Moda
  • YDP

    Selezionati ufficialmente i 23 giovani talenti delle quattro ruote che verranno inseriti nello Young Drivers Program di Lamborghini Squadra Corse. Il talent permetterà ai giovani che già gareggiano nel campionato monomarca Super Trofeo in Europa, Asia e Nord America, di età compresa fra i 17 e i 26 anni, di poter iniziare una vera e […]

  • Ford-Fiesta_2014_1024x768_wallpaper_03

    Partita la produzione, presso gli stabilimenti Ford di Colonia in Germania, della nuova generazione di Fiesta, l’auto più venduta in Europa. La vettura verrà costruita in cinque declinazioni: la sofisticata Titanium, l’elegante Vignale, la crossover Active, la brillante ST-Line e la sportiva ST. Le versioni Plus e Titanium saranno disponibili al lancio, che avverrà all’inizio […]

  • 17190300-ford-logo-jpg

    Continua la rivoluzione in casa Ford. Raj Nair – comunica la multinazionale USA – presiederà la divisione North America, mentre Peter Fleet si occuperà del mercato asiatico. I dirigenti risponderanno al nuovo CEO Jim Hackett, che lunedì scorso ha sostituito l’uscente Mark Fields. Infine, il numero di Ford Europa Jim Farley sta assumendo nuove responsabilità […]

  • immagini.quotidiano.net

    Stiamo vivendo più che mai nella società del “tempo reale”, che in parole povere significa che tutti noi possiamo avere le notizie che ci interessano (e anche le altre) nello stesso tempo in cui esse avvengono. Quando poi utilizziamo uno schermo di tipo televisivo, possiamo anche assistere “in contemporanea” a ciò che desideriamo vedere. Questa […]

  • Schermata 2017-05-25 alle 12.20.36

    Li abbiamo visti sulle passerelle internazionali, ma anche negli street style più ricercati: i capelli lunghi sono uno dei trend indiscussi del 2017. Lisci, ondulati, raccolti con una coda o con una treccia, i capelli lunghi richiedono una cura speciale perché risultino sempre luminosi e sani.   Strizzando l’occhio alle tendenze di stagione, Gliss presenta […]

  • 5be28513-572c-4a4e-bf14-51adf7f3419f@augure

    E’ risaputo che i capelli colorati necessitino di cura costante, soprattutto con l’arrivo della bella stagione che stressa particolarmente la cute, rendendola spenta e sfibrata. Alfaparf Milano ha pensato a una pratica soluzione da portare in borsetta, per capelli colorati sempre impeccabili: la linea Precious Nature Sicily, declinata in tre prodotti in formato da viaggio […]

  • Senza titolo 5

    L’area commerciale Collistar si arricchisce di una nuova figura. Francesco Vallone entra a far parte del team in qualità di Sales Manager, riportando a Luca Catalano, Sales & Marketing Director.  Vallone vanta una solida esperienza nel mondo del beauty – nel largo consumo, nel professionale e nel luxury – iniziando il suo percorso nel  Trade […]

  • Intenso03_250ml_hair_mask_Rossano Ferretti

    I capelli vanno amati, coccolati, soprattutto quando vengono stressati con piastre, phon ma anche solo dal “tram tram” della vita. Tante volte non si riesce ad andare dal parrucchiere, ma è nata una linea di prodotti che aiuterà a ricreare a casa lo stesso trattamento di un salone.   L’incubo delle punte sfibrate o secche, […]

  • Divano Winston1 - FELIS

    Si trasforma in base alle diverse esigenze di relax. Winston è un capolavoro di comfort e tecnologia firmato Felis: le sedute possono essere dotate di meccanismi a scivolamento per allungare le sedute in tre posizioni (+ 10 cm, +20 cm, + 40 cm). Diventa così facile e confortevole appoggiare le gambe. Non solo: lo schienale […]

  • 1_TramStrasbourgAlstom_05

    l nuovo tram Citadis, dal 28 aprile scorso, collega il centro di Strasburgo (dipartimento del Basso Reno) alla stazione di Kehl, in Germania. Il dipartimento Design & Styling di Alstom ha collaborato con i designer del Peugeot Design Lab per progettare la sua ultima creazione. Le linee di questo tram esaltano la bellezza della città […]

  • Schermata 2017-05-26 alle 12.03.29

    BeoSound Shape è l’innovativo sistema di diffusori wireless di Bang & Olufsen, disegnato da Øivind Alexander Slaatto, che abbina a un audio straordinario un design personalizzabile, migliorando l’acustica negli ambienti chiusi anche quando è spento. BeoSound Shape è un sistema di diffusori modulari a riquadri esagonali che possono essere disposti e configurati liberamente a parete. […]

  • Saint Tropez_itaC

    B&B Italia ha recentemente aperto un nuovo Store monomarca a Saint Tropez, situato proprio nel cuore della cittadina, di fronte al prestigioso Hotel Byblos e a due passi dalla Place des Lices. Uno spazio di 170 mq dedicato alle collezioni B&B Italia e Maxalto, oltre alla proposta cucina di Arclinea, concepito come un vero e […]

  • Marina_Militare_2

    Il marchio, prodotto e distribuito dalla toscana Iccab srl grazie ad un esclusivo accordo di licenza con la Marina Militare, è in un momento di grande sviluppo e annuncia una serie di nuove aperture con un focus particolare in posizioni strategiche e luoghi di grande passaggio, come gli aeroporti.   Il prossimo monomarca vedrà infatti […]

  • Museo Esterno 800x600

    Compie 40 anni il Museo Storico dell’Aeronautica Militare, inaugurato nel 1977, che ha sede sul lago di Bracciano. ​​​Il Museo Storico ha sede nell’Idroscalo di Vigna di Valle, il più antico in Italia dove,  nel 1904 per volontà del Maggiore del Genio Mario Maurizio Moris, padre riconosciuto dell’aviazione italiana, fu impiantato il primo Cantiere Sperimentale Aeronautico. […]

  • Senza titolo 5

    Si è svolto giovedì 04 Maggio nel prestigioso Salone d’Onore dell’Accademia Nazionale di San Luca in Roma, la presentazione del nuovo volume edito da Riccardo Dell’Anna Editore, 100 Progetti Italiani Al termine della presentazione è stato consegnato il Premio RĒGULA, un riconoscimento simbolico conferito a cinque progetti e cinque aziende tra quelli pubblicati sul volume, […]

  • Senza titolo 5

    Alessio Vinci ha lasciato la direzione della comunicazione che ricopriva da gennaio 2016. La responsabilità del settore passa a Costanza Esclapon con un contratto di consulenza alla sua agenzia CsC.  

  • image001

    Il cibo ne è il filo conduttore, ma sono le sue declinazioni e i suoi sapori, l’anima pop del Festival.   2 – 3 – 4 giugno 2017 a Parma. Seconda edizione di quello che THE GUARDIAN ha definito “Best for Food”.   Perché si parla di cibo, certo : circa 40 conversazioni nei luoghi […]

  • 01 AME

    Questa mattina è stato presentato a Palazzo Marino, a Milano, Area Musica Estate, il progetto di Arti e Corti, Associazione Talenti Artistici Organizzati e Seminario Permanente Luigi Veronelli, che animerà l’estate della città meneghina: una stagione musicale estiva dedicata al jazz e alle musiche del Novecento, ricca di contaminazioni culturali e programmata in un luogo […]

  • 1_IMG_2067

    La storica concessionaria milanese AutoRigoldi ha inaugurato un nuovo modo di testare le novità della sua offerta di autoveicoli: non il solito test drive ma un vero e proprio tour attraverso alcune delle eccellenze del gusto meneghino. Guidare con gusto è infatti il claim che accompagna Taste The City.   Milano da tempo è diventata […]

  • Lorenzo Bertelli e Francesca Iurlaro

    In occasione della prima edizione estiva di CARE’s – The ethical Chef Days – che si è svolta dal 21 al 24 maggio a Salina (Isole Eolie) – Marchesi 1824 ha assegnato a Francesca Iurlaro, dottoranda presso l’European University Institute di Firenze, una borsa di studio per l’approccio innovativo con cui ha introdotto nella sua […]

  • main_cardiff

    I diritti della Champions sono un investimento considerevole per Mediaset Premium, 700 milioni di euro dal 2015 al 2018. Investimento legato ai risultati sul campo delle italiane e quest’anno i giallorossi della Roma, usciti ai preliminari, si sono rivelati una brutta sorpresa per le casse di Mediaset Premium che ha dichiarato rispetto alle previsioni un […]

  • gattuso_twitterpisa

    Gennaro Gattuso è tornato al Milan dove, come giocatore, era stato 13 anni, dal 1999 al 2012. Poi, dopo una parentesi al Sion da giocatore e allenatore, aveva appeso le scarpe al chioso per dedicarsi esclusivamente al lavoro in panchina: Palermo, OFI Creta e due anni al Pisa, promozione in serie B e, purtroppo, retrocessione […]

  • D_pinin00020

    Desmotec presenta la sua nuova e innovativa linea di macchine per la preparazione atletica professionale, la riabilitazione funzionale e il fitness, con design Pininfarina.   Innovazione e design trovano una grande opportunità d’espressione nella partnership tra Desmotec, azienda leader nelle tecnologie per l’allenamento isoinerziale, la preparazione atletica, l’allenamento e la riabilitazione, e Pininfarina. A partire […]

  • Navigare_Giro_U23_Kit

    Ancora una volta NAVIGARE ribadisce la sua vicinanza al mondo dello sport e ai migliori valori che esso trasmette. Oltre la ricerca dell’eccellenza agonistica che ha visto la felice chiusura dell’accordo tra l’azienda ed il campione mondiale di nuoto Gregorio Paltrinieri: testimonial e brand ambassador; NAVIGARE ha firmato un accordo di sponsorizzazione del Giro d’Italia […]

venerdì, 17 marzo 2017

COSA RESTERA’ DEGLI ANNI ’80: RICORDIAMO GIORGIO ALBERTAZZI

di Maria Vittoria Alfonsi
112746075-850824e1-bcc0-43aa-9655-397b1d55b457

“Cosa resterà di questi anni ’80…” , cantava – e si domandava  -Raf, nell’89. Ecco la risposta: venuta dalle ultime passerelle del pret-à.porter, da New York a Londra, da Milano a Parigi. Ottanta è “glam”, è stato scritto. Quindi affascinante: anche se opinabile. Quella che Voltaire definì “dea incostante, incomoda, bizzarra nei gusti, folle negli ornamenti, che appare, fugge, ritorna, rinasce in tutti i tempi: è figlia di Proteo è si chiama Moda” ancora una volta – a ripetizione – è ritornata, nel 2017.

 

Ma cosa pensavano, cosa dicevano in quegli anni, i grandi personaggi della moda, dello spettacolo, della letteratura, dell’industria?

Cominciamo ricordando…

 

GIORGIO ALBERTAZZI

 

Raggiungiamo il personaggio (io, e la mini-troupe televisiva) dove alloggia durante le recite del “Racconto d’Inverno” di Shakespeare. Si affaccia alla finestra ancora assonnato, un po’ spettinato, in canottiera. “Buongiorno – dice sorridendo – pochi minuti e sono da voi”. Quindi scende (pantaloni e camicia sui toni del verde, genere casual), fa colazione (noto barattoli di miele e marmellata, alcune fette biscottate), ma sorseggia soltanto un caffè e latte, forse per non farci attendere. E fin che sorseggiamo un caffè pure noi – e rispondiamo ai saluti di Giancarlo Cobelli, Elisabetta Pozzi, Massimo Belli e buona parte della compagnia che si aggira fra il verde – vien da chiedersi dov’è il “divo”, l’attore che può sembrare scostante, il lupo che – pur conservando la grinta da lupo- troviamo in veste di simpaticissimo agnello -ed anche affascinante, diciamolo pure: tanto più che il suo fascino si rivela e viene notato anche dalla troupe televisiva; ed io lo riconosco da quando lo incontrai con l’amica comune Anna Rosa Poli, che aveva curato la traduzione di George Sand.

 

Saliamo poi – fra olivi e pini – per arrivare in un pianoro, con la pace più assoluta. E l’intervista potrebbe durare più di una mattinata, tanto la sua conversazione è sempre stimolante, ricca di spunti, che portano al di là delle domande-tipo. Cercherò, quindi, di riassumerla nel migliore dei modi.

 

Giorgio Albertazzi: attore, regista, soggettista, autore…Di che segno sei?

Sono leone, nato il 20 agosto. Ma le caratteristiche del segno-base sono per me deviate dall’ascendente (sole in cancro) fortissimo.

 

Davvero ci credi?

Sì, credo che l’astrologia abbia un senso: però ognuno modifica il proprio, dettato di base sull’azione che fa su sè stesso.

 

Sei superstizioso?

Sì. Per qualcosa di ereditario, che viene dalla cultura popolare, per quelle cose che ti dicono da bambino: non passare di lì, la civetta che canta sul muro vuol dire che muore qualcuno….

 

Conosci, o riconosci, le tue virtù e i tuoi difetti?

Difetti? Sì! Ho una corteccia caratteriale molto reattiva, reazioni sroporzionate al fatto. Rischio di sembrare talvolta violento: è u difetto che mi porto dietro da tempo.

 

Cosa pensi della pubblicità televisiva,del prestare il proprio volto, il proprio nome -la propria “immagine”, in definitiva- per reclamizzare un determinato prodotto?

Dipende dalla forza del personaggio: se questo è più forte del prodotto, rimane tale; altrimenti, viene mangiato dal prodotto. Bisogna farla bene, la pubblicità, con intelligenza (e spiritosa: come per esempio fa Arbore). Recentemente, mi avevano chiesto di pubblicizzare un’azienda d’abbigliamento; non mi è stato pssibile perchè avevo impegni precedenti. Ma l’avrei fatta…!

 

C’è qualcosa che temi nella vita?

Nella vita? La brutalità, l’ignoranza che genera incomprensione e chiusura mentale.

 

Come ti piace vivere?

Con una certa comodità; ma potrei anche vivere in un guscio di noce: non mi piace il lusso sfrenato, mi mette a disagio. Amo vivere in campagna, lontano dai grandi centri urbani.

 

Cosa significa “giovane” per te?

Giovane significa sempre più un atteggiamento: una certa volontà di conoscere, di sapere. Ricordo che mio padre, una volta, si preoccupò, mi portò da un medico e gli disse: questo ragazzo non sta mai fermo, è irrequieto, mi prende per la manica e mi dice guarda, guarda, facendomi magari vedere cose ovvie come un tram. La diagnosi fu una: ero giovane, soprattutto. Però questa curiosità mi è rimasta.

 

Ieri ho incontrato tutte le “correnti”, le “mode” del momento: rocchettari, paninari, dark, yuppies e così via. Che ne pensi?

Mi sembrano molto condizionati, poverini. Sono in cerca di identità, in un mondo che offre loro una serie di cose da consumare, un mondo di servizi (la “cultura dei servizi”!); e poi non riescono nemmeno più a parlare, sono pieni di suoni, di rumori, forse si identificano attraverso certe forma che sono come bandiere, luoghi culturali che poi sono abbastanza sottoculturali. Mi fa una certa impressione vedere i fans delle rockstars, ad esempio (non le rockstars, che sono abilissime, e manovrate da gente ancor più furba- e poi basta comparire sette volte su un c anale giusto…): questi fans sono degli ominidi, deformati anche loro da questa specie di cieca cristallizzazione dei valori. Ne ho visto un gruppo in un’intervista: volevano salvare il proprio idolo dalla droga e dicevano che era buono, come le madri quando dicono che il loro figlio non è cattivo…ha spaccato la testa a qualcuno, ma lui è buono, ha incontrato cattivi compagni…sono le amicizie che lo hanno rovinato… Questi facevano la stessa cosa: erano padri, e madri -anche se avevano sedici anni- di un loro figlio. Secondo me è un bisogno di paternità, e maternità: adottano il personaggio, lo cullano, lo coccolano, stanno attenti acchè non prenda freddo, gli mettono la maglia di lana…lo inventano, praticamente, come la madre inventa il proprio figlio (in genere, chi conosce meno i ragazzi sono i genitori: questa è la mia tragica opinione sulla famiglia, purtroppo). Ed i fans di oggi sono genitori, non amanti:non vi è più la forma del divismo come una volta, quando Rodolfo Valentino, ad esempio, o Clark Gable, Gary Cooper, Cary Grant, le ragazze li sognavano come amanti…o i ragazzi Greta Garbo, Joan Crawford, Marlene Dietrich…una sera a cena, un viaggio, un incontro su una nave…il grande divismo americano, lo star system… Ora no. Questi sono materni: e fanno un po’ paura.

 

Certe “bandiere” sono rappresentate anche dall’abbigliamento, la divisa, l’intrupparsi.

Nella ventata liberatoria del ’68 -quando improvvisamente si scoprì che ci si poteva vestire come si voleva- nacquero questi gruppi nei quali identificarsi, queste fogge…la swining London, Regent Street, Carnaby Street…il modo di vestirsi casual, di indossare il jeans con la camicia di seta. Su questo, a mio avviso, si è inserito il sistema -che ha goduto. Era molto divertente vedere, mettiamo, Isabella Rossellini che diceva: questo è un prodotto Baritozzi, presentando un nome completamente nuovo. Dopo poco ho cominciato a sentire in giro “…ma è un Baritozzi…guarda, un Baritozzi…”, indipendentemente dal valore, perchè l’ha detto la persona giusta dalla finestra giusta.

 

Il silenzio che ci circonda -oltre che dalle nostre voci- di tanto in tanto è interrotto da un suono soffocato: la mia risata, che cerco sia sommessa senza riuscirvi completamente.

Assieme a questi talenti -prosegue Albertazzi- se ne aggiungono altri, in continuazione. Baritozzi, Carozzi, Tulini…disegnato Tulini…Poi a questi viene chiesto di partecipare a manifestazioni ovunque, di “firmare” il tutto e il di più. Attendo il momento in cui vedrò la carta igienica firmata Tulini.

 

L’operatore ha chiuso l’audio. Anche lui -come gli altri due rgazzi della troupe- non sono riusciti a trattenere una risata. Giorgio Albertazzi lo scontroso, l’irascibile, il quasi inavvicinabile…Giorgio Albertazzi lo spiritoso, colto, divertente. Geniale. Che ci ha offerto una sua nuova grande interpretazione. E uno spaccato sugli anni ’80.

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »