiti in serie che non pezzi unici dedicati, coinvolgendo un pubblico fino allora attento solo a una moda d’atelier; la comodità di trovare l’abito pronto senza il tormentone delle prove in sartoria; un trend imposto dalla macchina pubblicitaria hanno fatto sì che nella seconda metà del Novecento iniziasse un declino dell’alta moda che possiamo comunque riscontrare in tutte le espressioni artigianali del “fatto a mano” destinato a una èlite sempre più esigua. La differenza tra “alta moda” e pret-à-porter come produzione è una questione contestuale : il pret-à-porter è un genere commerciale che racconta certamente un impegno creativo che lo stilista comunque affronta con finalità sempre commerciali: un tessuto che sia competitivo nel prezzo, una tavolozza di colori vendibile, un modello considerato con accortezze che ne consentano la riproduzione in numeri illimitati senza troppo dispendio di materiali, e che non richieda un numero di ore lavorative superiore al possibile. La collezione deve risultare un prodotto sicuro sotto il profilo mercantile.

 

L’ “alta moda “ invece racconta un vestito, una capsule, una collezione creata dal sarto (oggi chiamiamolo comunque stilista che piace di più), con finalità puramente artistiche: quel certo tessuto perché è bello, non importa quanto costi, quella forma perché piace, non importa se esige spreco di materiale nel taglio e tante ore di lavoro in sartoria, quel colore perché il guizzo artistico del creatore lo sente giusto per quel vestito, o per l’accessorio prodotto a mano. La vendibilità è un fattore relativo poiché si affida alla fiducia tra sarto e cliente, a un tam tam pubblicitario limitato a un porta a porta o a un passaparola tra clienti di altissimo prestigio.

 

Per affrontare più agevolmente il rapporto commerciale necessario alla divulgazione del pret-à-porter tra gli anni 1950-’60 nasceva a Firenze – su iniziativa di Giambattista Giorgini – la passerella comune in Sala Bianca di Palazzo Pitti, dove un gruppo di creatori accorpato in un’unica manifestazione esibiva le collezioni a un pubblico di compratori di tutto il mondo e alla critica di moda che nasceva allora con diffusione internazionale. Dapprima con il nome di Pitti Donna a Firenze che declassò la fortuna del SAMIA DI Torino dove fino allora si presentava la moda pronta senza nobiltà di firme ma comunque di uguale pregio; in seguito trasferita a Milano, la rassegna di moda pret –à-porter si è popolata di firme , molte provenienti dall’alta moda e altre nascenti , destinate a conquistare la celebrità. Ovvio che uniti insieme i creatori di pret trovarono la forza di esigere aiuti economici, concessioni di location prestigiose, supporti mediatici che pervennero ora più ora meno consistenti per dare una mano a far diventare la moda italiana quello che oggi è nel mondo.

 

E l’alta moda? Le grandi clienti non erano scomparse e i sarti continuavano a creare collezioni “uniche” : alcuni avevano accorpato alla produzione di atelier anche quella di pret restando creatori nei due settori , destinati a realizzarsi in seguito solo come pret, ma con un piede fermio sull’alta moda (vedi ad esempio Gianni Versace, Giorgio Armani, Fausto Sarli, Raffaella Curiel, Camillo Bona) . Anche i sarti dell’alta moda ritennero opportuno cercare di unirsi in una manifestazione somigliante a quella per il pret – e già presente a Roma sotto l’egida dell’Ente per la Moda Italiana – e aderirono all’idea di Amos Ciabattoni che trasferì i compiti dell’Ente della Moda nella Camera della Moda Italiana , da lui fondata e presieduta per anni con la finalità specifica di valorizzare l’alta moda italiana e quindi le presentazioni delle collezioni firmate dai sarti che si rivolgevano alla clientela esclusiva allora composta da personaggi dei salotti buoni, signore in profumo di eleganza consorti di grandi imprenditori, celebrità dell’alta finanza, della politica (Vittoria Leone, moglie del presidente del Consiglio aprì la pista delle prime signore della politica in prima fila alle sfilate romane d’alta moda).

 

Ma tra il pret e l’alta moda c’era un certo attrito: “rivalità”? “invidia” dicevano i grandi sarti riferendosi ai primi grandi stilisti di pret, “senso pratico” rispondevano gli stilisti del “pronto” sottolineando l’impossibilità per l’alta moda di reggere il tetto di mercato che poteva offrire il pret. Ecco quindi gli sgambetti e i giri viziosi per garantirsi aiuti più consistenti, ecco anche una sorta di sabotaggio campanilistico messo in atto anche, forse soprattutto, dalla stampa che avallò nei confronti delle sfilate di alta moda romane una sorta di embargo che ovviamente privilegiava quelle di Firenze e poi di Milano. Per esempio far seguire le sfilate di Pitti e poi di Milano dall’esperta di moda in carica presso la testata, mentre l’alta moda – un tempo seguita dalle grandi firme del giornalismo italiano – veniva recensita nelle pagine locali. La tecnica seguiva codici precisi: alta moda : “ un modo anacronistico di produrre abiti, con spese ingentissime, lavoro artigianale che consente un vestito unico per ogni modello, esiguità degli atelier che sono andati assottigliandosi per motivi economici evidenti, senza però che i sarti accettassero mai di rinunciare a questo ramo libero della fantasia, né le clienti , principesse arabe, mogli di imprenditori miliardari in cerca di unicità” . Pret-à-porter ? la moda “che parla il linguaggio del nostro tempo”.

 

Da allora l’alta moda italiana ha dovuto subire minacce di estinzione, attacchi e critiche furibonde ad ogni uscita di calendario delle rassegne: tropo pochi i couturiers importanti, troppi nomi sconosciuti messi dentro per rinforzare il programma e i sempre più esigui bilanci, troppo costoso l’ambaradan per conservare in vita le rassegne che due volte all’anno presentano le collezioni. Salvare l’”alta moda” è un ritornello che da decenni risuona senza che nessuno si chieda come mai in Francia, a due passi da noi, l’”alta moda” esiste, viene regolarmente proposta con una manifestazione ad essa (e solo ad essa) dedicata, con un calendario, calendario sia pure ridotto nei giorni occupati e nel numero di aderenti, predisposto dalla Chambre Sindycale de la Mode nel quale figurano molte firme italiane. A Parigi tutto viene accettato e seguito dalla stampa di tutto il mondo (compresa quella italiana) e gli accusatori dell’alta moda italiana (in Italia) non esitano ad esaltare stilisti italiani in trasferta a Parigi, prima snobbati a Roma . Haute couture sì, “alta moda” no. Perché?

 

Roma a un certo punto ha ritenuto che il calendario dovesse risultare più ricco di proposte varie orientandosi soprattutto sui giovani che sono in realtà il domani della moda tutta. (Quella dei “giovani” però – indipendentemente dall’età reale – è diventata una vera e propria “categoria” senza limiti di età… che probabilmente li accompagnerà fino all’ottantesimo compleanno). E’ evidente che oltre alla necessità di potenziare l’apporto di new entries nella moda, migliorando la preparazione degli aspiranti stilisti, il supporto ai “giovani” si presta a una maggiore attenzione e a un supporto economico che non può venire negato. Per salvare l’”alta moda” si ricorre quindi alla valorizzazione dei “giovani stilisti” creando nel 2002 – con la volontà di alcuni stilisti storici, la tenacia organizzativa di Stefano Dominella e il supporto di sponsors (soprattutto quello determinante e importante della Camera di Commercio di Roma) – l’organizzazione denominata “AltaRoma” per alcuni anni presieduta e “governata” dallo stesso Dominella e oggi da Silvia Venturini Fendi. Il progetto prevedeva una serie di manifestazioni per il lancio culturale e turistico di Roma, dalla cultura urbana al cinema, all’arte, alla musica e la moda, inserita a pieno titolo con un comparto dedicato (sia pure ob torto collo) all’alta moda. Il resto del calendario veniva riservato all’exploit dei giovani stilisti con il concorso validissimo (Who is on the Next?” ) voluto da Condè Nast e AltaRoma.

 

Sempre più emarginata, l’alta moda è diventata un elemento fantasmatico, mischiato con programmi di ogni tipo, in un calendario che alterna nomi importanti di couturiers italiani famosi a rassegne anche piacevoli che parlano di moda. Si legge “AltaRoma” ma non “Alta Moda” che in Italia resta una definizione tabù. Esiste l’haute couture in Francia, con il rafforzamento di molti stilisti italiani “in trasferta”, e sulla sua validità nessuna penna usualmente demolitrice dell’alta moda accusata di essere un ramo della moda in “smobilitazione storica” osa alzare il verbo contro esaltando anzi con fiumi di parole l’opera dei bravissimi stilisti. Non accadeva invece quando gli stessi sfilavano a Roma (basterebbe il successo di Grimaldi che ha sempre presentato cose eccellenti abbastanza in sordina a Roma e oggi osannato a Parigi dove si è trasferito . Così come possiamo vantare – dopo la Fashion week romana del gennaio scorso – collezioni superbe e di altissima classe come “il sogno” presentato da Gattinoni o “i fiori “ usciti dalla penna di un poeta per gli abiti ineccepibili di Renato Balestra, e le “architetture” da indossare firmate da Sabrina Persechino). E’ la vecchia storia del “nessun profeta in patria?”

 

Meritevole di approvazione l’organizzazione “AltaRoma” si sforza di tenere viva – anche dopo i tagli letali che quest’anno hanno decimato il budget del 90% – una sorta di fashion week romana dedicata soprattutto alle new entries . Ma il piatto forte resta per gli addetti ai lavori l’alta moda sia pure limitata a poche firme di grande qualità. Forse un calendario meno nutrito di espressioni varie concentrato sui nomi che portano ancora fiato alle trombe della nostra moda, più o meno “alta”, avrebbe consentito di indirizzare le entrate esigue verso una sede meno deprimente. Certamente l’ex caserma Guido Reni – che nel gennaio scorso ha svolto il ruolo di location per la settimana della moda a Roma – dopo l’annunciata ristrutturazione programmata – diventerà una bellissima location ma quest’anno, in condizioni di totale disagio non solo estetico, si è rivelata un distretto della tristezza, fatiscente, privo di confort sotto ogni punto di vista, lontano dal clichè che contrassegna le presentazioni di moda in tutto il mondo.

 

Entrate – sia pure decurtate – ne sono state elargite e agli stilisti , giovani e no, che hanno usufruito delle sale al Guido Reni District per la loro sfilata , è stato chiesto un quantum di 12.200 Euro , comprensivi dell’uso della sala e del backstage che (lamenta un espositore) era privo anche di servizi igienici per le modelle. Quanto a zone di pausa “meditativa” o rifocillante , da segnalare il “bar”, un’area fatiscente che poteva costituire una scenografia beckettiana depressiva da “Fin de partie”. Da segnalare in positivo? La qualità delle presentazioni, l’operosità fattiva e la gentilezza confortante del personale addetto ai servizi per la stampa, per l’accoglienza, per i transfert. La prossima fashion week romana che resta una manifestazione da non sottovalutare confermerà certo l’interesse di AltaRoma per i giovani ma dovrà ricavare nel calendario uno spazio specificamente dedicato all’”Alta Moda” italiana. Se non si potrà cambiare il Guido Reni District rendiamolo uno spazio da teatro del Carnevale, mettiamogli una maschera piacevole , confortante, possibilmente divertente.

 

 

 

 

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »