Moda e tendenze
  • Ferrari-Logo-1920-x-1080

    Ferrari N.V. ha annunciato la nomina di Antonio Picca Piccon quale Chief Financial Officer del Gruppo.   Antonio Picca Piccon inizierà il prossimo 30 luglio, sostituisce Alessandro Gili che ha deciso di lasciare l’azienda a partire dal 31 maggio per perseguire altre opportunità di carriera.   Antonio Picca Piccon proviene da Ariston Thermo Group, dove […]

  • GlyboardCorse_nero_dettagliocerchione_low

    Nato dalla partnership tra il marchio TwoDots e la  casa automobilistica, scende in pista Glyboard Corse, il nuovo hoverboard ispirato all’inconfondibile stile Lamborghini, disponibile dal 23 marzo, ma prenotabile da subito sul sito http://www.twodots.it/lamborghini/ Dai cerchi in alluminio alle celle esagonali del motivo delle pedane, il  dispositivo rappresenta l’iconicità e l’aerodinamicità delle automobili Lamborghini. Dotato […]

  • PresidenteMassimilianoArchiapatti

    Massimiliano Archiapatti, Direttore Generale e AD di Hertz Italiana, è il nuovo Presidente di ANIASA, l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici, che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità (noleggio veicoli a lungo termine, rent-a-car, car sharing, fleet management e servizi di infomobilità e assistenza nell’automotive). Archiapatti, da gennaio Presidente Reggente […]

  • formula-1-lewis-hamilton-domenica-su-rai-uno-ospite-da-fabio-fazio-a-che-tempo-che-fa

    Sul tracciato di Barcellona, dove la Mercedes ha costruito le sue vittorie delle ultime stagioni, Hamilton e Bottas non potevano sbagliare. E i due piloti della Stella hanno messo a segno una doppietta che aggrava un po’ la situazione di classifica della Ferrari al Montmelo molto deludente: Raikkonen col motore fuori uso (e lo aveva […]

  • Jo-Squillo-con-le-bambole-di-Wall-of-Dolls

    Venerdì 15 giugno alle ore 17, Wall of Dolls l’installazione artistica ideata da Jo Squillo e realizzate da stilisti, artisti e associazioni, che da 5 anni è divenuta simbolo contro i femminicidi e la violenza di genere, aprirà la Milano Fashion Week Men’s con un sfilata collettiva.   Per il quinto anno consecutivo l’evento si […]

  • Emma Marrone 3

    Giorgio Armani annuncia la collaborazione con Emma Marrone per l’Essere Qui Tour, che è partito dal PalaLottomatica di Roma ieri sera, mercoledì 16 maggio, e che proseguirà toccando le più importanti città d’Italia, passando per Milano e concludendosi lunedì 28 maggio al teatro Palapartenope di Napoli.   Per tutto il tour, Emma indosserà abiti creati […]

  • Domus Academy 2010

    Barbara Trebitsch si è unita al team dell’Accademia Costume & Moda nel ruolo di nuovo Direttore dei Programmi Accademici.   Barbara si affiancherà al Direttore Didattico Adrien Roberts, International Trustee della Graduate Fashion Week (Londra), per contribuire al lavoro di ricerca, rafforzamento e contemporaneità del contenuto educativo, oltre che allo sviluppo dei rapporti con l’Industria […]

  • Alexander Sverev

    Chi ha visitato a Milano, la mostra alla Fondazione Prada dedicata all’Italia tra le Due Guerre, avrà notato, tra un De Chirico e un Casorati, i prospetti architettonici di Enrico Del Debbio. Sono tre e risalgono agli anni 1927-32. Raffigurano la nascita del Foro Italico che allora si chiamava Foro Mussolini.   Ancora oggi, il […]

  • sephora-beth-1000-preview

    Brume Parfumée Corps: lo spray profumato che si vaporizza sul corpo, ma anche direttamente sui capelli. Comodo e compatto, diffonde una fragranza delicata e leggera, senza lasciare residui grassi o appiccicosi. Prezzo: 7,90 €/100 ml   Scopri la collezione BATH, la nuova linea di prodotti e fragranze da usare sotto la doccia o in bagno. Disponibile nei […]

  • reunion-800x533

    Proraso e Tenax tornano in pista, in occasione della quarta edizione di The Reunion, l’ evento motociclistico per eccellenza dedicato al mondo delle cafe racer, scrambler, special e classiche. L’appuntamento è per sabato 19 e domenica 20 maggio nel tempio della velocità, il leggendario Autodromo Nazionale Monza.   Un evento che unisce stile e motori […]

  • Signorina in fiore Piramide Olfattiva

    Ieri sera, presso il Pirelli Hangar Bicocca di Milano, la giuria del celebre concorso di Accademia del Profumo ha premiato Signorina in fiore come “Miglior Profumo Femminile Made in Italy”.   Signorina in fiore, ultima nata della collezione Signorina di Ferragamo Parfums è stata lanciata nel febbraio 2017 e creata dal naso profumiere Émilie Coppermann […]

  • Schermata 2018-05-17 alle 09.42.24

    Lancôme annuncia la collaborazione con Jack McCollough e Lazaro Hernandez, stilisti e fondatori di Proenza Schouler.   In autunno 2018, questa collezione make-up in edizione limitata sarà il riflesso di modernità e audacia dei due creatori. In pochi anni, sono riusciti ad inserirsi nel mondo della moda e a diventare tra gli stilisti più talentuosi […]

  • Portopiccolo Sistiana

    E’ la conquista del design, dei nuovi confini e delle sue sperimentazioni. Il luogo è lo splendido scenario di Portopiccolo, il borgo marinaro, progetto antesignano dell’abitare il mare, nel golfo di Trieste.   Portopiccolo DesignZone – aperta al pubblico e gratuita – è organizzata fin dalla prima edizione da Margherita de Eccher, designer per passione, […]

  • _32A4949

    Un’infinita idea di libertà, senza limiti: è quanto racconta la visionaria installazione di Lino Tagliapietra, che inaugura questa sera a Murano in occasione della conferenza annuale della Glass Art Society, organizzazione no profit che incoraggia lo sviluppo e l’eccellenza delle arti del vetro.   Più di trenta gabbiani in vetro, sospesi in aria, invitano i […]

  • NOVY_SFEERBEELD_06

    Dopo il successo ad Eurocucina, Novy irrompe sul mercato degli elettrodomestici con la sua nuova cappa aspirante Panorama integrata al piano cottura a induzione ela cui torre di ventilazione arriva alla stratosferica altezza di 30cm   Un prodotto unico che non ha eguali sul mercato e che permette ai vapori di essere aspirati immediatamente alla […]

  • Foscarini_REVERSE ROOM_10

    Da Milano a Londra, passando per New York: dopo la Milano Design Week, l’installazione Reverse Room, realizzata da James e Suzan Wines per Foscarini arriva alla NYCxDesign di New York ed alla Clerkenwell Design Week di Londra.   La “black box” che ribalta la percezione dello spazio e mette in discussione le convezioni, sarà presentata […]

  • Red Bull Air Race World Championship - i piloti

    AERONAUTICA MILITARE è Official Apparel Partner dell’edizione 2018 della Red Bull Air Race, la più importante competizione aeronautica del mondo, e vestirà i piloti che partecipano a questa manifestazione creata nel 2003 dalla Red Bull. 8 tappe in 3 diversi continenti, un evento unico nel suo genere che terrà con il fiato sospeso appassionati e non.   Il […]

  • 4uXd4aIqIjbPdRtvaECx_t9-0_qWCrFPNXC73Ar4wCI

    Blue Panorama Airlines ha inaugurato oggi, mercoledì 16 maggio 2018, il collegamento diretto tra Milano Bergamo e l’aeroporto Amilcar Cabra di Sal, Capo Verde. Il volo, in collaborazione con CaboVerdeTime, si effettuerà tutte le settimane fino al 12 settembre 2018 ogni mercoledì, mentre dal 22 settembre 2018 verrà effettuato ogni sabato. L’aeromobile impiegato sulla tratta, […]

  • _IMG0586

    BIS-BGY International Services, società di handling controllata al 100% da SACBO, ha presentato nel terminal partenze dell’Aeroporto di Milano Bergamo, le nuove divise in dotazione al proprio personale. Un’innovazione frutto di uno studio della linea e dei tessuti, mirato alla cura del disegno e dei particolari, che riflette lo stile e l’identità delle figure operative […]

  • sprng-meeting-2018-delta-decolla

    Presto i cieli del Friuli saranno presi d’assalto dagli appassionati di volo in deltaplano provenienti da tutta Europa. Si tratta di un appuntamento internazionale, lo Spring Meeting 2018 – Trofeo Friuli Venezia Giulia, valido anche come campionato italiano di questo entusiasmante sport.   La competizione, organizzata dall’Aero Club Lega Piloti e da Flyve, si svolgerà […]

  • Moët & Chandon Pink Cocktail Party 5

    Moët & Chandon Capsule Collection Rosé 2018 è il più contemporaneo e non convenzionale tributo a Madame de Pompadour, “It Girl” per antonomasia e protagonista del successo della Maison alla Corte Reale francese. Un’audace Limited Edition che regala un salto inaspettato “a corte”, reinterpretandone i codici e lo stile in chiave contemporanea e anticonvenzionale. La […]

  • Taralli BISTRUCCIO_3low

    All’interno del club Workness, in una location volutamente appartata ed esclusiva in via Maffei 1 – zona Cinque Giornate – a Milano, ha aperto da pochi mesi il gourmet bistrot BISTRUCCIO.   Intimità e concretezza sono le parole chiave che caratterizzano l’atmosfera del locale, un luogo dove è possibile rilassarsi, mangiare bene e prendersi cura […]

  • Leonardo Bonucci e Massimiliano Allegri

    La Juventus, alla penultima giornata del Campionato, conquista il settimo scudetto consecutivo, celebrato con le bollicine Ferrari Trentodoc.   Anche in questa stagione un traguardo sudato, grazie a una squadra che non ha mai smesso di crederci e di lottare e che, con il pareggio contro la Roma nella serata del 13 maggio all’Olimpico ha […]

  • 4,5 milioni

    L’Italia è la patria del caffè e il consumo medio degli italiani dimostra tutta la forza di questa affermazione. Secondo i dati di settore, infatti, sono tantissimi gli italiani che fanno uso di questo prodotto: si parla di circa 4,5 milioni di persone, che nella Penisola consumano quotidianamente questa bevanda. Una vera e propria abitudine […]

  • pirlo

    Tutto pronto per “La Notte del Maestro”, la partita di addio al calcio di Andrea Pirlo che si gioca il  21 maggio alle ore 21.30 a San Siro, trasmessa in diretta su Sky, sui canali Sky Sport 1, Sky Supercalcio e Sky Sport Mix, e in chiaro su TV8 (telecronaca di Marco Cattaneo e Riccardo Trevisani). […]

  • Ivan-Zazzaroni-1030x615

    Da “Ballando con le Stelle” alla direzione di un quotidiano sportivo il passo è breve. Ivan Zazzaroni prende il posto di Alessandro Vocalelli alla direzione di Corriere dello Sport-Stadio, scelto dal Gruppo Amodei proprio  per saper coniugare professionalità sportiva a visibilità mediatica.  Zazzaroni dal 2016 è direttore sportivo editoriale dei siti del  Corriere dello Sport, […]

  • EMA_8443

    Cinque scatti per altrettante nazionali: le teste di serie Argentina, Brasile e Germania, la padrona di casa Russia e l’esclusa illustre, Italia. Prima coppa della Vittoria, poi Coppa Rimet e ora, più semplicemente, Coppa del Mondo. Ma ciò che è sempre rimasto intatto è il fascino di questa competizione che vede sfidarsi le migliori nazionali […]

  • d5bcd95f-77c4-47f4-8505-c757516d88a2

    Nel 1903 in corso Vittorio Emanuele 39, a due passi dal Duomo di Milano, c’era “Mode Pariani, Biancheria confezionata su misura, camicie, cravatte e guanti. Articoli inglesi”. Così dicevano le scritte in bella mostra sopra le vetrine.   Stilista e proprietario era Adolfo Pariani, un signore tutto d’un pezzo, affabile ma mai troppo confidenziale, gentile […]

martedì, 7 febbraio 2017

AHI LA MODA! UN PO’ DI STORIA DI IERI E DI OGGI

di Luciana Boccardi
La sfilata Gattinoni ad Altaroma

La sfilata Gattinoni ad Altaroma

Tra poco iniziano le “grandi” sfilate, quella vetrina del pret-à-porter che risulta il verbo per conoscere dove va (e come sta) la moda del prossimo autunno-inverno 2017-2018.

 

Si sono appena svolte, a Parigi e a Roma, le sfilate d’alta moda femminile (per la P/E 2017) e , a giochi conclusi, credo sia doveroso aprire un discorso (che tra l’altro è già aperto da tempo, ma disatteso) affinchè si possa scrivere un punto – e a capo – su una vicenda che pare non si voglia affrontare con fermezza e sincerità.

E’ vero che l’ ”alta moda” italiana se sfila a Parigi viene considerata , commentata, esaltata, premiata mentre se sfila in Italia è un “reperto” , un genere mummificato da snobbare anche come critica, un simulacro che parla una lingua scomparsa?

 

Nel secolo scorso, in Italia, la moda si faceva conoscere con iniziative sporadiche private : sfilate proposte singolarmente e quasi in segreto (solo per le clienti di fiducia!) dal sarto che allora non si chiamava “stilista” perché i vestiti si facevano a mano in sartoria e unico artefice del modello e della confezione era il sarto con la sua èquipe di “piccinine” che apprendevano fin da bambine il mestiere in atelier. Gli stilisti nascono con il pret-à-porter per il quale serve un designer che può anche non conoscere (come avviene oggi) il lavoro artigianale di sartoria se non con apprendimenti frettolosi e insufficienti dati dalle scuole che provvedono a fornirlo dei mezzi per produrre abiti in serie (pret-à-porter) .

 

Il sarto accompagna , accarezza con il tessuto il corpo da vestire e la moda confezionata in atelier dal sarto vero esiste ancora e si chiama “alta moda” : una definizione che ha creato e crea molta confusione tra i non addetti ai lavori , ma anche purtroppo tra gli addetti e tra alcuni commentatori mediatici che ritengono l’aggettivo “alta “ un attestato di qualità mentre invece è una indicazione di categoria artigianale, il “fatto a mano in pezzo unico, non riproducibile“.

 

Il dilagare del pret-à-porter, i prezzi imposti dal “lavoro a mano” ; il trend pubblicitario che ha reso più appetibili abiti in serie che non pezzi unici dedicati, coinvolgendo un pubblico fino allora attento solo a una moda d’atelier; la comodità di trovare l’abito pronto senza il tormentone delle prove in sartoria; un trend imposto dalla macchina pubblicitaria hanno fatto sì che nella seconda metà del Novecento iniziasse un declino dell’alta moda che possiamo comunque riscontrare in tutte le espressioni artigianali del “fatto a mano” destinato a una èlite sempre più esigua. La differenza tra “alta moda” e pret-à-porter come produzione è una questione contestuale : il pret-à-porter è un genere commerciale che racconta certamente un impegno creativo che lo stilista comunque affronta con finalità sempre commerciali: un tessuto che sia competitivo nel prezzo, una tavolozza di colori vendibile, un modello considerato con accortezze che ne consentano la riproduzione in numeri illimitati senza troppo dispendio di materiali, e che non richieda un numero di ore lavorative superiore al possibile. La collezione deve risultare un prodotto sicuro sotto il profilo mercantile.

 

L’ “alta moda “ invece racconta un vestito, una capsule, una collezione creata dal sarto (oggi chiamiamolo comunque stilista che piace di più), con finalità puramente artistiche: quel certo tessuto perché è bello, non importa quanto costi, quella forma perché piace, non importa se esige spreco di materiale nel taglio e tante ore di lavoro in sartoria, quel colore perché il guizzo artistico del creatore lo sente giusto per quel vestito, o per l’accessorio prodotto a mano. La vendibilità è un fattore relativo poiché si affida alla fiducia tra sarto e cliente, a un tam tam pubblicitario limitato a un porta a porta o a un passaparola tra clienti di altissimo prestigio.

 

Per affrontare più agevolmente il rapporto commerciale necessario alla divulgazione del pret-à-porter tra gli anni 1950-’60 nasceva a Firenze – su iniziativa di Giambattista Giorgini – la passerella comune in Sala Bianca di Palazzo Pitti, dove un gruppo di creatori accorpato in un’unica manifestazione esibiva le collezioni a un pubblico di compratori di tutto il mondo e alla critica di moda che nasceva allora con diffusione internazionale. Dapprima con il nome di Pitti Donna a Firenze che declassò la fortuna del SAMIA DI Torino dove fino allora si presentava la moda pronta senza nobiltà di firme ma comunque di uguale pregio; in seguito trasferita a Milano, la rassegna di moda pret –à-porter si è popolata di firme , molte provenienti dall’alta moda e altre nascenti , destinate a conquistare la celebrità. Ovvio che uniti insieme i creatori di pret trovarono la forza di esigere aiuti economici, concessioni di location prestigiose, supporti mediatici che pervennero ora più ora meno consistenti per dare una mano a far diventare la moda italiana quello che oggi è nel mondo.

 

E l’alta moda? Le grandi clienti non erano scomparse e i sarti continuavano a creare collezioni “uniche” : alcuni avevano accorpato alla produzione di atelier anche quella di pret restando creatori nei due settori , destinati a realizzarsi in seguito solo come pret, ma con un piede fermio sull’alta moda (vedi ad esempio Gianni Versace, Giorgio Armani, Fausto Sarli, Raffaella Curiel, Camillo Bona) . Anche i sarti dell’alta moda ritennero opportuno cercare di unirsi in una manifestazione somigliante a quella per il pret – e già presente a Roma sotto l’egida dell’Ente per la Moda Italiana – e aderirono all’idea di Amos Ciabattoni che trasferì i compiti dell’Ente della Moda nella Camera della Moda Italiana , da lui fondata e presieduta per anni con la finalità specifica di valorizzare l’alta moda italiana e quindi le presentazioni delle collezioni firmate dai sarti che si rivolgevano alla clientela esclusiva allora composta da personaggi dei salotti buoni, signore in profumo di eleganza consorti di grandi imprenditori, celebrità dell’alta finanza, della politica (Vittoria Leone, moglie del presidente del Consiglio aprì la pista delle prime signore della politica in prima fila alle sfilate romane d’alta moda).

 

Ma tra il pret e l’alta moda c’era un certo attrito: “rivalità”? “invidia” dicevano i grandi sarti riferendosi ai primi grandi stilisti di pret, “senso pratico” rispondevano gli stilisti del “pronto” sottolineando l’impossibilità per l’alta moda di reggere il tetto di mercato che poteva offrire il pret. Ecco quindi gli sgambetti e i giri viziosi per garantirsi aiuti più consistenti, ecco anche una sorta di sabotaggio campanilistico messo in atto anche, forse soprattutto, dalla stampa che avallò nei confronti delle sfilate di alta moda romane una sorta di embargo che ovviamente privilegiava quelle di Firenze e poi di Milano. Per esempio far seguire le sfilate di Pitti e poi di Milano dall’esperta di moda in carica presso la testata, mentre l’alta moda – un tempo seguita dalle grandi firme del giornalismo italiano – veniva recensita nelle pagine locali. La tecnica seguiva codici precisi: alta moda : “ un modo anacronistico di produrre abiti, con spese ingentissime, lavoro artigianale che consente un vestito unico per ogni modello, esiguità degli atelier che sono andati assottigliandosi per motivi economici evidenti, senza però che i sarti accettassero mai di rinunciare a questo ramo libero della fantasia, né le clienti , principesse arabe, mogli di imprenditori miliardari in cerca di unicità” . Pret-à-porter ? la moda “che parla il linguaggio del nostro tempo”.

 

Da allora l’alta moda italiana ha dovuto subire minacce di estinzione, attacchi e critiche furibonde ad ogni uscita di calendario delle rassegne: tropo pochi i couturiers importanti, troppi nomi sconosciuti messi dentro per rinforzare il programma e i sempre più esigui bilanci, troppo costoso l’ambaradan per conservare in vita le rassegne che due volte all’anno presentano le collezioni. Salvare l’”alta moda” è un ritornello che da decenni risuona senza che nessuno si chieda come mai in Francia, a due passi da noi, l’”alta moda” esiste, viene regolarmente proposta con una manifestazione ad essa (e solo ad essa) dedicata, con un calendario, calendario sia pure ridotto nei giorni occupati e nel numero di aderenti, predisposto dalla Chambre Sindycale de la Mode nel quale figurano molte firme italiane. A Parigi tutto viene accettato e seguito dalla stampa di tutto il mondo (compresa quella italiana) e gli accusatori dell’alta moda italiana (in Italia) non esitano ad esaltare stilisti italiani in trasferta a Parigi, prima snobbati a Roma . Haute couture sì, “alta moda” no. Perché?

 

Roma a un certo punto ha ritenuto che il calendario dovesse risultare più ricco di proposte varie orientandosi soprattutto sui giovani che sono in realtà il domani della moda tutta. (Quella dei “giovani” però – indipendentemente dall’età reale – è diventata una vera e propria “categoria” senza limiti di età… che probabilmente li accompagnerà fino all’ottantesimo compleanno). E’ evidente che oltre alla necessità di potenziare l’apporto di new entries nella moda, migliorando la preparazione degli aspiranti stilisti, il supporto ai “giovani” si presta a una maggiore attenzione e a un supporto economico che non può venire negato. Per salvare l’”alta moda” si ricorre quindi alla valorizzazione dei “giovani stilisti” creando nel 2002 – con la volontà di alcuni stilisti storici, la tenacia organizzativa di Stefano Dominella e il supporto di sponsors (soprattutto quello determinante e importante della Camera di Commercio di Roma) – l’organizzazione denominata “AltaRoma” per alcuni anni presieduta e “governata” dallo stesso Dominella e oggi da Silvia Venturini Fendi. Il progetto prevedeva una serie di manifestazioni per il lancio culturale e turistico di Roma, dalla cultura urbana al cinema, all’arte, alla musica e la moda, inserita a pieno titolo con un comparto dedicato (sia pure ob torto collo) all’alta moda. Il resto del calendario veniva riservato all’exploit dei giovani stilisti con il concorso validissimo (Who is on the Next?” ) voluto da Condè Nast e AltaRoma.

 

Sempre più emarginata, l’alta moda è diventata un elemento fantasmatico, mischiato con programmi di ogni tipo, in un calendario che alterna nomi importanti di couturiers italiani famosi a rassegne anche piacevoli che parlano di moda. Si legge “AltaRoma” ma non “Alta Moda” che in Italia resta una definizione tabù. Esiste l’haute couture in Francia, con il rafforzamento di molti stilisti italiani “in trasferta”, e sulla sua validità nessuna penna usualmente demolitrice dell’alta moda accusata di essere un ramo della moda in “smobilitazione storica” osa alzare il verbo contro esaltando anzi con fiumi di parole l’opera dei bravissimi stilisti. Non accadeva invece quando gli stessi sfilavano a Roma (basterebbe il successo di Grimaldi che ha sempre presentato cose eccellenti abbastanza in sordina a Roma e oggi osannato a Parigi dove si è trasferito . Così come possiamo vantare – dopo la Fashion week romana del gennaio scorso – collezioni superbe e di altissima classe come “il sogno” presentato da Gattinoni o “i fiori “ usciti dalla penna di un poeta per gli abiti ineccepibili di Renato Balestra, e le “architetture” da indossare firmate da Sabrina Persechino). E’ la vecchia storia del “nessun profeta in patria?”

 

Meritevole di approvazione l’organizzazione “AltaRoma” si sforza di tenere viva – anche dopo i tagli letali che quest’anno hanno decimato il budget del 90% – una sorta di fashion week romana dedicata soprattutto alle new entries . Ma il piatto forte resta per gli addetti ai lavori l’alta moda sia pure limitata a poche firme di grande qualità. Forse un calendario meno nutrito di espressioni varie concentrato sui nomi che portano ancora fiato alle trombe della nostra moda, più o meno “alta”, avrebbe consentito di indirizzare le entrate esigue verso una sede meno deprimente. Certamente l’ex caserma Guido Reni – che nel gennaio scorso ha svolto il ruolo di location per la settimana della moda a Roma – dopo l’annunciata ristrutturazione programmata – diventerà una bellissima location ma quest’anno, in condizioni di totale disagio non solo estetico, si è rivelata un distretto della tristezza, fatiscente, privo di confort sotto ogni punto di vista, lontano dal clichè che contrassegna le presentazioni di moda in tutto il mondo.

 

Entrate – sia pure decurtate – ne sono state elargite e agli stilisti , giovani e no, che hanno usufruito delle sale al Guido Reni District per la loro sfilata , è stato chiesto un quantum di 12.200 Euro , comprensivi dell’uso della sala e del backstage che (lamenta un espositore) era privo anche di servizi igienici per le modelle. Quanto a zone di pausa “meditativa” o rifocillante , da segnalare il “bar”, un’area fatiscente che poteva costituire una scenografia beckettiana depressiva da “Fin de partie”. Da segnalare in positivo? La qualità delle presentazioni, l’operosità fattiva e la gentilezza confortante del personale addetto ai servizi per la stampa, per l’accoglienza, per i transfert. La prossima fashion week romana che resta una manifestazione da non sottovalutare confermerà certo l’interesse di AltaRoma per i giovani ma dovrà ricavare nel calendario uno spazio specificamente dedicato all’”Alta Moda” italiana. Se non si potrà cambiare il Guido Reni District rendiamolo uno spazio da teatro del Carnevale, mettiamogli una maschera piacevole , confortante, possibilmente divertente.

 

 

 

 

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »