Moda
  • toyota

    Il Service Toyota ha lanciato il nuovo Toyota Hybrid Service, il programma di manutenzione dedicato alle vetture ibride. Questo programma permette di estendere la garanzia della batteria ibrida fino a 10 anni, con chilometraggio illimitato, ed in maniera del tutto gratuita, ad ogni intervento di manutenzione è previsto il controllo accurato di tutte le componenti […]

  • Lotus

    Il brand britannico propone la sua Lotus Elise nella nuova variante Sprint. Pesa meno di 800 kg, 798 kg per l’esattezza, rispetto alla versione rinnovata del 2010 è stata ulteriormente snellita di 41 kg grazie all’ impiego della fibra di carbonio per vari elementi,  l’adozione di una batteria agli ioni di litio al posto di […]

  • FCA

    Dal 1° aprile, Roberto Debortoli ha assunto, nell´ambito del Germany Business Center, la responsabilitá di Brand Country Manager Fiat/Abarth, sostituendo Giorgio Vinciguerra, che a sua volta assume, nell´ambito del Business Center, il ruolo di Customer Experience Manager.

  • Elon Musk

    Agli inizi del Millenovecento, quando le automobili cominciavano a diventare popolari e costruirle poteva essere un affare, furono parecchi gli imprenditori che, in piccolo o in grande, si cimentarono nella loro produzione, facendo nascere Case e Marchi che ebbero alterna fortuna. Alcuni esistono tuttora mentre altri sono scomparsi e solo gli appassionati, i collezionisti e […]

  • Sant'agata in prigione

    Presso le Gallerie dell’Accademia di Venezia, sono state presentate le mostre dedicate ai due dipinti di Paolo Veronese provenienti dalla chiesa di San Pietro Martire a Murano, restaurati da Venetian Heritage con il generoso sostegno di Bulgari. Dopo il restauro della Scala d’Oro di Palazzo Ducale, riconsegnata alla città nel 2008 in seguito ad un […]

  • The Duchess Of Cambridge Hosts Team Heads Together Runners

    La Duchessa di Cambridge Kate Middleton ha indossato un nuovo capo Luisa Spagnoli, un pullover in cotone a righe della collezione Luisa Spagnoli primavera-estate 2017, durante un incontro avvenuto mercoledì 19 Aprile a Kensigton Palace, con il team HeadsTogether in occasione della maratona di Londra a sostegno della salute mentale.

  • ENRICO LEONARD FAGONE

    Nuove importanti nomine ai vertici di Istituto Marangoni: il Gruppo ha assegnato la carica di Director of Education, Istituto Marangoni di Milano – The School of Design a Enrico Fagone, già Senior Lecturer in Product Design and Design Management, nonché professore aggiunto al Politecnico di Henan (China) e Visiting Professor presso la Wuyi University di […]

  • 9-settimane-e-mezzo_1200x628_

    Erano trascorsi quasi venti anni da quando, con le sue calze bianche, Anne Brancoft – ne “Il Laureato”- fece parlare, e scrivere, di erotismo al vertice. Ed ecco che nel 1987, Kim Basinger – con “9 settimane e 1/2″, girato l’anno precedente – divenne il sex symbol per eccellenza degli anni ’80. Surclassata, nel 1992, […]

  • Senza titolo 5

    Una protezione alta viso e corpo in spray, super pratica e multi funzione che offre tutto il piacere di una texture leggera dal profumo che sa di vacanze. E per il suo lancio, un’altra sorpresa: una inedita collaborazione con Roland-Garros, il celebre Grand Chelem 100% Made in France. In un unico gesto lo Spray fondente […]

  • Senza titolo 5

    L’effetto mosso spettinato è una delle acconciature più trendy per questa estate 2017, non solo in passerella. Un look easy e versatile che si adatta a qualsiasi occasione, dalla giornata intera trascorsa al mare con gli amici, fino all’happy hour glam in piscina.   Per giocare in libertà con lo stile da spiaggia, TIGI ha […]

  • cli

    Per prepararsi all’estate e proteggere il proprio corpo dai raggi uvb/uva, Clinique propone la sua nuova linea. Per il viso ha formulato SPF 30 Anti-Wrinkle Face Cream, una crema solare dalla texture vellutata, arricchita di filtri chimici e filtri minerali, mentre per il corpo propone SPF 30 Virtu-Oil Body Mist,  spray realizzato per una pelle […]

  • Groupage

    Il brand newyorkese Kiehl’s festeggia 10 anni dall’apertura della prima boutique monomarca in Italia con una speciale edizione limitata Kiehl’s Loves Italy. Per l’occasione, quattro dei bestseller che hanno fatto la storia e il successo del brand in Italia e nel mondo saranno rivisitati nel pack da DaveHomer, designer di fama internazionale che vive tra […]

  • The Red Box

    In occasione dell’ edizione 2017 della Milano Design Week, ILVA Vernici per Legno, in collaborazione con l’architetto Giulio Cappellini, ha presentato la sua installazione presso lo Spazio Forobuonaparte 60. L’ installazione è stata suddivisa in tre aree distinte, la stanza principale ha accolto The Green Landscape, uno scultoreo paesaggio di una città ideale, in un […]

  • 1704_BB_ES-4(0)

    In concomitanza con la 57. Biennale di Venezia, il Museo di Palazzo Grimani presenterà Evocative Surfaces, un’installazione di dipinti di ampio formato opera dell’artista Beverly Barkat. L’allestimento prevede una serie di pannelli in pvc dipinti, realizzati appositamente per gli spazi del Palazzo. Outset Contemporary Art Fund offre il proprio patrocinio alla mostra.   “L’ispirazione per Evocative Surfaces è […]

  • Foscarini_Postcards_of_light_Milan_17_2

    Postcards of Light, iI progetto fotografico di Gianluca Vassallo per Foscarini, presentato a Stoccolma in occasione della Stockholm Furniture & Fair, è sbarcato a Milano durante la settimana del design e ha reso le lampade dell’azienda testimoni dei frammenti di vita che ogni passante porta con sé.   “Postcards of Light” nasce dalla memoria dell’autore, […]

  • Senza titolo 5

    La rinnovata collaborazione tra Ethimo e Luca Nichetto dà vita a Pluvia, la nuova e versatile poltroncina dalla quale emerge l’equilibrato senso estetico del designer e la capacità di Ethimo a creare arredi outdoor di ispirazione sempre diversa.   Dopo Esedra, il sistema di arredi outdoor dalla caratteristica forma a ‘C’, che rievoca nel nome […]

  • 970_thumb

    Il 19 aprile l’aeroporto internazionale di Riga ha salutato il suo 60 milionesimo passeggero, un record raggiunto dal 1991, anno dell’indipendenza della Lettonia dall’Urss. Curt Almquist, scienziato svedese, giunto nella capitale  lettone per partecipare ad un convegno, è stato accolto allo scalo internazionale con tanto di tappeto rosso e guardia d’onore, ha ricevuto in regalo […]

  • emirates-airlines-airbus-a380-4

    Emirates ha vinto il premio come miglior compagnia aerea al mondo alla prima edizione dei TripAdvisor Travelers’ Choice Awards for Airlines. Oltre ad essersi assicurato il premio più prestigioso, Emirates è risultata prima in altre 4 categorie tra cui “Best Major Airline – Middle East & Africa”, “Best Economy Class”, “Best First Class” e “World’s […]

  • Cambiano-IacobucciPF

    Iacobucci HF Aerospace, specializzato nella creazione di soluzioni esclusive e innovative per l’aviazione, ha presentato ad Amburgo, all’Aircraft Interiors Expo, in programma dal 4 al 6 aprile, in collaborazione con Pininfarina, Cambiano, una poltrona pensata per i voli a medio raggio. La seduta da business class è stata realizzata con materiali di alta qualità, unisce […]

  • 05-Hanro_Gstaad

    Il brand di lingerie, intimo notte e biancheria loungewear per uomo e donna, ha inaugurato nell’aeroporto di Zurigo la sua decima boutique monomarca nel mondo e la seconda in Svizzera, dopo lo store di recente apertura a Gstaad. Per Harno si tratta del suo primo Airport-Store e l’aeroporto di Zurigo, con oltre 27 milioni di viaggiatori […]

  • Pujje - bassa

    L’olio evo Pujje partecipa a due appuntamenti nella sua regione d’ origine. Sarà presente a OliÈ, salone degli oli extravergine pugliesi che si terrà al Catello Carlo V di Lecce dal 22 al 25 aprile e al sesto appuntamento con Sapor di Storia, in programma il 30 aprile al Castello Aragonese di Taranto. OliÈ presenterà […]

  • 17086 067 Y3.2 nera

    illycaffè, azienda leader globale nel segmento del caffè di alta qualità, lancia la nuova Y3, la macchina da caffè disegnata dall’Architetto Piero Lissoni e presentata in anteprima in occasione dell’ultimo Salone del Mobile di Milano. Una nuova sfida che unisce design e tecnologia in un oggetto di uso quotidiano per avvicinare al gusto del blend […]

  • La Bancarella Sanpellegrino

    Dai mercati di paese disseminati nelle piazze di tutto lo Stivale, Bibite Sanpellegrino, sceglie di raccontare il legame con la propria origine e con le materie prime mediterranee proprio attraverso La Bancarella, un’opera di design creata in crowdsourcing con i giovani creativi dello Ied, presentata in occasione della settimana del design di Milano, e che, […]

  • ??????????

    Se ne parla, se ne scrive e si beve sempre di più nel mondo: il rosé piace. La produzione mondiale si attesta intorno ai 22,7 milioni di ettolitri, circa il 10% del totale.L’Italia è il secondo esportatore nel mondo in volume con il 16%. Solo negli Usa, nel 2016, le vendite di vino rosato sono […]

  • FBL-EUR-C1-DRAW

    La Juventus ha pescato il Monaco in semifinale: sarà una partita che vedrà opposte esperenza italiana e spensieratezza principesca. AVrei preferito incontrare nella doppia partita il Real, ben conosciuto e pertanto meno pericoloso di una squadra imprevedibile, capace di afre tanti gol in trasferta, sia pure subendone parecchi. Il Monaco fonda le sue speranze nei […]

  • 1920_coni8

    Il lungo viaggio di Toyota al fianco dell’Italia Team verso le prossime Olimpiadi è cominciato da Bolzano, unica città italiana con un distributore di idrogeno pienamente funzionante, in occasione della presentazione del Club Olimpico dei Giochi Invernali 2018 di Pyeongchang. Presenti alla conferenza il presidente del Coni Giovanni Malagò che, insieme all’amministratore delegato Andrea Carlucci, […]

  • 3bbcc5b1-831a-4f36-af74-0f920813d13a

    Lo splendido Salone Umberto I di Palazzo Cusani a Milano ha fatto da cornice ieri, mercoledì 19 aprile, alla cerimonia di consegna dei Charity Awards, riconoscimenti che RCS Active Team – RCS Sport assegna alle organizzazioni non profit, alle staffette, alle aziende e ai fundraiser più virtuosi che hanno preso parte alla EA7 Emporio Armani […]

  • lega-pro

    Il Premio Stracca, nato dalla partnership tra Lega Pro e Corriere della Sera, è arrivato alla sesta edizione. Il concorso per i futuri giornalisti, dedicato a Roberto Stracca, giornalista del Corriere della Sera scomparso prematuramente a 40 anni nel novembre 2010, si è aperto con la prova scritta degli allievi del primo anno della scuola […]

martedì, 7 febbraio 2017

AHI LA MODA! UN PO’ DI STORIA DI IERI E DI OGGI

di Luciana Boccardi
La sfilata Gattinoni ad Altaroma

La sfilata Gattinoni ad Altaroma

Tra poco iniziano le “grandi” sfilate, quella vetrina del pret-à-porter che risulta il verbo per conoscere dove va (e come sta) la moda del prossimo autunno-inverno 2017-2018.

 

Si sono appena svolte, a Parigi e a Roma, le sfilate d’alta moda femminile (per la P/E 2017) e , a giochi conclusi, credo sia doveroso aprire un discorso (che tra l’altro è già aperto da tempo, ma disatteso) affinchè si possa scrivere un punto – e a capo – su una vicenda che pare non si voglia affrontare con fermezza e sincerità.

E’ vero che l’ ”alta moda” italiana se sfila a Parigi viene considerata , commentata, esaltata, premiata mentre se sfila in Italia è un “reperto” , un genere mummificato da snobbare anche come critica, un simulacro che parla una lingua scomparsa?

 

Nel secolo scorso, in Italia, la moda si faceva conoscere con iniziative sporadiche private : sfilate proposte singolarmente e quasi in segreto (solo per le clienti di fiducia!) dal sarto che allora non si chiamava “stilista” perché i vestiti si facevano a mano in sartoria e unico artefice del modello e della confezione era il sarto con la sua èquipe di “piccinine” che apprendevano fin da bambine il mestiere in atelier. Gli stilisti nascono con il pret-à-porter per il quale serve un designer che può anche non conoscere (come avviene oggi) il lavoro artigianale di sartoria se non con apprendimenti frettolosi e insufficienti dati dalle scuole che provvedono a fornirlo dei mezzi per produrre abiti in serie (pret-à-porter) .

 

Il sarto accompagna , accarezza con il tessuto il corpo da vestire e la moda confezionata in atelier dal sarto vero esiste ancora e si chiama “alta moda” : una definizione che ha creato e crea molta confusione tra i non addetti ai lavori , ma anche purtroppo tra gli addetti e tra alcuni commentatori mediatici che ritengono l’aggettivo “alta “ un attestato di qualità mentre invece è una indicazione di categoria artigianale, il “fatto a mano in pezzo unico, non riproducibile“.

 

Il dilagare del pret-à-porter, i prezzi imposti dal “lavoro a mano” ; il trend pubblicitario che ha reso più appetibili abiti in serie che non pezzi unici dedicati, coinvolgendo un pubblico fino allora attento solo a una moda d’atelier; la comodità di trovare l’abito pronto senza il tormentone delle prove in sartoria; un trend imposto dalla macchina pubblicitaria hanno fatto sì che nella seconda metà del Novecento iniziasse un declino dell’alta moda che possiamo comunque riscontrare in tutte le espressioni artigianali del “fatto a mano” destinato a una èlite sempre più esigua. La differenza tra “alta moda” e pret-à-porter come produzione è una questione contestuale : il pret-à-porter è un genere commerciale che racconta certamente un impegno creativo che lo stilista comunque affronta con finalità sempre commerciali: un tessuto che sia competitivo nel prezzo, una tavolozza di colori vendibile, un modello considerato con accortezze che ne consentano la riproduzione in numeri illimitati senza troppo dispendio di materiali, e che non richieda un numero di ore lavorative superiore al possibile. La collezione deve risultare un prodotto sicuro sotto il profilo mercantile.

 

L’ “alta moda “ invece racconta un vestito, una capsule, una collezione creata dal sarto (oggi chiamiamolo comunque stilista che piace di più), con finalità puramente artistiche: quel certo tessuto perché è bello, non importa quanto costi, quella forma perché piace, non importa se esige spreco di materiale nel taglio e tante ore di lavoro in sartoria, quel colore perché il guizzo artistico del creatore lo sente giusto per quel vestito, o per l’accessorio prodotto a mano. La vendibilità è un fattore relativo poiché si affida alla fiducia tra sarto e cliente, a un tam tam pubblicitario limitato a un porta a porta o a un passaparola tra clienti di altissimo prestigio.

 

Per affrontare più agevolmente il rapporto commerciale necessario alla divulgazione del pret-à-porter tra gli anni 1950-’60 nasceva a Firenze – su iniziativa di Giambattista Giorgini – la passerella comune in Sala Bianca di Palazzo Pitti, dove un gruppo di creatori accorpato in un’unica manifestazione esibiva le collezioni a un pubblico di compratori di tutto il mondo e alla critica di moda che nasceva allora con diffusione internazionale. Dapprima con il nome di Pitti Donna a Firenze che declassò la fortuna del SAMIA DI Torino dove fino allora si presentava la moda pronta senza nobiltà di firme ma comunque di uguale pregio; in seguito trasferita a Milano, la rassegna di moda pret –à-porter si è popolata di firme , molte provenienti dall’alta moda e altre nascenti , destinate a conquistare la celebrità. Ovvio che uniti insieme i creatori di pret trovarono la forza di esigere aiuti economici, concessioni di location prestigiose, supporti mediatici che pervennero ora più ora meno consistenti per dare una mano a far diventare la moda italiana quello che oggi è nel mondo.

 

E l’alta moda? Le grandi clienti non erano scomparse e i sarti continuavano a creare collezioni “uniche” : alcuni avevano accorpato alla produzione di atelier anche quella di pret restando creatori nei due settori , destinati a realizzarsi in seguito solo come pret, ma con un piede fermio sull’alta moda (vedi ad esempio Gianni Versace, Giorgio Armani, Fausto Sarli, Raffaella Curiel, Camillo Bona) . Anche i sarti dell’alta moda ritennero opportuno cercare di unirsi in una manifestazione somigliante a quella per il pret – e già presente a Roma sotto l’egida dell’Ente per la Moda Italiana – e aderirono all’idea di Amos Ciabattoni che trasferì i compiti dell’Ente della Moda nella Camera della Moda Italiana , da lui fondata e presieduta per anni con la finalità specifica di valorizzare l’alta moda italiana e quindi le presentazioni delle collezioni firmate dai sarti che si rivolgevano alla clientela esclusiva allora composta da personaggi dei salotti buoni, signore in profumo di eleganza consorti di grandi imprenditori, celebrità dell’alta finanza, della politica (Vittoria Leone, moglie del presidente del Consiglio aprì la pista delle prime signore della politica in prima fila alle sfilate romane d’alta moda).

 

Ma tra il pret e l’alta moda c’era un certo attrito: “rivalità”? “invidia” dicevano i grandi sarti riferendosi ai primi grandi stilisti di pret, “senso pratico” rispondevano gli stilisti del “pronto” sottolineando l’impossibilità per l’alta moda di reggere il tetto di mercato che poteva offrire il pret. Ecco quindi gli sgambetti e i giri viziosi per garantirsi aiuti più consistenti, ecco anche una sorta di sabotaggio campanilistico messo in atto anche, forse soprattutto, dalla stampa che avallò nei confronti delle sfilate di alta moda romane una sorta di embargo che ovviamente privilegiava quelle di Firenze e poi di Milano. Per esempio far seguire le sfilate di Pitti e poi di Milano dall’esperta di moda in carica presso la testata, mentre l’alta moda – un tempo seguita dalle grandi firme del giornalismo italiano – veniva recensita nelle pagine locali. La tecnica seguiva codici precisi: alta moda : “ un modo anacronistico di produrre abiti, con spese ingentissime, lavoro artigianale che consente un vestito unico per ogni modello, esiguità degli atelier che sono andati assottigliandosi per motivi economici evidenti, senza però che i sarti accettassero mai di rinunciare a questo ramo libero della fantasia, né le clienti , principesse arabe, mogli di imprenditori miliardari in cerca di unicità” . Pret-à-porter ? la moda “che parla il linguaggio del nostro tempo”.

 

Da allora l’alta moda italiana ha dovuto subire minacce di estinzione, attacchi e critiche furibonde ad ogni uscita di calendario delle rassegne: tropo pochi i couturiers importanti, troppi nomi sconosciuti messi dentro per rinforzare il programma e i sempre più esigui bilanci, troppo costoso l’ambaradan per conservare in vita le rassegne che due volte all’anno presentano le collezioni. Salvare l’”alta moda” è un ritornello che da decenni risuona senza che nessuno si chieda come mai in Francia, a due passi da noi, l’”alta moda” esiste, viene regolarmente proposta con una manifestazione ad essa (e solo ad essa) dedicata, con un calendario, calendario sia pure ridotto nei giorni occupati e nel numero di aderenti, predisposto dalla Chambre Sindycale de la Mode nel quale figurano molte firme italiane. A Parigi tutto viene accettato e seguito dalla stampa di tutto il mondo (compresa quella italiana) e gli accusatori dell’alta moda italiana (in Italia) non esitano ad esaltare stilisti italiani in trasferta a Parigi, prima snobbati a Roma . Haute couture sì, “alta moda” no. Perché?

 

Roma a un certo punto ha ritenuto che il calendario dovesse risultare più ricco di proposte varie orientandosi soprattutto sui giovani che sono in realtà il domani della moda tutta. (Quella dei “giovani” però – indipendentemente dall’età reale – è diventata una vera e propria “categoria” senza limiti di età… che probabilmente li accompagnerà fino all’ottantesimo compleanno). E’ evidente che oltre alla necessità di potenziare l’apporto di new entries nella moda, migliorando la preparazione degli aspiranti stilisti, il supporto ai “giovani” si presta a una maggiore attenzione e a un supporto economico che non può venire negato. Per salvare l’”alta moda” si ricorre quindi alla valorizzazione dei “giovani stilisti” creando nel 2002 – con la volontà di alcuni stilisti storici, la tenacia organizzativa di Stefano Dominella e il supporto di sponsors (soprattutto quello determinante e importante della Camera di Commercio di Roma) – l’organizzazione denominata “AltaRoma” per alcuni anni presieduta e “governata” dallo stesso Dominella e oggi da Silvia Venturini Fendi. Il progetto prevedeva una serie di manifestazioni per il lancio culturale e turistico di Roma, dalla cultura urbana al cinema, all’arte, alla musica e la moda, inserita a pieno titolo con un comparto dedicato (sia pure ob torto collo) all’alta moda. Il resto del calendario veniva riservato all’exploit dei giovani stilisti con il concorso validissimo (Who is on the Next?” ) voluto da Condè Nast e AltaRoma.

 

Sempre più emarginata, l’alta moda è diventata un elemento fantasmatico, mischiato con programmi di ogni tipo, in un calendario che alterna nomi importanti di couturiers italiani famosi a rassegne anche piacevoli che parlano di moda. Si legge “AltaRoma” ma non “Alta Moda” che in Italia resta una definizione tabù. Esiste l’haute couture in Francia, con il rafforzamento di molti stilisti italiani “in trasferta”, e sulla sua validità nessuna penna usualmente demolitrice dell’alta moda accusata di essere un ramo della moda in “smobilitazione storica” osa alzare il verbo contro esaltando anzi con fiumi di parole l’opera dei bravissimi stilisti. Non accadeva invece quando gli stessi sfilavano a Roma (basterebbe il successo di Grimaldi che ha sempre presentato cose eccellenti abbastanza in sordina a Roma e oggi osannato a Parigi dove si è trasferito . Così come possiamo vantare – dopo la Fashion week romana del gennaio scorso – collezioni superbe e di altissima classe come “il sogno” presentato da Gattinoni o “i fiori “ usciti dalla penna di un poeta per gli abiti ineccepibili di Renato Balestra, e le “architetture” da indossare firmate da Sabrina Persechino). E’ la vecchia storia del “nessun profeta in patria?”

 

Meritevole di approvazione l’organizzazione “AltaRoma” si sforza di tenere viva – anche dopo i tagli letali che quest’anno hanno decimato il budget del 90% – una sorta di fashion week romana dedicata soprattutto alle new entries . Ma il piatto forte resta per gli addetti ai lavori l’alta moda sia pure limitata a poche firme di grande qualità. Forse un calendario meno nutrito di espressioni varie concentrato sui nomi che portano ancora fiato alle trombe della nostra moda, più o meno “alta”, avrebbe consentito di indirizzare le entrate esigue verso una sede meno deprimente. Certamente l’ex caserma Guido Reni – che nel gennaio scorso ha svolto il ruolo di location per la settimana della moda a Roma – dopo l’annunciata ristrutturazione programmata – diventerà una bellissima location ma quest’anno, in condizioni di totale disagio non solo estetico, si è rivelata un distretto della tristezza, fatiscente, privo di confort sotto ogni punto di vista, lontano dal clichè che contrassegna le presentazioni di moda in tutto il mondo.

 

Entrate – sia pure decurtate – ne sono state elargite e agli stilisti , giovani e no, che hanno usufruito delle sale al Guido Reni District per la loro sfilata , è stato chiesto un quantum di 12.200 Euro , comprensivi dell’uso della sala e del backstage che (lamenta un espositore) era privo anche di servizi igienici per le modelle. Quanto a zone di pausa “meditativa” o rifocillante , da segnalare il “bar”, un’area fatiscente che poteva costituire una scenografia beckettiana depressiva da “Fin de partie”. Da segnalare in positivo? La qualità delle presentazioni, l’operosità fattiva e la gentilezza confortante del personale addetto ai servizi per la stampa, per l’accoglienza, per i transfert. La prossima fashion week romana che resta una manifestazione da non sottovalutare confermerà certo l’interesse di AltaRoma per i giovani ma dovrà ricavare nel calendario uno spazio specificamente dedicato all’”Alta Moda” italiana. Se non si potrà cambiare il Guido Reni District rendiamolo uno spazio da teatro del Carnevale, mettiamogli una maschera piacevole , confortante, possibilmente divertente.

 

 

 

 

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »