Moda
  • Luca de Meo, ceo di Seat

    Presente per il terzo anno al Mobile World Congress di Barcellona, in programma fino al 2 marzo, Seat ha presentato la Concept e-Mii, prototipo di un modello a zero emissioni che potrebbe essere lanciato nel 2019. La nuova vettura monterà un propulsore elettrico da 82 cavalli, con un’ autonomia di 170 km, velocità massima di […]

  • supercar

    Progettata per essere la più veloce vettura omologata per la circolazione su strada, la nuova SCG 003 Stradale è il nuovo modello della Scuderia Cameron Glickenhaus, sviluppata da Paolo Garella, ex responsabile alla Pininfarina del Prototype Engineering and Manufacturing Department e dalla Manifattura Automobili Torino (MAT). Il nuovo modello raggiunge la velocità massima di 350 […]

  • Carlos Ghosn

    Dal primo aprile, Carlos Ghosn, amministratore delegato dei gruppi automobilistici Renault e Nissan, lascerà il ruolo di ad di Nissan ma rimarrà nel gruppo in qualità di presidente del consiglio di amministrazione. Il nuovo ceo del brand nipponico sarà Hiroto Saikawa, che attualmente condivide la carica con Ghosn. Inoltre, Ghosn ricoprirà il ruolo di presidente […]

  • sid

    Questa se la sono persa, e forse è un bene. Se fosse ancora in carica il penultimo governo, il primo ministro Matteo Renzi e quello delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio non si sarebbero lasciati scappare l’inaugurazione del “Collegamento Adriatico Baltico”, magari dopo essersi assicurati che la cerimonia fosse in Italia, per non ripetere […]

  • Emma Stone in Givenchy Haute Couture by Riccardo Tisci
  • angelina

    Angelina Jolie in Schiaparelli in occasione della premiere di “First they killed my father”.

  • Carla Rossi

    Carla Rossi assume la nuova posizione di pr director per il brand Guerlain, sostituisce Nicoletta Zironi e Simona Spalassi che continueranno a gestire la funzione di pr della divisione LVMH Profumi e Cosmetici. Luca Della Porta entrerà a far parte della divisione profumi e cosmetici assumendo il ruolo di Marketing Director di Guerlain.

  • la-mia-vita-01

    Su Internet abbiamo detto, scritto, sentito di tutto e di più: mancava un aspetto di questa nuova dimensione che condiziona la nostra vita determinandone tempi, comportamenti, risposte , interrogativi.   Internet è Il nuovo linguaggio, la vera lingua internazionale che elimina differenze e persino la storia , il comune denominatore delle nostre vite appese a […]

  • Carla Rossi

    Carla Rossi assume la nuova posizione di pr director per il brand Guerlain, sostituisce Nicoletta Zironi e Simona Spalassi che continueranno a gestire la funzione di pr della divisione LVMH Profumi e Cosmetici. Luca Della Porta entrerà a far parte della divisione profumi e cosmetici assumendo il ruolo di Marketing Director di Guerlain.

  • la mer

    Per una pelle sana, idratata, rivitalizzata, La Mer propone il nuovo The Revitalizing Hydrating Serum. La pelle viene resa più forte grazie al Miracle Broth, rigenerante cellulare che la arricchisce di energia e nutrimento per rinnovarne e ristabilirne l’aspetto. The Deep Hydration Ferment, formulato con una miscela interattiva di alghe (verde, marrone e rossa), penetra […]

  • UV

    Urban Decay presenta Vice Liquid Lipstick, una formula waterproof, che non secca le labbra, declinata in 30 tonalità, dal luccicante all’opaco grazie alla sue perle e glitter. L’applicatore extra lungo con palette vellutata regala una stesura di colore uniforme ad ogni applicazione. La curvatura permette una piena copertura in una sola passata, mentre la punta […]

  • DEFENCE HYDRA5 OPTHYDRA Crema idratante nutriente 50ml

    Ritmi frenetici, cattive abitudini, raggi UV, inquinamento ambientale, per contrastare lo stress quotidiano della pelle, BioNike presenta la nuova linea Defence Hydra5, potenziata con DetoxHyal5 per idratare intensamente e rafforzare i naturali meccanismi difensivi, grazie all’estratto di Cisto rosso, di Gynostemma e all’ Acido Ialuronico. La linea è composta da Booster, siero idratante intensivo per […]

  • Martinelli Luce Led +O

    Come ogni anno una guira composta da 58 giurati internazionali ha supervisionato 5.575 prodotti e progetti provenianti da 59 paesi in totale, decretando tra i vincitori la lampada LED+O di Studio Natural. La lampada è stata apprezzata per l’originalità del design e la scelta del Led come sorgente di luce. Il party per la premiazione […]

  • Giuliano Mosconi

    Il mondo del design vede la nascita di un nuovo sodalizi, Tecno, storico brand fondato negli anni ’50 dai fratelli Borsani e guidato dal 2010 da Giuliano Mosconi, ha acquisito la maggioranza dell’azienda di design Zanotta. Due storie parallele quelle di Tecno e Zanotta che hanno deciso di mettere in comune unicità, competenza, reputazione e […]

  • 90819c35-1549-4de5-8fc8-c86145a9c2bf

    Durante la design week di Milano, dal 4 al 9 aprile 2017, Design Language sarà presente presso la Civica Scuola Interpreti e Traduttori “Altiero Spinelli”, che per la prima volta aprirà le sue porte al pubblico. Sono 50 i designer e le aziende internazionali selezionati per partecipare alla manifestazione, tra cui ABK Stuttgart (Germania), Viviana […]

  • Unknown-2

    Entra a far parte di un nuovo piccolo distretto del design di qualità Colé Italian Design Label che apre uno showroom monomarca, in via Rossini 3, a due passi da Villa Necchi, nel cuore di Milano. Il negozio trova posto all’interno di uno storico palazzo dedicato all’arte, costruito dall’architetto Paolo Ortelli, docente di Ornato a […]

  • airfrance

    Il gruppo franco-olandese ha chiuso il 2016 con un forte balzo degli utili netti a 792 milioni rispetto ai 118 del 2015. I ricavi hanno registrato un calo del 3,3% a 24.8 miliardi di euro (25.6 miliardi l’anno precedente) mentre il numero dei passeggeri è cresciuto del 4% a 93.4 milioni. L’indebitamento netto è sceso […]

  • benboo-01

    Un nuovo format di ospitalità fast&cheap, attivo 7 giorni su 7, 24 ore su 24, presso l’Aeroporto Internazionale di Napoli, si tratta di BenBo ovvero Bed&Boarding, il primo capsule hotel d’Italia. Dal concept originale, è composto da una serie di moduli abitativi autonomi, delle dimensioni di circa 4 mq. Il progetto Bed&Boarding nasce dal recupero […]

  • gallo

    L’eleganza incontra il viaggio. Per la prima volta Gallo personalizza le ceste One.Tray per i controlli di sicurezza all’aeroporto di Milano Linate. Le nuove leggerissime ceste sono realizzate al 100%, con materiale riciclato, hanno linee morbide e capienza raddoppiata rispetto alle ceste comuni e sono vestite dall’iconica fantasia Gallo multicolor. “Siamo molto orgogliosi che un […]

  • 2-30

    A un mese dall’accordo concluso con Air Berlin, il gruppo di Abu Dhabi ha annunciato un rafforzamento della sua cooperazione con il gruppo Lufthansa. Ethiad ha firmato un protocollo d’intesa per la manutenzione degli aeromobili con Lufthansa Technik e per le prestazioni di ristorazione a bordo, fornite da LSG Sky Chefs, la filiale di catering […]

  • pistacchi

    Bottega allarga la propria gamma di prodotti con il nuovo Pistacchio, un liquore cremoso e fragrante, che ha origine da una pasta ricavata dagli aromatici pistacchi di Sicilia. Dalla bassa gradazione alcolica (17% vol) è pernsato per essere un ottimo afterdinner, da consumare freddo, non solo dopo i pasti ma anche in qualsiasi momento della […]

  • illy-1

    Sulle passerelle di Milano Moda Donna, dal 22 al 27 febbraio 2017, illycaffè, partner della Camera Nazionale della Moda Italiana, è pronta ad animare il calendario delle sfilate FW 17/18 e regalare una pausa rigenerante. All’interno dell’UniCredit Pavilion di Piazza Gae Aulenti, simbolo della nuova Milano e punto di incontro dei media internazionali durante le […]

  • Giancarlo Perbellini

    Perbellini, chef e patron di Casa Perbellini a Verona, 2 stelle Michelin, è il protagonista della terza puntata di “Uno chef un vino”, la video rubrica mensile che presneta l’incontro tra un noto chef e il nuuovo Berlucchi ’61 Nature 2009. Oltre a Giancarlo Perbellini, anche Vittorio Fusari e Claudio Sadler hanno partecipato ai cortometraggi […]

  • GORGONZOLA-dolce

    Per declinare il gorgonzola in nuove ricette, ogni scusa, anzi, ogni festività è buona. Per un goloso Carnevale, il Consorzio per la Tutela del Formaggio Gorgonzola Dop propone idee sfiziose per un buffet in maschera: gustosi frollini al Gorgonzola Dop Piccante, semplici muffin con pancetta e Gorgonzola Dop Dolce, appetitose crespelle con radicchio e Gorgonzola […]

  • 195330733-2f62a6a3-b2a4-426e-bef2-c99435786766

    Una banda ragazzini, guidati da un vecchio marpione sta mettendo in subbuglio la serie A togliendo il sonno ai Cesari della panchina e ad alcune poltrone presidenziali. Vincendo inaspettatamente ma con pieno merito a Napoli, l’Atalanta  di Giampiero Gasperini ha posto un paletto sul quarto posto del campionato, a 3 punti dalla posizione che dà […]

  • gettyimages-645307894_master

    Ancora sette punti tra Juventus e Roma, il Napoli rischia invece seriamente di perdere la zona Champions League in quanto troppo fragile in difesa. Il riassunto della giornata della Serie A è questo: i giallorossi ancora ci provano, anche se strappare il tricolore dalle maglie della Vecchia Signora appare mera chimera, mentre i partenopei hanno […]

  • Gianpaolo Calvarese

    Il presidente dell’AIA, Nicchi, avrà le sue gatte da pelare nei prossimi giorni: gli arbitraggi dei suoi “fischietti” sono stati piuttosto contesati e a ragione, sia a Reggio Emilia in Sassuolo-Milan sia, soprattutto, a San Siro per Inter-Roma. L’arbitro Gianpaolo Calvarese da Teramo avrebbe fatto meglio a restare a casa e non recarsi a Reggio […]

  • FBL-EUR-C3-FIORENTINA-MOENCHENGLADBACH

    Il calcio percorre spesso strade misteriose. La Fiorentina vince 1-0 a Mönchengladbach, va in vantaggio in casa per 2-0 e dopo 45′ di follia viene eliminata dal Borussia 4-2. Una autentico suicidio arrivato a causa di una condotta di gara pressapochistica, fondata sulla convinzione che con tre reti di vantaggio il gioco fosse ormai fatto. […]

martedì, 7 febbraio 2017

AHI LA MODA! UN PO’ DI STORIA DI IERI E DI OGGI

di Luciana Boccardi
La sfilata Gattinoni ad Altaroma

La sfilata Gattinoni ad Altaroma

Tra poco iniziano le “grandi” sfilate, quella vetrina del pret-à-porter che risulta il verbo per conoscere dove va (e come sta) la moda del prossimo autunno-inverno 2017-2018.

 

Si sono appena svolte, a Parigi e a Roma, le sfilate d’alta moda femminile (per la P/E 2017) e , a giochi conclusi, credo sia doveroso aprire un discorso (che tra l’altro è già aperto da tempo, ma disatteso) affinchè si possa scrivere un punto – e a capo – su una vicenda che pare non si voglia affrontare con fermezza e sincerità.

E’ vero che l’ ”alta moda” italiana se sfila a Parigi viene considerata , commentata, esaltata, premiata mentre se sfila in Italia è un “reperto” , un genere mummificato da snobbare anche come critica, un simulacro che parla una lingua scomparsa?

 

Nel secolo scorso, in Italia, la moda si faceva conoscere con iniziative sporadiche private : sfilate proposte singolarmente e quasi in segreto (solo per le clienti di fiducia!) dal sarto che allora non si chiamava “stilista” perché i vestiti si facevano a mano in sartoria e unico artefice del modello e della confezione era il sarto con la sua èquipe di “piccinine” che apprendevano fin da bambine il mestiere in atelier. Gli stilisti nascono con il pret-à-porter per il quale serve un designer che può anche non conoscere (come avviene oggi) il lavoro artigianale di sartoria se non con apprendimenti frettolosi e insufficienti dati dalle scuole che provvedono a fornirlo dei mezzi per produrre abiti in serie (pret-à-porter) .

 

Il sarto accompagna , accarezza con il tessuto il corpo da vestire e la moda confezionata in atelier dal sarto vero esiste ancora e si chiama “alta moda” : una definizione che ha creato e crea molta confusione tra i non addetti ai lavori , ma anche purtroppo tra gli addetti e tra alcuni commentatori mediatici che ritengono l’aggettivo “alta “ un attestato di qualità mentre invece è una indicazione di categoria artigianale, il “fatto a mano in pezzo unico, non riproducibile“.

 

Il dilagare del pret-à-porter, i prezzi imposti dal “lavoro a mano” ; il trend pubblicitario che ha reso più appetibili abiti in serie che non pezzi unici dedicati, coinvolgendo un pubblico fino allora attento solo a una moda d’atelier; la comodità di trovare l’abito pronto senza il tormentone delle prove in sartoria; un trend imposto dalla macchina pubblicitaria hanno fatto sì che nella seconda metà del Novecento iniziasse un declino dell’alta moda che possiamo comunque riscontrare in tutte le espressioni artigianali del “fatto a mano” destinato a una èlite sempre più esigua. La differenza tra “alta moda” e pret-à-porter come produzione è una questione contestuale : il pret-à-porter è un genere commerciale che racconta certamente un impegno creativo che lo stilista comunque affronta con finalità sempre commerciali: un tessuto che sia competitivo nel prezzo, una tavolozza di colori vendibile, un modello considerato con accortezze che ne consentano la riproduzione in numeri illimitati senza troppo dispendio di materiali, e che non richieda un numero di ore lavorative superiore al possibile. La collezione deve risultare un prodotto sicuro sotto il profilo mercantile.

 

L’ “alta moda “ invece racconta un vestito, una capsule, una collezione creata dal sarto (oggi chiamiamolo comunque stilista che piace di più), con finalità puramente artistiche: quel certo tessuto perché è bello, non importa quanto costi, quella forma perché piace, non importa se esige spreco di materiale nel taglio e tante ore di lavoro in sartoria, quel colore perché il guizzo artistico del creatore lo sente giusto per quel vestito, o per l’accessorio prodotto a mano. La vendibilità è un fattore relativo poiché si affida alla fiducia tra sarto e cliente, a un tam tam pubblicitario limitato a un porta a porta o a un passaparola tra clienti di altissimo prestigio.

 

Per affrontare più agevolmente il rapporto commerciale necessario alla divulgazione del pret-à-porter tra gli anni 1950-’60 nasceva a Firenze – su iniziativa di Giambattista Giorgini – la passerella comune in Sala Bianca di Palazzo Pitti, dove un gruppo di creatori accorpato in un’unica manifestazione esibiva le collezioni a un pubblico di compratori di tutto il mondo e alla critica di moda che nasceva allora con diffusione internazionale. Dapprima con il nome di Pitti Donna a Firenze che declassò la fortuna del SAMIA DI Torino dove fino allora si presentava la moda pronta senza nobiltà di firme ma comunque di uguale pregio; in seguito trasferita a Milano, la rassegna di moda pret –à-porter si è popolata di firme , molte provenienti dall’alta moda e altre nascenti , destinate a conquistare la celebrità. Ovvio che uniti insieme i creatori di pret trovarono la forza di esigere aiuti economici, concessioni di location prestigiose, supporti mediatici che pervennero ora più ora meno consistenti per dare una mano a far diventare la moda italiana quello che oggi è nel mondo.

 

E l’alta moda? Le grandi clienti non erano scomparse e i sarti continuavano a creare collezioni “uniche” : alcuni avevano accorpato alla produzione di atelier anche quella di pret restando creatori nei due settori , destinati a realizzarsi in seguito solo come pret, ma con un piede fermio sull’alta moda (vedi ad esempio Gianni Versace, Giorgio Armani, Fausto Sarli, Raffaella Curiel, Camillo Bona) . Anche i sarti dell’alta moda ritennero opportuno cercare di unirsi in una manifestazione somigliante a quella per il pret – e già presente a Roma sotto l’egida dell’Ente per la Moda Italiana – e aderirono all’idea di Amos Ciabattoni che trasferì i compiti dell’Ente della Moda nella Camera della Moda Italiana , da lui fondata e presieduta per anni con la finalità specifica di valorizzare l’alta moda italiana e quindi le presentazioni delle collezioni firmate dai sarti che si rivolgevano alla clientela esclusiva allora composta da personaggi dei salotti buoni, signore in profumo di eleganza consorti di grandi imprenditori, celebrità dell’alta finanza, della politica (Vittoria Leone, moglie del presidente del Consiglio aprì la pista delle prime signore della politica in prima fila alle sfilate romane d’alta moda).

 

Ma tra il pret e l’alta moda c’era un certo attrito: “rivalità”? “invidia” dicevano i grandi sarti riferendosi ai primi grandi stilisti di pret, “senso pratico” rispondevano gli stilisti del “pronto” sottolineando l’impossibilità per l’alta moda di reggere il tetto di mercato che poteva offrire il pret. Ecco quindi gli sgambetti e i giri viziosi per garantirsi aiuti più consistenti, ecco anche una sorta di sabotaggio campanilistico messo in atto anche, forse soprattutto, dalla stampa che avallò nei confronti delle sfilate di alta moda romane una sorta di embargo che ovviamente privilegiava quelle di Firenze e poi di Milano. Per esempio far seguire le sfilate di Pitti e poi di Milano dall’esperta di moda in carica presso la testata, mentre l’alta moda – un tempo seguita dalle grandi firme del giornalismo italiano – veniva recensita nelle pagine locali. La tecnica seguiva codici precisi: alta moda : “ un modo anacronistico di produrre abiti, con spese ingentissime, lavoro artigianale che consente un vestito unico per ogni modello, esiguità degli atelier che sono andati assottigliandosi per motivi economici evidenti, senza però che i sarti accettassero mai di rinunciare a questo ramo libero della fantasia, né le clienti , principesse arabe, mogli di imprenditori miliardari in cerca di unicità” . Pret-à-porter ? la moda “che parla il linguaggio del nostro tempo”.

 

Da allora l’alta moda italiana ha dovuto subire minacce di estinzione, attacchi e critiche furibonde ad ogni uscita di calendario delle rassegne: tropo pochi i couturiers importanti, troppi nomi sconosciuti messi dentro per rinforzare il programma e i sempre più esigui bilanci, troppo costoso l’ambaradan per conservare in vita le rassegne che due volte all’anno presentano le collezioni. Salvare l’”alta moda” è un ritornello che da decenni risuona senza che nessuno si chieda come mai in Francia, a due passi da noi, l’”alta moda” esiste, viene regolarmente proposta con una manifestazione ad essa (e solo ad essa) dedicata, con un calendario, calendario sia pure ridotto nei giorni occupati e nel numero di aderenti, predisposto dalla Chambre Sindycale de la Mode nel quale figurano molte firme italiane. A Parigi tutto viene accettato e seguito dalla stampa di tutto il mondo (compresa quella italiana) e gli accusatori dell’alta moda italiana (in Italia) non esitano ad esaltare stilisti italiani in trasferta a Parigi, prima snobbati a Roma . Haute couture sì, “alta moda” no. Perché?

 

Roma a un certo punto ha ritenuto che il calendario dovesse risultare più ricco di proposte varie orientandosi soprattutto sui giovani che sono in realtà il domani della moda tutta. (Quella dei “giovani” però – indipendentemente dall’età reale – è diventata una vera e propria “categoria” senza limiti di età… che probabilmente li accompagnerà fino all’ottantesimo compleanno). E’ evidente che oltre alla necessità di potenziare l’apporto di new entries nella moda, migliorando la preparazione degli aspiranti stilisti, il supporto ai “giovani” si presta a una maggiore attenzione e a un supporto economico che non può venire negato. Per salvare l’”alta moda” si ricorre quindi alla valorizzazione dei “giovani stilisti” creando nel 2002 – con la volontà di alcuni stilisti storici, la tenacia organizzativa di Stefano Dominella e il supporto di sponsors (soprattutto quello determinante e importante della Camera di Commercio di Roma) – l’organizzazione denominata “AltaRoma” per alcuni anni presieduta e “governata” dallo stesso Dominella e oggi da Silvia Venturini Fendi. Il progetto prevedeva una serie di manifestazioni per il lancio culturale e turistico di Roma, dalla cultura urbana al cinema, all’arte, alla musica e la moda, inserita a pieno titolo con un comparto dedicato (sia pure ob torto collo) all’alta moda. Il resto del calendario veniva riservato all’exploit dei giovani stilisti con il concorso validissimo (Who is on the Next?” ) voluto da Condè Nast e AltaRoma.

 

Sempre più emarginata, l’alta moda è diventata un elemento fantasmatico, mischiato con programmi di ogni tipo, in un calendario che alterna nomi importanti di couturiers italiani famosi a rassegne anche piacevoli che parlano di moda. Si legge “AltaRoma” ma non “Alta Moda” che in Italia resta una definizione tabù. Esiste l’haute couture in Francia, con il rafforzamento di molti stilisti italiani “in trasferta”, e sulla sua validità nessuna penna usualmente demolitrice dell’alta moda accusata di essere un ramo della moda in “smobilitazione storica” osa alzare il verbo contro esaltando anzi con fiumi di parole l’opera dei bravissimi stilisti. Non accadeva invece quando gli stessi sfilavano a Roma (basterebbe il successo di Grimaldi che ha sempre presentato cose eccellenti abbastanza in sordina a Roma e oggi osannato a Parigi dove si è trasferito . Così come possiamo vantare – dopo la Fashion week romana del gennaio scorso – collezioni superbe e di altissima classe come “il sogno” presentato da Gattinoni o “i fiori “ usciti dalla penna di un poeta per gli abiti ineccepibili di Renato Balestra, e le “architetture” da indossare firmate da Sabrina Persechino). E’ la vecchia storia del “nessun profeta in patria?”

 

Meritevole di approvazione l’organizzazione “AltaRoma” si sforza di tenere viva – anche dopo i tagli letali che quest’anno hanno decimato il budget del 90% – una sorta di fashion week romana dedicata soprattutto alle new entries . Ma il piatto forte resta per gli addetti ai lavori l’alta moda sia pure limitata a poche firme di grande qualità. Forse un calendario meno nutrito di espressioni varie concentrato sui nomi che portano ancora fiato alle trombe della nostra moda, più o meno “alta”, avrebbe consentito di indirizzare le entrate esigue verso una sede meno deprimente. Certamente l’ex caserma Guido Reni – che nel gennaio scorso ha svolto il ruolo di location per la settimana della moda a Roma – dopo l’annunciata ristrutturazione programmata – diventerà una bellissima location ma quest’anno, in condizioni di totale disagio non solo estetico, si è rivelata un distretto della tristezza, fatiscente, privo di confort sotto ogni punto di vista, lontano dal clichè che contrassegna le presentazioni di moda in tutto il mondo.

 

Entrate – sia pure decurtate – ne sono state elargite e agli stilisti , giovani e no, che hanno usufruito delle sale al Guido Reni District per la loro sfilata , è stato chiesto un quantum di 12.200 Euro , comprensivi dell’uso della sala e del backstage che (lamenta un espositore) era privo anche di servizi igienici per le modelle. Quanto a zone di pausa “meditativa” o rifocillante , da segnalare il “bar”, un’area fatiscente che poteva costituire una scenografia beckettiana depressiva da “Fin de partie”. Da segnalare in positivo? La qualità delle presentazioni, l’operosità fattiva e la gentilezza confortante del personale addetto ai servizi per la stampa, per l’accoglienza, per i transfert. La prossima fashion week romana che resta una manifestazione da non sottovalutare confermerà certo l’interesse di AltaRoma per i giovani ma dovrà ricavare nel calendario uno spazio specificamente dedicato all’”Alta Moda” italiana. Se non si potrà cambiare il Guido Reni District rendiamolo uno spazio da teatro del Carnevale, mettiamogli una maschera piacevole , confortante, possibilmente divertente.

 

 

 

 

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »