Moda e tendenze
  • Protagoniste, questa volta, le specie vegetali autoctone piantate a Curitiba in Brasile, le api monitorate a Brescia ma anche fotocamere di ultimissima generazione lungo le piste della fauna selvatica intorno a Racine, negli Stati Uniti e una “parete vegetale” creata dai bambini di Bourbon-Lancy, in Francia. Tutti questi soggetti, nelle diverse parti del mondo, sono […]

  • Nato dalla partnership tra il marchio TwoDots e la  casa automobilistica, scende in pista Glyboard Corse, il nuovo hoverboard ispirato all’inconfondibile stile Lamborghini, disponibile dal 23 marzo, ma prenotabile da subito sul sito http://www.twodots.it/lamborghini/ Dai cerchi in alluminio alle celle esagonali del motivo delle pedane, il  dispositivo rappresenta l’iconicità e l’aerodinamicità delle automobili Lamborghini. Dotato […]

  • Paola Cordone, da publisher della casa editrice Milano Fashion Library, arriva a Moto.it e Automoto.it con l’obiettivo di espandere il raggio d’azione dell’editore CRM anche nell’extra settore del lifestyle. Un ingresso che rafforza e conferma la volontà di sviluppo di CRM che vuole ampliare la sua leadership non solo in ambito automotive – dove secondo […]

  • L’avventura dei ragazzi intrappolati per settimane in una grotta di Tham Luang, in Thailandia, si presta a numerose considerazioni di carattere pratico e di carattere morale. Che cosa ha indotto l’allenatore della squadra di calcio di cui fanno parte a condurli sotto terra, quali avvertimenti vengono posti in atto sul luogo per evitare che qualche […]

  • Sono stati oltre 5.000 gli aspiranti top model iscritti ai 5 live casting realizzati da Elite Model Look Italia 2018 presso i centri commerciali Klépierre in Campania, Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Lombardia: tra tutti i partecipanti solo 77 (44 ragazze e 33 ragazzi) sono stati i protagonisti della Finale che si è tenuta mercoledì […]

  • Beyoncé ha indossato scarpe firmate Sergio Rossi per il suo On The Run II world tour a Parigi.

  • Mayhoola Group nomina con effetto immediato Amministratore Delegato di Forall Confezioni S.p.A., cui fa capo il marchio Pal Zileri,  il Dott. Marco Sanavia, che già da tempo ricopriva incarichi dirigenziali all’interno del Gruppo.   Il Dott. Giovanni Mannucci ha consensualmente convenuto di terminare la collaborazione con Forall Confezioni S.p.A. e con tutte le società del Gruppo in […]

  • Bella sì, di una bellezza contemporanea, giovane anche, solo 24 anni, ma pacata e matura per la sua età. Nicoletta Larini, compagna innamorata di Stefano Bettarini e figlia del noto pilota ex Ferrari Nicola Larini, in un’epoca in cui le ragazze pensano solo alla discoteca ai social e ai tatuaggi, dopo la laurea aspira a […]

  • La Maison Chopard presenta la nuova Collezione di fragranze Happy Chopard: Felicia Roses e Lemon Dulci, ciascuna Eau de Parfum è un’ode dei sensi alla gioia di vivere ispirata dall’infinita bellezza della natura.   Un bellissimo giardino con cascate di rose e limoni profumati rende omaggio alla bellezza della natura e a Happy Chopard Felicia […]

  • Anche quest’anno il team L’Oréal Prodotti Professionali sarà presente a Venezia per la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica che si svolgerà in laguna dal 29 agosto all’8 Settembre 2018.   Infatti, a supporto del brand make-up sponsor della Mostra, in questa edizione 2018 sarà KÉRASTASE a curare l’hairlook delle star nazionali e internazionali presenti al Lido, […]

  • In vendita da settembre 2018 Prezzo al pubblico suggerito: 39 € (formato 15ml)   Dopo anni di ricerca, siamo lieti di presentare la nostra ultima innovazione, Kiehl’s Youth Dose Eye Treatment – un trattamento per gli occhi ad azione multipla, che leviga e illumina istantaneamente la zona sotto gli occhi, attenuando col tempo linee sottili, […]

  • La disidratazione del derma è un fattore di invecchiamento prematuro. L’acidoialuronico, responsabile delle riserve di acqua dermica, è sintetizzato e degradato continuamente: la durata della sua vita è inferiore a 24h nella pelle. Institut Esthederm, grazie all’approccio innovativo nel trattamento dei bisogni cutanei, presenta Intensive Hyaluronic, una linea completa altamente performante per correggere le rughe […]

  • Quello dell’arredamento è un settore che non concede pause o distrazioni: un mondo ricco di novità, che in brevissimo tempo rimpiazzano le tendenze dell’anno precedente. Da questo punto di vista, anche il 2018 non ha potuto fare a meno di lanciare nuovi trend e di oscurarne altri. Ecco perché oggi scopriremo tutte le novità di […]

  • Già presente nella metropoli londinese, con un prestigioso showroom nel quartiere di Mayfair, Sicis è ora anche nel centro nevralgico dello shopping di Londra, precisamente ad Harrods dove al terzo piano dello storico magazzino in un corner dedicato, espone la collezione Textile.   Sicis infatti prosegue il percorso nel campo dell’arredo e del lifestyle creando una linea […]

  • Un’invasione di verde e di piante di ogni genere, sul filo di una trama delicata e pulita, disegnata da semplici piastrelle bianche: il nuovo allestimento di Foscarini Spazio Brera ricostruisce un panorama un po’ domestico e un po’ onirico, tra piante esotiche che riempiono ogni angolo, svelando, quasi a sorpresa, tanti differenti modelli di lampade. […]

  • Una nuova idea di ospitalità ha debuttato questa estate nel cuore del centro storico di Roma. L’Elizabeth Unique Hotel è una dimora di charme che invita gli ospiti a vivere un’esperienza su misura dei propri desideri. E se i sogni son desideri a realizzarli ci pensa DorelanHotel. La business unit di Dorelan, da 50 anni specializzata nel mondo notte, è stata scelta per […]

  • Atterrare dopo un viaggio in aereo e non vedere arrivare la propria valigia: chi non ha mai avuto, o peggio vissuto, questa paura con i vari disagi che ne comporta? Grazie a Carpisa, però, quest’estate si potrà viaggiare un po’ più sicuri e tranquilli. Il marchio italiano, infatti, ha annunciato la collaborazione con il brand […]

  • Sono più di 1.400.000 i piccoli che viaggiano ogni anno sui voli Air France, incluso circa 300.000 minori non accompagnati ma…molto ben seguiti, la compagnia francese si impegna a rendere divertente il viaggio per dare inizio alla vacanza! Air France da sempre dedica grande attenzione al benessere delle famiglie in viaggio: per i piccoli viaggiatori, […]

  • Lo scorso aprile Fraport AG, la società operativa dell’Aeroporto di Francoforte, il più grande della Germania, ha inaugurato un’incredibile terrazza nell’area del Terminal 1. Situata nella zona di transito, la terrazza, chiamata “Open Air Deck”, accoglie i visitatori con un’impressionante vista panoramica sulla zona di stazionamento dei velivoli. A rendere unico l’ambiente è anche il […]

  • Alberta Ferretti svela le nuove divise Alitalia. La collezione è stata presentata oggi, in apertura della Settimana della Moda Uomo di Milano e in occasione della doppia sfilata delle collezioni Resort 2019 e Limited Edition di Alberta Ferretti. Alberta Ferretti ha creato una nuova uniforme elegante e senza tempo. Il guardaroba dedicato al personale di […]

  • Per chi rimane in città o per chi è in visita a Milano ad agosto, c’è un salotto a cielo aperto incastonato tra i tetti degli storici palazzi milanesi, dove poter concedersi una pausa rilassante e rigenerante dopo una giornata di shopping o una passeggiata in centro. È la bellissima e raffinata Terrazza Aria del […]

  • Una fontana che si trasforma in un bicchiere di caffè fresco e dissetante per vincere il caldo urbano. È quello che succederà in Piazza Gae Aulenti per il lancio di Cold Brew, il nuovo soft drink alla spina di illycaffè.   Dal 16 luglio al 20 luglio, l’azienda leader globale nel segmento del caffè di […]

  • Intorno alla parola caffè l’immaginazione di ognuno di noi attinge a immagini, film, episodi, luoghi e ricordi legati al ruolo pubblico e privato che il caffè assume: socializzazione, pausa, svago, fuga solitaria o il risveglio del mattino. Il suo successo è ottenuto grazie ad una concomitanza di fattori. Intorno a questa bevanda si sono costruiti […]

  • Si chiama George il nuovo ristorante gourmet del Grand Hotel Parker’s, il cinque stelle lusso di Napoli che dal 1870 è icona di charme ed accoglienza. George come George Parker Bidder il celebre biologo marino inglese che, a fine Ottocento, rilevò la proprietà dell’albergo Tramontano di cui era ospite, trasformandolo nel grand hotel che ancora […]

  • Paul Pogba, attualmente al Manchester United, potrebbe tornare alla Juventus. La società bianconera, per averlo, è disposta a un’eventuale cessione di Miralem Pjanic richiesto da Chelsea, Manchester City e Barcellona. Il nome nuovo per il centrocampo dell’Inter, il signor X che Spalletti vorrebbe per i suoi nuovi (speriamo) schemi tattici è quello di Tiemoué Bakayoko, il […]

  • Dopo CR7 il calciomercato comincia a spostare altri pezzi importanti. Il portiere della Roma, Alisson sarà un giocatore del Liverpool: intesa totale sulla base di 75 milioni di euro comprensivi di bonus. Il portiere brasiliano ha già lasciato la capitale imbarcandosi per Manchester, da dove poi si sposterà a Liverpool, poco prima delle 18, rilasciando […]

  • La Juventus pensa solo alla champions, è quasi un’ossessione. Cristiano Ronaldo è l’uomo scelto per sfatare la sorte avversa, una scelta che inciderà sulle casse bianconere per oltre 370 milioni. Probabilmente ne ritorneranno molti di più, il mondo della finanza ne è certo e non v’è motivo per dubitarne visto che #CR7 è un uomo […]

  • Thom Browne annuncia la partnership con la squadra di calcio spagnola del FC Barcelona come fornitore ufficiale delle divise fuori campo e il guardaroba formale del team realizzati su misura. Per tre anni, a partire dalla stagione 2018-2019 Thom Browne vestirà la squadra negli incontri di Champions League e nelle partite in trasferta de La […]

martedì, 21 novembre 2017

IL DIVINO RUDOLF NUREYEV VESTIVA VERSACE, MISSONI E UNGARO

di Maria Vittoria Alfonsi

L’appuntamento con lui, “il divino” è al Teatro Filarmonico di Verona, per le 10.30 del mattino, di una giornata estiva del 1991. Vi sono le prove del balletto “Morte a Venezia”.

 

“Il divino”…definito anche mito, carico di carisma e di sex appeal, coltissimo, ispiratore di film, romanzi e molti racconti; ma anche irascibile, scontroso, impulsivo, maleducato (soprattutto dopo una lite che – avvenuta pochi giorni prima – si disse fosse terminata con un calcio al fondo schiena del brasiliano De Almeida).

 

In jeans e camicia da uomo, una piccola borsa a tracolla con registratore, taccuino e pennarello, lo attendo con particolare curiosità. In tuta da prove, sorridente, lui arriva puntualissimo: mi stringe la mano e – per non essere disturbati – mi conduce in un angolo del retropalco, dove ci sediamo su una cassa. Dov’è il “divino-scontroso”?

 

Dopo presentazione e primi convenevoli, comincia l’intervista. Con una persona – non personaggio! – simpatica, disponibile, spiritosa, brillante. Che va oltre le domande che gli rivolgo, inarrestabile, in una lunga conversazione punteggiata da risate. Di lui, Rudolf Nureyev.

 

 

Ho sentito che ha fatto molti sacrifici, da giovanissimo, per dedicarsi alla danza.

“Non posso chiamarli sacrifici; per me danzare era la vita, necessaria come l’aria per respirare. Sacrifici…forse perchè ho dovuto aspettare 11 anni per entrare alla scuola di danza. Non posso dire grazie ai russi, a Krusciov: io, da solo, ho trovato me stesso. Sì, ho lavorato alla sera col martello presso un calzolaio, e due volte alla settimana ho insegnato danza folkloristica. Con i soldi guadagnati sono andato alla scuola, a Leningrado. Ho trascorso anche sei anni di “primavera cecoslovacca”, quando c’ era Dubcek, adesso è caduto…c’è un abisso. La danza, come certe forme dell’arte più pura, non ha età, non ha limiti. Ci si può basare più sull’interpretazione che sulla tecnica: la forza interpretativa può dare moltissimo. Un grande danzatore cinese ha fatto spettacoli straordinari fino a 85 anni…si deve possedere il fuoco, all’interno di noi: se lo si possiede, la danza funziona; altrimenti, non funziona nemmeno quando si è giovani” ( queste parole, oggi, mi fanno ricordare Soleri e il suo straordinario “Arlecchino”! n.d.a.)

 

Come lo vedono, ora, in Russia? Come l’hanno accolto, quando è tornato?

“Veramente per me, in Russia, esistono soltanto Leningrado e il Teatro Kirov, dove ho studiato. Nei ballerini che trent’anni fa hanno studiato con me, per tutto questo tempo c’è stato il dilemma: lui ha sbagliato, uscendo dalla Russia, o ha fatto bene? Un dilemma durato trent’anni…ci pensa? Finalmente li ho incontrati, e alla fine mi hanno detto: bravo! Tu hai fatto bene, hai avuto ragione: hai potuto esprimerti con la danza nel modo migliore, dappertutto”…Poverini, non sono pronti per la perestroika! Credo che anche Gorbaciov non sia preparato: ha aperto la scatola di Pandora senza la necessaria preparazione”.

 

In Russia, però, mi sembra vi sia sempre una grande cultura del balletto, forse come da noi per l’opera lirica.

Ora è un po’ decaduto: voi, con l’opera, fate operazioni culturali, di scambio, anche con altri Paesi. Ora c’è questa apertura, ma non arrivano ballerini da fuori, i coreografi sono limitati”:

 

Dicono, anche, che lei ha “reinventato” la danza.

“Non lo so! Spero di aver fatto una danza interessante, affascinante, intrigante: senza perfezione, perchè mai la si raggiunge”

 

Si parla anche di carisma, di sex appeal…

 

“Vorrei vedere qualcuno -risponde, ridendo- senza sex appeal in scena! E’ indispensabile, ce n’è bisogno. Una persona che balla in scena, che fa spettacolo, deve possederlo il sex appeal per aver presa sul pubblico”.

 

Quali consigli darebbe ai giovani danzatori d’oggi?

 

Per prima cosa vedere e provare tutto: anche se non eccellono in uno stile, possono trovare quello più consono a loro. Occorre una grande conoscenza della danza, in tutte le sue accezioni. E per un coreografo è più facile insegnare, lavorare, indirizzare”.

 

Ma anche passione, forza di volontà e quello che lei definisce “il fuoco dentro”, non è vero?

Veramente! Senza queste doti non devono avvicinarsi al teatro”

 

Pochi giorni fa era a Napoli, dove ha ottenuto un grande successo con “Cendrillon”.

 

“Sì, è andato molto bene. Peccato vi siano state poche repliche”.

 

Ora sta per andare in scena con la prima mondiale di “Morte e Venezia”. Non è molto faticoso doversi calare in brevissimo tempo da un personaggio all’altro, così diversi ?

 

“Tutto è faticoso, sempre! Ma per me è sempre molto affascinante, stimolante, interpretare personaggi così diversi; ed ora lavorare con un coreografo come Flemming Flincht, e in questi vecchi anni (Nureyev ne aveva 53! -n.d.a.) trovare ancora tanta volontà, tanto entusiasmo in me stesso”

 

Ha visto il film di Visconti?

“Oh, sì! Lo vidi alla “prima”, e lo ami molto, molto. L’ho rivisto tre mesi fa e l’ho trovato “sciupato”, non così bello come lo ricordavo”.

 

Trova differenze fra libro, film e balletto?

“Tante! Spero che noi, col balletto, si sia riusciti a trovare una piccola metafora che leghi con questa storia, interpretandola come la vedeva lo scrittore. Ed è difficile, in breve! Di ispirazione filosofica greca…Thomas Mann non amava molto gli altri….”– dice, ridendo.

 

Lei ora danza al Teatro “Filarmonico” di Verona, viene dal “S.Carlo” di Napoli, ed a quanto so andrà a Parigi. Ma io l’ho vista danzare anche in un anfiteatro come l’ ”Arena”. Quale differenza emozionale prova nell’affrontare il pubblico di un teatro, e quello di un anfiteatro?

Oh! C’è questo enorme animale -20mila persone!- che come una tigre ti soffia sul collo: affrontare il pericolo è bello. Quando ci si trova davanti a questi grandi spazi con migliaia di persone che contemporaneamente possono applaudirti o fischiarti è emozionante, ti provoca una scarica di adrenalina speciale. Sì…tornerò in Arena ad agosto con “Giulietta e Romeo”, Frigerio ne curerà la nuova scenografia. Poi andrò a Parigi…”:

 

Qual è stata la sua partner ideale?

“A vent’anni, al Kirov, avevo già ballato con 11 ballerine! Poi, a Parigi, ebbi bravissime partner…Soprattutto sono stato molto fortunato nell’incontrare Margot Fontaine: dovevamo fare una grande stagione a New York, ma avrei preferito Londra: e da Londra Margot mi telefonò, la raggiunsi subito -e siamo rimasti assieme per 16 anni”.

 

A proposito di Londra, so che è amico delle sorelle Bouvier, particolarmente di Lee.

“Ho incontrato prima Jacqueline Kennedy a New York, poi Lee a Londra, dove abitava: aveva una casa bellissima, un giardino stupendo; ero molto frequentemente suo ospite. Lei ora lavora con un grande stilista italiano: fa bene, è meglio lavorare”.

 

Lei conosce la moda italiana?

“Io compro sempre Versace, Missoni; mi piace molto Ungaro: anche se lavora in Francia è italiano, ha questo senso dei colori stupendo”,

 

Sto per rivolgergli un’altra domanda, quando mi dice “ aspetta, aspetta” (è passato al “tu”) e con un balzo, cui segue una corsa da gazzella, esce dal retropalco, lasciandomi sulla cassa che, nel frattempo, deve essere spostata dagli attrezzisti. Dopo poco minuti ritorna con una grande sacca: la apre e, non senza stupore, vedo che mi mostra alcune paia di scarpe.

 

“Vedi? Le calzature sono importantissime! Molto, molto! Ricordo che Margot si recava da un bravissimo calzolaio italiano che aveva realizzato le calzature per la Pavlova, poi per lei: bellissime, leggere; quando lui è morto lei diceva: “devo lasciare la danza, perchè non ci sono più scarpe…”. Comunque, ballò ancora. No, non ricordo come si chiamava il calzolaio; qualcosa come Angelini. Vedi, certe scarpe mi durano venti anni, se sono fatte bene, se i lacci sono buoni durano molto tempo: queste sono per “Il lago dei cigni”, queste per “La Bella Addormentata”…Le porto sempre con me, mai le lascio, nemmeno in aereo: devo essere sicuro di averle vicine, senza scarpe( le “mie” scarpe) non posso ballare”.

 

Fra i tanti costumi dei tuoi balletti quali ti hanno “vestito” non soltanto esteticamente, quali hai sentito come una seconda pelle?

“Francesca Squarciapino (moglie di Frigerio) mi ha creato bellissimi costumi. Purtroppo non ho lavorato con Lila de Nobili: è bravissima”.

 

Mi parlavi della casa di Lee Bouvier. Ma so che hai una casa a New York, una a Parigi, ed hai comprato l’Isola Li Galli (che fu di Leonide Massine) di fronte a Positano.

 

“Vivo lì, anzi provo a vivere lì perchè ancora non c’è niente di pronto! Amo molto l’Italia, la sua atmosfera mi è congeniale, mi trovo bene con gli italiani, col loro spirito. Possono anche esserci italiani cattivi, ma hanno sempre il sorriso, l’anima che palpita. E c’è il sole! E poi la grande arte: anche in un piccolo villaggio puoi trovare una bella piazza, ben proporzionata, con bei colori, e chiese con bellissime pitture: speriamo che l’Italia non cambi, che non vi costruiscano orrende case “moderne”. La costiera amalfitana è stupenda, Ma tutta l’Italia è bella, c’è sempre qualcosa da vedere, da scoprire, che ti riempie di gioia e serenità l’occhio, l’anima, il cuore”.

 

L’Italia, dal Nord al Sud è molto diversa: sia architettonicamente, quanto per i dialetti e il carattere delle persone: quale parte senti più vicina a te?

“Mi piace Roma: disorganizzata, disordinata ma grandiosa. Gli edifici sono straordinari. Ci sono bellissimi musei, quadri stupendi. Trovo che tutti hanno copiato Roma . A Parigi abito in Quai Voltaire, vicino al Louvre: vedere l’acqua della Senna mi piace, è molto distensivo”.

 

Anche Verona ti piace, con l’Adige?

 

“Sì! Abito vicino Castelvecchio; e pensa: quando ho scelto questo appartamento mi dicevo “così vedo il fiume”…ed invece, non vedo niente… però c’è calma…. Inoltre, pensavo che quando mi ritirerò dalle scene, fra venti anni, il traffico sarà ancor più caotico, orrendo (come ha indovinato!n.d.a.) , non potrò girare con l’automobile, così va bene un posto dove poter camminare, dove poter andare a piedi a teatro, nei luoghi che più amo”.

 

Grazie, Rudolf. L’intervista è terminata.

Chiudo il registratore, rimetto tutto nella borsa.

“Così presto? Ti aspetto alla prima. E poi a Parigi. Devi venire.”

 

 

Volutamente non gli chiesi della sua vita privata, della sua reale o presunta relazione “segreta” con Freddie Mercury (anche se amavo molto i Queen e Freddie,… ). E nemmeno della sua malattia, di cui si parlava: il “gossip” lo lasciavo ad altri. Purtroppo, non mi fu possibile assistere alle sue ultime rappresentazioni. Dopo più o meno 18 mesi, il 6 gennaio del ’93, Rudolf Nureyev morì a Parigi.

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »