Moda
  • Jeep-Compass-1

    Il nuovo suv di Casa FCA, equipaggiata con le tecnologie Bosch, ha ottenuto le ambite cinque stelle agli Euro NCAP, garanzia di massima sicurezza.   Ad aver fatto la differenza, i sistemi di assistenza al volante (ADAS), in grado di intervenire in supporto al guidatore, la tecnologia Automated Emergency Braking (AEB), la frenata di emergenza […]

  • Opel-Infotainment_Navi-900-IntelliLink_944x476_ins1625_i05_130

    Il costruttore tedesco ha introdotto un nuovissimo sistema di infotainment con navigatore integrato, disponibile per i suoi modelli di maggior successo: Karl, Adam e Corsa.   Navi 4.0 IntelliLink, così chiamato, ha uno schermo touch da 7 pollici, connettività Bluethooth ed è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, integrato con OnStar, servizio di connettività […]

  • Schermata 2017-09-20 alle 10.41.04

    Europcar Italia ha annunciato la nomina di Alberto Panariello a nuovo Sales & Marketing Director.

  • cintura_sicurezza_fg

    Con l’obiettivo di ridurre il numero delle vittime della strada e degli incidenti stradali, è partita l’11 settembre scorso, in tutti i Paesi dell’Unione Europea, una campagna straordinaria di controlli sul corretto utilizzo delle cinture di sicurezza. E’ durata una settimana, fino al 17 settembre, ed è stata promossa da un network europeo di cooperazione […]

  • Schermata 2017-09-20 alle 11.28.11

    Si parte il 20 settembre, a Palazzo Morando, con il cocktail su invito “Who is on Next? & Vogue Talents”, appuntamento irrinunciabile della fashion week, aperto al pubblico dal 21 al 23 settembre dalle 10 alle 19. Grazie all’impegno di Vogue Italia, infatti, sono in scena i designer protagonisti di “Who is on Next?” progetto […]

  • Jun Ichikawa_Malone Souliers_Sep2017 2

    Jun Itchikawa, la talentuosa e bellissima attrice giapponese, ha indossato Malone Souliers.   L’attrice ha scelto l’iconico modello Robyn in morbido camoscio con listini argento a contrasto, e tacco stiletto.

  • ARTHUR_ARBESSER

    Fay, marchio d’abbigliamento del gruppo tod’s – è lieto di annunciare l’inizio della collaborazione con lo stilista Arthur Arbesser, che assumerà la direzione creativa del brand. La prima collezione autunno inverno, frutto della collaborazione, verrà presentata ad inizio 2018.   Nato e cresciuto a Vienna, Arbesser nutre e coltiva sin da giovanissimo un forte interesse […]

  • COLAZIONEDATIFFANY

    “Non riesco a concentrami sulle cose serie se non mi metto prima il rossetto” sospirava in taxi Audrey Hepburn accanto a George Peppard in “Colazione da Tiffany”. All’asta a Londra da Christie’s, tra i cinquecento lotti, ci sarà anche il suoporta-rossetto di Cartier. La vendita, voluta dai figli Sean Ferrer e Luca Dotti, sarà divisa […]

  • Sephora_Opening_BSaires_090

    In occasione della Milano Fashion Week, nel corso della XVII° edizione dei CHI E’ CHI AWARDS, è stato conferito a Sephora Italia il premio quale brand del mondo beauty che meglio interpreta le esigenze dei millennials e come marca più amata dalle nuove generazioni.     Chiamarli store sarebbe riduttivo: Sephora è un “luogo” – […]

  • 2017_09_19 BaL Atelier_Low-4

    Affermatosi a Milano come l’indirizzo cult per tutti gli appassionati di quelle “cose” che rendono la vita più bella, Atelier Zeitgeist apre oggi un prestigioso ed impattante spazio nel “salotto buono” nel cuore di Milano: la Rinascente piazza Duomo Milano, nominato “Miglior Department Store al Mondo” al Global Department Store Summit 2016. Nato dalla collaborazione […]

  • MO_Marchesa_9.13.2017__0039

    Hair Design by Moroccanoil Global Ambassador Antonio Corral Calero.     Ispirata all’esploratrice Aimée Crocker (1864-1941), la collezione di Marchesa SS18 è uno sguardo attraverso i suoi viaggi in Giappone. La voglia di viaggiare di Aimée Crocker unita alla sua passione per le perle, i serpenti, l’arte eccentrica e il buddismo, ha trasportato l’esploratrice in […]

  • Schermata 2017-09-15 alle 09.37.14

    Siero rinforzante +trattamento volumizzante
per ciglia e sopracciglia - 2 step, 2 azioni, 1 risultato: Ciglia e sopracciglia ridensificate     Step 1: trattamento rinforzante con pennello applicatore molto sottile e ultra preciso, per raggiungere l’attaccatura di ciglia e sopracciglia. Risultato: ciglia e sopracciglia più resistenti, meno soggette alla caduta.     Step 2: trattamento ridensificante in […]

  • c11e872e-dc1e-46a3-83a3-ecfddad25108

    Lo storico marchio milanese ha scelto di collaborare con DIMORESTUDIO per gli scatti della collezione Autunno/Inverno 2017/18.   Fondato a Milano nel 2003 da Britt Moran e Emiliano Salci, DIMORESTUDIO è uno studio di progettazione e design a 360 gradi, che spazia da progetti di interior design per privati, a spazi quali boutique, hotel e […]

  • alma_sede2

    Nuova sede, nuova immagine, nuovo logo che ne valorizza il percorso di crescita intrapreso: Alma Design celebra i dieci anni di attività nel segno di un sostanziale rinnovamento, che allude a un assetto sempre più internazionale. Un involucro in elegante tonalità antracite, ritmato da ampie aperture e da piani a differenti profondità, definisce il nuovo […]

  • 06_Luxury Living Group, Vincent DarrÇ project

    In occasione di Maison & Objet, Luxury Living Group presenta un allestimento scenografico curato dal designer e decoratore d’interni Vincent Darré.     Il designer progetta uno spazio all’insegna del surrealismo, trasformando per magia il negozio Luxury Living di Parigi in un castello incantato, quello di una bella addormentata ipnotizzata da animali eccentrici.

  • 5e989f2a-5742-431d-834a-470bd24620f1

    L22 ha vinto il premio BSA 2017, attestato di riconoscimento del progetto di via Fatebenefratelli che, attraverso l’utilizzo di avanzate tecniche e software di simulazione, ha stimato e ottimizzato le performance energetiche e di comfort dell’edificio.    Il progetto. Una classica architettura residenziale degli anni Quaranta diventa una struttura contemporanea per uffici. Il progetto di L22 […]

  • b13b23a64a758e76_800x800ar

    Uno dei salotti popolari dell’aeroporto di Monaco ha un aspetto nuovo di zecca. Dopo ampie ristrutturazioni, l’ex Europa Lounge è stato riaperto sotto il nome di Airport Lounge Europe. La struttura ristrutturata, caratterizzata da un layout trasparente e da strutture chiare e aperte, offre posti a sedere per 44 persone e dispone di un totale […]

  • Deutz_champagne-1320x880

    Da dicembre 2017 infatti, e per un intero anno, a tutti i passeggeri di Prima Classe sui voli Japan Airlines verrà offerto in esclusiva lo Champagne William Deutz 2006.   Si tratta di un Brut millesimato che nasce dalla combinazione di circa il 70% di Pinot Nero, un terzo di Chardonnay e a seconda dell’annata […]

  • Twitter

    L’Aeroporto di Milano Bergamo battezza i propri profili social, presenti da oggi sulle piattaforme Facebook e Instagram come “Milan Bergamo Airport” e su Twitter come @MilanBergamoBGY. SACBO sceglie così di allargare ai canali web di più larga diffusione la comunicazione relativa alle attività e ai servizi aeroportuali. Una connessione permanente a beneficio di quanti utilizzano […]

  • easyjet-in-volo-2

    Bottega ha stipulato per la durata di un anno un accordo di fornitura con EasyJet. La compagnia aerea britannica, colosso dei voli low cost, ha inserito nel listino di vendita per il consumo a bordo Il Vino dei Poeti Prosecco Doc, nella versione Birillo da 20 cl. EasyJet ha da tempo scelto l’aeroporto di Venezia […]

  • Glacè_Pink Glitter

    Glacè arriva a Milano in versione street con una dolce sorpresa per tutti coloro che vogliono concedersi un piccolo peccato di gola durante la Fashion Week.   Per l’occasione Ilaria Forlani ha realizzato due stecchi in limited edition: il pink glitter con cioccolato bianco al profumo di limone con gocce di lampone e il black […]

  • CSWWC2017-001

    La cantina trentina si aggiudica per la seconda volta questo importante riconoscimento da The Champagne & Sparkling Wine World Championships, la più prestigiosa competizione internazionale dedicata alle bollicine.   Il risultato, frutto delle ben 11 medaglie d’oro conquistate da Ferrari con altrettanti Trentodoc, è stato proclamato dall’ideatore stesso della competizione Tom Stevenson, un’autorità internazionale nel […]

  • d2c15fd8be0a40dc8eb063201024e803-kl5D-U4323089348926004F-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

    Cos’è winelivery.com?   winelivery.com è un e-commerce che ti porta a casa vino, birra e altri drink alla giusta temperatura con consegna gratuita in 30 minuti in tutta zona urbana di Milano.   Il servizio è stato lanciato nel Gennaio 2016 nella capitale lombarda dalla volontà di due giovani imprenditori di innovare il mondo delle […]

  • Ron Zacapa Aging Facility

    Torna il Tour Zacapa, il viaggio alla scoperta del celebre rum guatemalteco, da molti esperti considerato il migliore al mondo, interpretato dalle eccellenze della ristorazione italiana. 10 chef per 10 cene esclusive dedicate a Zacapa che coinvolge alcuni tra i migliori ristoranti d’Italia impegnati nell’abbinamento di alcune referenze della gamma in un menù creato ad […]

  • Revolution_Valentina Vignali

    Il nuovo fitness studio, sviluppato attorno ad un avveniristico concept di allenamento olistico body&mind, ha aperto le sue porte al pubblico, all’interno del Brian&Barry Building di Milano.   Un’apertura accompagnata dalla presenza di diversi personaggi dello spettacolo – Stefano De Martino, Elena D’Amario, Giorgia Palmas, Leonardo De Carli, Clara Alonso, Joe Bastianich e la cestista […]

  • pallone_serie_a_lapresse

    Ci sono sei squadre al vertice del campionato, a poche ore dall’inizio della quinta giornata della serie A. Tutte e sei lottano non solo per lo scudetto, ma anche per un posto in champions. Tutte e sei (Juve, Napoli, Inter, Lazio, Milan e Roma) hanno bisogno di aggiustare i ranghi per diventare piuù forti. Vediamo […]

  • KALINIC

    Juve, Napoli e Inter viaggiando a punteggio pieno. La Juve, ferrea e con un Dybala strabiliante e astrapante, segno che ha già dimenticato la brutta partita di Barcellona. Il Napoli, ricco di talenti, che strapazza con tre reti di Martens il povero Benevento. L’Inter che salvata da Handanovic a Cerotone segna un gol col colosso […]

  • CIRO IMMOBILE

    Una domenica per i cannonieri, una domenica per Dybala. Ma anche per Immobile e Kalinic: tutti e tre hanno trascinato, rispettivamente, Juventus, Lazio e Milan, al successo. Ma c’è modo e modo di reagire a certe vittorie. C’è chi pensa a sé stesso e chi, invece, ringrazia la squadra.   Che un giocatore solo possa […]

martedì, 7 febbraio 2017

AHI LA MODA! UN PO’ DI STORIA DI IERI E DI OGGI

di Luciana Boccardi
La sfilata Gattinoni ad Altaroma

La sfilata Gattinoni ad Altaroma

Tra poco iniziano le “grandi” sfilate, quella vetrina del pret-à-porter che risulta il verbo per conoscere dove va (e come sta) la moda del prossimo autunno-inverno 2017-2018.

 

Si sono appena svolte, a Parigi e a Roma, le sfilate d’alta moda femminile (per la P/E 2017) e , a giochi conclusi, credo sia doveroso aprire un discorso (che tra l’altro è già aperto da tempo, ma disatteso) affinchè si possa scrivere un punto – e a capo – su una vicenda che pare non si voglia affrontare con fermezza e sincerità.

E’ vero che l’ ”alta moda” italiana se sfila a Parigi viene considerata , commentata, esaltata, premiata mentre se sfila in Italia è un “reperto” , un genere mummificato da snobbare anche come critica, un simulacro che parla una lingua scomparsa?

 

Nel secolo scorso, in Italia, la moda si faceva conoscere con iniziative sporadiche private : sfilate proposte singolarmente e quasi in segreto (solo per le clienti di fiducia!) dal sarto che allora non si chiamava “stilista” perché i vestiti si facevano a mano in sartoria e unico artefice del modello e della confezione era il sarto con la sua èquipe di “piccinine” che apprendevano fin da bambine il mestiere in atelier. Gli stilisti nascono con il pret-à-porter per il quale serve un designer che può anche non conoscere (come avviene oggi) il lavoro artigianale di sartoria se non con apprendimenti frettolosi e insufficienti dati dalle scuole che provvedono a fornirlo dei mezzi per produrre abiti in serie (pret-à-porter) .

 

Il sarto accompagna , accarezza con il tessuto il corpo da vestire e la moda confezionata in atelier dal sarto vero esiste ancora e si chiama “alta moda” : una definizione che ha creato e crea molta confusione tra i non addetti ai lavori , ma anche purtroppo tra gli addetti e tra alcuni commentatori mediatici che ritengono l’aggettivo “alta “ un attestato di qualità mentre invece è una indicazione di categoria artigianale, il “fatto a mano in pezzo unico, non riproducibile“.

 

Il dilagare del pret-à-porter, i prezzi imposti dal “lavoro a mano” ; il trend pubblicitario che ha reso più appetibili abiti in serie che non pezzi unici dedicati, coinvolgendo un pubblico fino allora attento solo a una moda d’atelier; la comodità di trovare l’abito pronto senza il tormentone delle prove in sartoria; un trend imposto dalla macchina pubblicitaria hanno fatto sì che nella seconda metà del Novecento iniziasse un declino dell’alta moda che possiamo comunque riscontrare in tutte le espressioni artigianali del “fatto a mano” destinato a una èlite sempre più esigua. La differenza tra “alta moda” e pret-à-porter come produzione è una questione contestuale : il pret-à-porter è un genere commerciale che racconta certamente un impegno creativo che lo stilista comunque affronta con finalità sempre commerciali: un tessuto che sia competitivo nel prezzo, una tavolozza di colori vendibile, un modello considerato con accortezze che ne consentano la riproduzione in numeri illimitati senza troppo dispendio di materiali, e che non richieda un numero di ore lavorative superiore al possibile. La collezione deve risultare un prodotto sicuro sotto il profilo mercantile.

 

L’ “alta moda “ invece racconta un vestito, una capsule, una collezione creata dal sarto (oggi chiamiamolo comunque stilista che piace di più), con finalità puramente artistiche: quel certo tessuto perché è bello, non importa quanto costi, quella forma perché piace, non importa se esige spreco di materiale nel taglio e tante ore di lavoro in sartoria, quel colore perché il guizzo artistico del creatore lo sente giusto per quel vestito, o per l’accessorio prodotto a mano. La vendibilità è un fattore relativo poiché si affida alla fiducia tra sarto e cliente, a un tam tam pubblicitario limitato a un porta a porta o a un passaparola tra clienti di altissimo prestigio.

 

Per affrontare più agevolmente il rapporto commerciale necessario alla divulgazione del pret-à-porter tra gli anni 1950-’60 nasceva a Firenze – su iniziativa di Giambattista Giorgini – la passerella comune in Sala Bianca di Palazzo Pitti, dove un gruppo di creatori accorpato in un’unica manifestazione esibiva le collezioni a un pubblico di compratori di tutto il mondo e alla critica di moda che nasceva allora con diffusione internazionale. Dapprima con il nome di Pitti Donna a Firenze che declassò la fortuna del SAMIA DI Torino dove fino allora si presentava la moda pronta senza nobiltà di firme ma comunque di uguale pregio; in seguito trasferita a Milano, la rassegna di moda pret –à-porter si è popolata di firme , molte provenienti dall’alta moda e altre nascenti , destinate a conquistare la celebrità. Ovvio che uniti insieme i creatori di pret trovarono la forza di esigere aiuti economici, concessioni di location prestigiose, supporti mediatici che pervennero ora più ora meno consistenti per dare una mano a far diventare la moda italiana quello che oggi è nel mondo.

 

E l’alta moda? Le grandi clienti non erano scomparse e i sarti continuavano a creare collezioni “uniche” : alcuni avevano accorpato alla produzione di atelier anche quella di pret restando creatori nei due settori , destinati a realizzarsi in seguito solo come pret, ma con un piede fermio sull’alta moda (vedi ad esempio Gianni Versace, Giorgio Armani, Fausto Sarli, Raffaella Curiel, Camillo Bona) . Anche i sarti dell’alta moda ritennero opportuno cercare di unirsi in una manifestazione somigliante a quella per il pret – e già presente a Roma sotto l’egida dell’Ente per la Moda Italiana – e aderirono all’idea di Amos Ciabattoni che trasferì i compiti dell’Ente della Moda nella Camera della Moda Italiana , da lui fondata e presieduta per anni con la finalità specifica di valorizzare l’alta moda italiana e quindi le presentazioni delle collezioni firmate dai sarti che si rivolgevano alla clientela esclusiva allora composta da personaggi dei salotti buoni, signore in profumo di eleganza consorti di grandi imprenditori, celebrità dell’alta finanza, della politica (Vittoria Leone, moglie del presidente del Consiglio aprì la pista delle prime signore della politica in prima fila alle sfilate romane d’alta moda).

 

Ma tra il pret e l’alta moda c’era un certo attrito: “rivalità”? “invidia” dicevano i grandi sarti riferendosi ai primi grandi stilisti di pret, “senso pratico” rispondevano gli stilisti del “pronto” sottolineando l’impossibilità per l’alta moda di reggere il tetto di mercato che poteva offrire il pret. Ecco quindi gli sgambetti e i giri viziosi per garantirsi aiuti più consistenti, ecco anche una sorta di sabotaggio campanilistico messo in atto anche, forse soprattutto, dalla stampa che avallò nei confronti delle sfilate di alta moda romane una sorta di embargo che ovviamente privilegiava quelle di Firenze e poi di Milano. Per esempio far seguire le sfilate di Pitti e poi di Milano dall’esperta di moda in carica presso la testata, mentre l’alta moda – un tempo seguita dalle grandi firme del giornalismo italiano – veniva recensita nelle pagine locali. La tecnica seguiva codici precisi: alta moda : “ un modo anacronistico di produrre abiti, con spese ingentissime, lavoro artigianale che consente un vestito unico per ogni modello, esiguità degli atelier che sono andati assottigliandosi per motivi economici evidenti, senza però che i sarti accettassero mai di rinunciare a questo ramo libero della fantasia, né le clienti , principesse arabe, mogli di imprenditori miliardari in cerca di unicità” . Pret-à-porter ? la moda “che parla il linguaggio del nostro tempo”.

 

Da allora l’alta moda italiana ha dovuto subire minacce di estinzione, attacchi e critiche furibonde ad ogni uscita di calendario delle rassegne: tropo pochi i couturiers importanti, troppi nomi sconosciuti messi dentro per rinforzare il programma e i sempre più esigui bilanci, troppo costoso l’ambaradan per conservare in vita le rassegne che due volte all’anno presentano le collezioni. Salvare l’”alta moda” è un ritornello che da decenni risuona senza che nessuno si chieda come mai in Francia, a due passi da noi, l’”alta moda” esiste, viene regolarmente proposta con una manifestazione ad essa (e solo ad essa) dedicata, con un calendario, calendario sia pure ridotto nei giorni occupati e nel numero di aderenti, predisposto dalla Chambre Sindycale de la Mode nel quale figurano molte firme italiane. A Parigi tutto viene accettato e seguito dalla stampa di tutto il mondo (compresa quella italiana) e gli accusatori dell’alta moda italiana (in Italia) non esitano ad esaltare stilisti italiani in trasferta a Parigi, prima snobbati a Roma . Haute couture sì, “alta moda” no. Perché?

 

Roma a un certo punto ha ritenuto che il calendario dovesse risultare più ricco di proposte varie orientandosi soprattutto sui giovani che sono in realtà il domani della moda tutta. (Quella dei “giovani” però – indipendentemente dall’età reale – è diventata una vera e propria “categoria” senza limiti di età… che probabilmente li accompagnerà fino all’ottantesimo compleanno). E’ evidente che oltre alla necessità di potenziare l’apporto di new entries nella moda, migliorando la preparazione degli aspiranti stilisti, il supporto ai “giovani” si presta a una maggiore attenzione e a un supporto economico che non può venire negato. Per salvare l’”alta moda” si ricorre quindi alla valorizzazione dei “giovani stilisti” creando nel 2002 – con la volontà di alcuni stilisti storici, la tenacia organizzativa di Stefano Dominella e il supporto di sponsors (soprattutto quello determinante e importante della Camera di Commercio di Roma) – l’organizzazione denominata “AltaRoma” per alcuni anni presieduta e “governata” dallo stesso Dominella e oggi da Silvia Venturini Fendi. Il progetto prevedeva una serie di manifestazioni per il lancio culturale e turistico di Roma, dalla cultura urbana al cinema, all’arte, alla musica e la moda, inserita a pieno titolo con un comparto dedicato (sia pure ob torto collo) all’alta moda. Il resto del calendario veniva riservato all’exploit dei giovani stilisti con il concorso validissimo (Who is on the Next?” ) voluto da Condè Nast e AltaRoma.

 

Sempre più emarginata, l’alta moda è diventata un elemento fantasmatico, mischiato con programmi di ogni tipo, in un calendario che alterna nomi importanti di couturiers italiani famosi a rassegne anche piacevoli che parlano di moda. Si legge “AltaRoma” ma non “Alta Moda” che in Italia resta una definizione tabù. Esiste l’haute couture in Francia, con il rafforzamento di molti stilisti italiani “in trasferta”, e sulla sua validità nessuna penna usualmente demolitrice dell’alta moda accusata di essere un ramo della moda in “smobilitazione storica” osa alzare il verbo contro esaltando anzi con fiumi di parole l’opera dei bravissimi stilisti. Non accadeva invece quando gli stessi sfilavano a Roma (basterebbe il successo di Grimaldi che ha sempre presentato cose eccellenti abbastanza in sordina a Roma e oggi osannato a Parigi dove si è trasferito . Così come possiamo vantare – dopo la Fashion week romana del gennaio scorso – collezioni superbe e di altissima classe come “il sogno” presentato da Gattinoni o “i fiori “ usciti dalla penna di un poeta per gli abiti ineccepibili di Renato Balestra, e le “architetture” da indossare firmate da Sabrina Persechino). E’ la vecchia storia del “nessun profeta in patria?”

 

Meritevole di approvazione l’organizzazione “AltaRoma” si sforza di tenere viva – anche dopo i tagli letali che quest’anno hanno decimato il budget del 90% – una sorta di fashion week romana dedicata soprattutto alle new entries . Ma il piatto forte resta per gli addetti ai lavori l’alta moda sia pure limitata a poche firme di grande qualità. Forse un calendario meno nutrito di espressioni varie concentrato sui nomi che portano ancora fiato alle trombe della nostra moda, più o meno “alta”, avrebbe consentito di indirizzare le entrate esigue verso una sede meno deprimente. Certamente l’ex caserma Guido Reni – che nel gennaio scorso ha svolto il ruolo di location per la settimana della moda a Roma – dopo l’annunciata ristrutturazione programmata – diventerà una bellissima location ma quest’anno, in condizioni di totale disagio non solo estetico, si è rivelata un distretto della tristezza, fatiscente, privo di confort sotto ogni punto di vista, lontano dal clichè che contrassegna le presentazioni di moda in tutto il mondo.

 

Entrate – sia pure decurtate – ne sono state elargite e agli stilisti , giovani e no, che hanno usufruito delle sale al Guido Reni District per la loro sfilata , è stato chiesto un quantum di 12.200 Euro , comprensivi dell’uso della sala e del backstage che (lamenta un espositore) era privo anche di servizi igienici per le modelle. Quanto a zone di pausa “meditativa” o rifocillante , da segnalare il “bar”, un’area fatiscente che poteva costituire una scenografia beckettiana depressiva da “Fin de partie”. Da segnalare in positivo? La qualità delle presentazioni, l’operosità fattiva e la gentilezza confortante del personale addetto ai servizi per la stampa, per l’accoglienza, per i transfert. La prossima fashion week romana che resta una manifestazione da non sottovalutare confermerà certo l’interesse di AltaRoma per i giovani ma dovrà ricavare nel calendario uno spazio specificamente dedicato all’”Alta Moda” italiana. Se non si potrà cambiare il Guido Reni District rendiamolo uno spazio da teatro del Carnevale, mettiamogli una maschera piacevole , confortante, possibilmente divertente.

 

 

 

 

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »