Moda e tendenze
  • Un’enorme tempesta di sabbia agita in questi giorni la debole atmosfera di Marte coprendo circa un quarto della sua superficie: oltre 35 milioni di chilometri quadrati sono praticamente oscurati. Sorta alla fine di maggio, essa sta estendendosi all’intero pianeta e comunque ha già provocato, dal 10 giugno, l’interruzione del contatto con la Terra del rover […]

  • Nato dalla partnership tra il marchio TwoDots e la  casa automobilistica, scende in pista Glyboard Corse, il nuovo hoverboard ispirato all’inconfondibile stile Lamborghini, disponibile dal 23 marzo, ma prenotabile da subito sul sito http://www.twodots.it/lamborghini/ Dai cerchi in alluminio alle celle esagonali del motivo delle pedane, il  dispositivo rappresenta l’iconicità e l’aerodinamicità delle automobili Lamborghini. Dotato […]

  • Si è riunito  il Consiglio Generale di Confindustria ANCMA, che a seguito delle dimissioni del dott. Antonello Montante, ha proposto all’Assemblea di EICMA spa il nome dell’Ing. Andrea Dell’Orto quale Presidente di EICMA spa, Esposizione Internazionale del Ciclo, Motociclo e Accessori. L’Assemblea di EICMA spa ha accolto la proposta, eleggendo l’ing. Andrea Dell’Orto, già Presidente […]

  • Un’enorme tempesta di sabbia agita in questi giorni la debole atmosfera di Marte coprendo circa un quarto della sua superficie: oltre 35 milioni di chilometri quadrati sono praticamente oscurati. Sorta alla fine di maggio, essa sta estendendosi all’intero pianeta e comunque ha già provocato, dal 10 giugno, l’interruzione del contatto con la Terra del rover […]

  • È tra i fondatori di Elle Italia, nel 1987, con Carla Sozzani e Lamberto Sechi, e del sito Elle.it, nel 2007. Ha poi guidato al successo 10 brand extension (Elle Gourmet, Elle Kids, Very Elle…), compresa Elle Spose, promuovendo il premio internazionale Elle Bridal Awards che impatta sul network mondiale del magazine di moda. Così, a […]

  • Il gruppo rap Migos ha indossato capi speciali disegnati da Fausto Puglisi durante i Bet Awards 2018. I look di Quavo, Offset e Takeoff sono composti da bomber in velluto e pelle arricchiti da preziosi ricami siciliani fatti a mano in cristalli Swarovski, decorazione ripetuta anche sui pantaloni in denim nero.

  • È tra i fondatori di Elle Italia, nel 1987, con Carla Sozzani e Lamberto Sechi, e del sito Elle.it, nel 2007. Ha poi guidato al successo 10 brand extension (Elle Gourmet, Elle Kids, Very Elle…), compresa Elle Spose, promuovendo il premio internazionale Elle Bridal Awards che impatta sul network mondiale del magazine di moda. Così, a […]

  • Guardare i mondiali da osservatori parzialmente disinteressati, mettersi davanti allo schermo per vedere tre partite di calcio al giorno e magari fare il tifo per una o più nazionali non è il calvario che ci siamo raccontati per mesi. E’ stata più dolorosa l’attesa dell’evento. L’eliminazione della peggiore Italia di sempre, che veniva dai mondiali […]

  • Marcello Antonetti, Brand General Manager Parfums Christian Dior, assumerà la posizione di Business Development Directorper la Divisione Profumi e Cosmetici, riportando a Laura Burdese, Country General Manager. In questo nuovo ruolo si occuperà disupportare i diversi brands della Divisione attraverso la gestione di progetti e di attività trasversali, soprattutto con riferimento all’approccio commerciale al mercato […]

  • Come da tradizione, il  22 Giugno la Svezia celebrerà il solstizio d’estate, dando vita al Midsommar, l’appuntamento più atteso dell’anno. La festività è da sempre occasione di aggregazione ed invita a gioire della natura nel giorno più lungo dell’anno. Come da omaggio alla tradizione svedese, Bärnangen ha pensato a Midsommar Glow Bath&Shower Gel e Midsommar Glow Body […]

  • Una fuga all’insegna del benessere e della dolcezza nell’immensa Spa NUXE del Relais Santo Stefano a Sandigliano, in una posizione strategica a pochi km da Biella, tra Milano e Torino. Niente di meglio per immergersi nella natura presso un accogliente relais 4 stelle che da ora propone ai suoi ospiti una Spa NUXE di 550 […]

  • Fino al 7 luglio Mandarin Oriental, Paris ospita l’unico pop up nail bar di Christian Louboutin a Parigi. Per rendere l’esperienza della manicure davvero memorabile, gli ospiti possono degustare cocktail ispirati ai colori e ai nomi dei nuovi smalti  del designer francese ed estendere la propria permanenza in hotel prenotando l’offerta bed and breakfast, disponibile […]

  • In un panorama abbastanza desolante, dove negli ultimi anni hanno dichiarato fallimento molte aziende italiane e diversi brand “Made in Italy” sono stati venduti all’estero; in un panorama che segna il tramonto di parecchie attività italiane, là in fondo c’è, invece, una piccola attività milanese che sta spiegando le sue vele verso la conquista del […]

  • Diesel Living e Foscarini hanno presentato la nuova lampada Wrecking Ball, nata dalla collaborazione della casa di moda con l’azienda veneta. Iconica e dal carattere rock, la nuova lampada a sospensione è una palla da demolizione che distrugge il vecchio per lasciare spazio al nuovo. Realizzata in vetro, metallo e tessuto, Wrecking Ball ha una doppia […]

  • Alfa Romeo Giulia si è aggiudicata la XXV edizione del “Compasso d’Oro ADI”, il più autorevole premio mondiale nel campo del design. Istituito nel 1954, il Premio Compasso d’Oro ADI viene assegnato sulla base di una preselezione effettuata dall’Osservatorio permanente del Design dell’ADI, costituito da una commissione di esperti, designer, critici, storici, giornalisti specializzati, impegnati […]

  • Bvlgari inaugura oggi a Shanghai il sesto gioiello della sua collezione di hotel di lusso. Situato sulle rive del Suzhou Creek, l’hotel è parte di un progetto di rivitalizzazione urbana di SUHE CREEK creato da OCT, una delle maggiori società di sviluppo cinese.   Questa seconda apertura cinese segue quella avvenuta a Pechino a Settembre […]

  • Alberta Ferretti svela le nuove divise Alitalia. La collezione è stata presentata oggi, in apertura della Settimana della Moda Uomo di Milano e in occasione della doppia sfilata delle collezioni Resort 2019 e Limited Edition di Alberta Ferretti. Alberta Ferretti ha creato una nuova uniforme elegante e senza tempo. Il guardaroba dedicato al personale di […]

  • Continua la strategia di crescita di TAP Air Portugal che da ieri, 10 giugno, ha ampliato ulteriormente il network inaugurando il nuovo collegamento diretto Firenze-Lisbona con 10 frequenze settimanali. Un Embraer 190 con livrea TAP Air Portugal, della capacità di 106 passeggeri, in arrivo da Lisbona è stato accolto ieri all’aeroporto di Firenze con la suggestiva cerimonia del water cannon. […]

  • Assistiti da Fabio Lazzerini, direttore commerciale e direttore delle entrate Alitalia, Antonio Catricalà, presidente di Aereoporti di Roma, Vito Riggio, presidente dell’ENAC, Adriano Meloni, rappresentante del Campidoglio per il turismo, e amministratore delegato Alitalia, Luigi Gubitosi, la cerimonia formale del taglio del nastro si è svolto oggi alle 11.30, inaugurando l’apertura della nuova sala Casa […]

  • La Maison DEUTZ che già durante tutto l’anno offre ai Passeggeri Business Class della Compagnia Area, in volo da e per Hong Kong, lo Champagne DEUTZ Brut Classic, incrementerà l’offerta con una prestigiosissima Cuvée, prodotta in edizione limitata.   Solo nei prossimi mesi di settembre e novembre, infatti, sulla stessa rotta, i Clienti che viaggeranno […]

  • Continua il percorso di crescita di Briscola – Pizza Society con l’apertura di due nuove straordinarie location firmate dall’Architetto Fabio Novembre e situate nelle zone più iconiche di Milano: Duomo, cuore della città storica, e Porta Nuova, simbolo della modernità e del dinamismo cittadino.   Fin dal 2015, quando è stata insignita del premio di […]

  • Sarà Luca Tommassini, poliedrico coreografo, art director, regista e ballerino di fama internazionale il nuovo Ambassador di Magnum, impegnato nella ricerca del piacere nei Magnum Pleasure Store lungo la penisola.   A partire dal Magnum Pleasure Store di Venezia, la campagna raggiungerà poi Firenze, Napoli e Roma in un ideale percorso lungo l’Italia, dove si […]

  • Tannico, l’enoteca online di vini italiani più grande al mondo, introduce un nuovo ed esclusivo servizio per i suoi clienti, stringendo un’importante collaborazione con Belvedere Vodka:dal 14 giugno in esclusiva su Tannico.it è possibileordinare Belvedere Vodka Bespoke Silver Saber, iconica bottiglia magnum della vodka ultra-premium in edizione limitata personalizzabile con un nome, una data o […]

  • Ballarini Professionale ALTACUCINA, insieme a due esclusivi marchi del Gruppo Zwilling quali Zwilling e Staub, ha partecipato con entusiasmo al Bocuse d’Or Europe 2018, che per la prima volta ha avuto luogo in Italia, a Torino in Piemonte, il 11 e12 giugno 2018.   Per l’occasione 20 giovani Chef, vincitori delle selezionai nazionali si sono […]

  • EA7 Emporio Armani annuncia l’EA7 Summer Tour 2018,l’appuntamento estivo con lo sport in collaborazione con FIPAV Federazione Italiana Pallavolo. Ancora una volta EA7, in qualità di sponsor tecnico, firmerà le t-shirt di tutte le coppie di atleti in gara. Quest’anno la manifestazione, giunta alla sua seconda edizione, partirà dalla suggestiva Piazza Castello a Milano, in […]

  • Blue Financial Communication, società quotata all’Aim ed editrice dei mensili Forbes, Bluerating, Privatee Asset Class, lancia  in edicola il nono volume del mensile Forbes. Il nuovo numero del magazine edito dalla casa editrice milanese di via Melchiorre Gioia 55 dedica la cover story a Nerio Alessandri, patron di Technogym, l’azienda nata nel garage di casa […]

  • Il mondiale di Russia si sta sviluppando secondo un canovaccio già visto negli incontri dei gironi preliminari. Una sorpresa dietro l’altra, le favorite faticano a vincere: Germania, soprattutto, aiutata dall’arbitro polacco Szymons Marciniak entrato nel recinto degli arbitri peggiori del mondiale per aver negato alla Svezia un calcio di rigore lampante con espulsione per fallo […]

  • Mondiale in Russia e calciomercato in Italia. Le maggiori attività sono dell’Inter e della Juventus. Dopo i difensori Asamoah, De Vrij e Bastoni , l’attaccante Lautero Martinez e il centricampista Naingolan (arrivato per 24 milioni più i cartellini di Santon e del giovane talento Zaniolo) l’Inter sta trattando il centrocampista Dembelé col Tottenham, l’attaccante Malcom […]

mercoledì, 30 agosto 2017

LYDA BORELLI: UNA MOSTRA A VENEZIA A PALAZZO CINI E UN LIBRO

di Luciana Boccardi

Lyda Borelli in Salomè, 1910 circa. Fotografia Varischi e Artico. Siae-Burcardo, Roma

Assistendo a una rappresentazione di Manon Lescaut, che alla fine dell’opera muore tra le braccia di Des Grieuyx salvando il suo grande amore: “…ma l’amor mio non muore” , Mario Caserini , il giovane regista che sarebbe diventato uno degli autori più apprezzati del cinema muto che si affacciava allora nel panorama della cinematografia in evoluzione, immaginava di realizzare un film proprio con quella frase come titolo. Cosa che accadde nel 1913 con la produzione del film che avrebbe dato il via non solo alla sua carriera folgorante, ma a un modo di comportarsi, di palesare le proprie emozioni, sull’onda di gesti e sguardi languorosi esasperatamente espressivi che la protagonista, Lyda Borelli , dispensava senza economia nel film con svenimenti e languori che vennero consegnati alla storia con il nome di “borellismo” indicato anche dal Panzini nel suo dizionario per raccontare appunto il decadentismo dei gesti, l’abbandono amoroso, il linguaggio del corpo che Lyda Borelli, già attrice di prosa di successo trasformò in comunicazione spettacolare, in “moda”. Tanto grande fu il successo del film di Caserini da suggerire a poeti e critici, musicanti e disegnatori , battute a tratti irriverenti , ironie, commenti che con Petrolini divennero motivo di spettacolo a sua volta. Indimenticabili i famosi versi del comico che nel suo “Ma l’amor mio non muore”, canta “Tutto muore quaggiù: muore l’insetto, muore il cane , il cavallo ed il cammello; muore il rospo, la pecora, il capretto, muore il pesce, il mammifero e l’uccello. Muore la pianta, la radice, il fiore, ma l’amor mio… ma l’amor mio non muore!”.

 

Per la Borelli, già famosa come attrice di prosa, quel film decretò il suo divenire “diva del muto” Era stata scelta dal regista proprio per quelle sue interpretazioni enfatiche, per il suo identificarsi totale con le espressioni di dannunzianesimo, le pose da “Salomè”, i gesti eccessivi che hanno dato forma al verbo “borelleggiare” citato dal Panzini nel suo dizionario di italiano. Era il tempo della decadenza cantata da D’Annunzio, la fase finale del Liberty, e l’esasperazione dei gesti languorosi corrispondeva alla forza d’attrazione che la Borelli, primadonna del teatro italiano di quel primo Novecento , aveva sul pubblico contrastata dall’altra primadonna in lizza, Francesca Bertini, meno “liberty”, meno sofisticata, meno surreale nell’avvitarsi languidamente a una colonna, alle tende, a un uomo impacciato e imbarazzato da cotanta gestualità, ma comunque grande protagonista della cinematografia nascente. Lyda Borelli garantiva a un regista la spettacolarità: Il suo viso affilato, la sua espressione dolorosa e sensualissima, la sua abilità di attrice consumata (aveva iniziato quasi bambina nella compagnia dove lavoravano anche i suoi genitori e la sorella, tutta gente di teatro), si imponeva sul pubblico non solo in Italia ma nel mondo dove raccolse successi esaltanti. Il successo accompagnava ormai ovunque la giovane Lyda (era nata in provincia di La Spezia il 22 marzo 1887) che riscuoteva ammirazione sia dal pubblico femminile che maschile, facendo innamorare pazzamente uomini di ogni censo che lei quasi non prendeva in considerazione dichiarandosi appagata dal suo vero amante, il suo pubblico. “ Se mi innamorassi – ebbe occasione di dire – mi butterei a capofitto in quella avventura e lascierei tutto , ma proprio tutto, per stare accanto al mio amore”.

 

Fu così in effetti perchè Lyda, divenuta diva assoluta , regina del suo tempo, improvvisamente si innamora di un giovane imprenditore ferrarese, aitante ufficiale di cavalleria, ritenuto uno degli uomini più ricchi d’Italia, Vittorio Cini, e nel 1918, si sposa (in quell’anno nascerà il primo figlio, Giorgio) e dice addio a Lyda Borelli attrice, sulla quale stende il velo dell’oblio totale, per diventare a tutti gli effetti la signora Lyda Cini. Ad allontanarla definitivamente dal mondo del teatro e dell’arte ci avrebbe pensato il marito, futuro conte Cini, acquistando e facendo distruggere tutti i film girati dalla moglie come anche ogni possibile documento di riferimento . Di Lyda Borelli, alla quale erano concesse tutte le ricchezze possibili il mondo dell’arte non si sarebbe occupato più, né le cronache mondane che la vita ritiratissima di Lyda sapeva tenere lontane. (Né – diciamo noi – fotografo o giornalista di gossip avrebbe osato sfidare la volontà del potente conte Cini che voleva annullato il passato della moglie. Dopo una vita trascorsa tra iniziative di immensa portata per l’Italia e sponsorizzazioni culturali di grande lungimiranza (ad esempio la Fondazione “Giorgio Cini” voluta per celebrare la morte del figlio Giorgio, caduto con l’aereo mente salutava la fidanzata Merle Oberon ), il conte Cini, alla morte della moglie avvenuta dopo lunga malattia a Roma nel 1959, volle ricordare il suo passato di attrice – arbitrariamente (ma forse anche con la complicità di Lyda) cancellato – realizzando a Bologna la Casa per artisti “Lyda Borelli” dove vengono tuttora ospitati artisti , cantanti, personaggi di spettacolo in condizioni difficili.

 

“Bellissima, attraversa la scena come un giglio, sa puntare due occhi appassionati folgorandoti per tenerti poi a debita distanza, alta, sinuosa, sensualissima” : di lei i racconti quasi leggendari del primo Novecento si sprecano salvo rare penne ribelli (come quella di Gramsci) che pur confermando il fascino irresistibile della Borelli, sottolineavano una sua assenza di personalità drammatica. “Non esce mai dal suo personaggio – è l’accusa che le muove una certa critica senza soffermarsi però sul fatto che proprio questa era la grande qualità della diva. La forza di Lyda Borelli era nell’affermare ciò che voleva si cogliesse in lei_una, nessuna, centomila .

 

Personaggio interessante e pieno di sfaccettature, la Borelli oggi viene ricordata con una mostra che rappresenta la prima “riproposta” storica di Lyda Borelli – soprattutto artista di teatro – dopo una vita dedicata ad annullarne tempi e storie. La Mostra “Lyda Borelli – primadonna del Novecento” , allestita da Maria Ida Biggi, direttrice dell’istituto per il Teatro e il Melodramma in Palazzo Cini, a Venezia, dove la Borelli abitò dopo le nozze con Vittorio Cini – si avvale di foto e documenti rari forniti dalla famiglia, dipinti, qualche vestito (ricostruito nell’atelier veneziano di Stefano Nicolao). Alla Mostra, che ospiterà anche proiezioni di alcuni film recuperati, fa da corredo esauriente e importante il libro curato da Maria Ida Biggi (con i contributi di Maria Dolores Cassano e Marianna Zannoni e la partecipazione di Domizia Alliata). Un altro dei momenti importanti che si aggiunge alle proposte e ricerche condotte dall’Istituto del Teatro e del Melodramma della Fondazione, fiore all’occhiello dell’universo colto e informatissimo che dall’isola di San Giorgio, a Venezia, con la presidenza di Giovanni Bazoli, porta nel mondo la voce della cultura di ieri e di oggi.

 

“Ero un bambino quando mia nonna ci lasciò – ricorda Giovanni Alliata di Montereale, del Consiglio Generale della Fondazione “Cini” ( figlio di Yana , una dei quattro figli di Lyda Borelli, unico nipote che vive tuttora a Venezia) – Di lei mi resta il ricordo di una grande dolcezza e della sua passione infinita per i fiori che coltivava con amore nella nostra villa romana sull’Appia Antica . Il primo giorno di ogni mese, mio nonno, Vittorio Cini , andava a Ferrara, in casa Cini e alla tomba di famiglia alla Certosa, per ricordare gli anniversari del figlio Giorgio (morto il 31 agosto1949 ) e della moglie, Lyda Borelli (morta il 2 giugno 1959). Spesso quando ero a Venezia lo accompagnai in questa trasferta affettuosa”.

 

Il libro è dedicato “ A Lida Guglielmi , che ha sentito intensamente il desiderio di conoscere il valore artistico di sua nonna, Lyda Borelli”.

 

Mostra a Palazzo Cini – Venezia – dal 1 settembre 2017  al 15 novembre 2017 

E presentazione del libro di Maria Ida Biggi: “Il teatro di Lyda Borelli”

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »