Moda
  • tesla-model-3-first-ride-002-1020.0.0

    Il costruttore californiano di veicoli elettrici ha bisogno di liquidità per lanciare la nuova Model 3. E’ in questo contesto che la società d’investimento cinese, Tencent, ha acquisito una partecipazione in Tesla del 5%, per complessive 8.167 milioni di azoni, per un ammontare di 1.8 miliardi di dollari. Oltre al lancio della Model 3, veicolo […]

  • Lotus

    Il brand britannico propone la sua Lotus Elise nella nuova variante Sprint. Pesa meno di 800 kg, 798 kg per l’esattezza, rispetto alla versione rinnovata del 2010 è stata ulteriormente snellita di 41 kg grazie all’ impiego della fibra di carbonio per vari elementi,  l’adozione di una batteria agli ioni di litio al posto di […]

  • TOYOTA-503x340

    A partire da aprile, con l’obiettivo di rafforzare le sinergie tra le funzioni di marketing, le attività di comunicazione e di relazione con i media, la funzione dedicata alle pubbliche relazioni viene integrata nel gruppo Marketing Strategy. Alberto Santilli, già Marketing Strategy Director, aggiungerà alle sue responsabilità anche le Pubbliche Relazioni, con a capo Riccardo […]

  • maxresdefault

    L’utilizzo dei mezzi di trasporto ”normali” per nuocere al prossimo, ad opera di fanatici aspiranti suicidi, è un fatto ormai diffuso, come purtroppo viene riportato dalla cronaca piuttosto frequentemente. Questo dell’attacco al Parlamento di Londra, che ha visto un SUV seminare morte il 22 di marzo scorso, non è che il caso più recente, ammesso […]

  • libro

    In occasione dell’Anniversario dei 115 anni del brand nel 2017, HELENA RUBINSTEIN presenta alla stampa l’Edizione Italiana del libro “LA DONNA CHE INVENTO’ LA BELLEZZA” di Michèle FITOUSSI, ripercorrendo gli anni più significativi della sua storia. Prima di essere un marchio di cosmetici, HELENA RUBINSTEIN aveva un destino. Statuaria, coi suoi bei capelli neri sempre […]

  • Nicole Kidman

    In occasione del Gran Premio di Formula 1 che si è tenuto a Melbourne, durante il quale ha visitato anche i box della Scuderia Ferrari, l’attrice australiana Nicole Kidman ha indossato una giacca corsetto doppiopetto in gessato di lana di Ermanno Scervino.

  • Senza titolo 5

    Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Furla ha nominato con votazione unanime Alberto Camerlengo nuovo Amministratore Delegato di Furla. Alberto Camerlengo, 52 anni, laureato in Economia presso l’Università Bocconi di Milano, vanta una consolidata carriera nel settore del lusso, e una forte esperienza legata al mondo retail. Dopo una significativa esperienza negli USA, dal 1999 […]

  • IMG_5141

    Si sono sposati il 16 giugno di 5 anni fa nella cattedrale della Madonna della Madia a Monopoli, e hanno poi festeggiato nell’incantevole resort Borgo Egnazia a Savelletri. Lei, Sara, risplendeva in un abito bianco di Sarli, con top in pizzo e gonna in chiffon di seta, lui, Giandomenico, era “tiratissimo” in un completo scuro […]

  • libro

    In occasione dell’Anniversario dei 115 anni del brand nel 2017, HELENA RUBINSTEIN presenta alla stampa l’Edizione Italiana del libro “LA DONNA CHE INVENTO’ LA BELLEZZA” di Michèle FITOUSSI, ripercorrendo gli anni più significativi della sua storia. Prima di essere un marchio di cosmetici, HELENA RUBINSTEIN aveva un destino. Statuaria, coi suoi bei capelli neri sempre […]

  • 2ed7dc5c-678b-41c0-8b7a-c909ae4cfc6e

    Synchrovit C è un siero liposomale concentrato per il viso antirughe antietà con Vitamina C + superossido dismutasi + zinco, perfetto anche come booster. Grazie alla specifica azione anti-ossidante dei suoi ingredienti, SYNCHROVIT® C contrasta il danno indotto dalle specie reattive dell’ossigeno sia a livello cellulare che macromolecolare. Studi clinici dimostrano che già dopo 30 […]

  • Appartement Caudalie-4[1]

    All’ 819 Madison Avenue| Landmark building, Caudalie propone la sua concept spa newyorkese dedicata all’Upper East side, accogliente, friendly–user, a misura e in riposta alla frenesia del giorno. E’ luogo dove, in un week-end da città, indulgere tra uva e vite, una buona lettura e succhi riequilibranti naturali, discrezione, savoir–faire alla francais. Quattro cabine di […]

  • LA PRA

    In occasione del lancio di White Caviar Illuminating Pearl Infusion, La Prairie ha selezionato le opere di sei artisti Svizzeri che meglio rappresentano il tema della “luce”. Intitolata “Infusion of Light”, questa collaborazione digitale sarà attiva sull’account @laprairie Instagram da oggi, 27 marzo a domenica 2 aprile 2017. Durante questo periodo, l’account @laprairie si trasformerà […]

  • Design of Love

    Per la settimana milanese dedicata al design internazionale, il brand Silvian Heach incontra l’ eclettica marca di arredamento Slide e il suo progetto Design of Love Collection, frutto delle idee dei creativi Graziano Moro e Renato Pigatti, che hanno saputo combinare la loro sensibilità artistica in una collezione dalla forte componente fashion e di design. […]

  • pro2

    Durante la Design Week di Milano, Icosaedro sarà esposto presso la Borsa Italiana Gallery – BIG – inaugurata a gennaio nell’ambito del programma Finance For Fine Arts di Borsa Italiana, accompagnato da un testo introduttivo di Francesca Pini, curatrice dell’evento, che racconterà l’origine dell’interesse per i solidi regolari in campo filosofico e artistico, da Platone […]

  • pro

    Il brand Made in Italy disegnato dal giovane stilista Carlo Zanuso e specializzato nel pret-à-porter uomo e donna, esplora il Fuorisalone 2017 attraverso un’inedita esposizione di prodotti Living. La nuova linea, composta da fragranze, oggetti e tante soluzioni per l’abitare, sarà presentata nello showroom Pomandère, in via Tortona 14, dal 3 all’8 aprile. Uno viaggio […]

  • ed354db8-fd4a-42a0-8f9b-e91d250e3907

    In occasione del salone del mobile e in collaborazione con Unduetrestella design week, dal 4 al 9 aprile 2017, Love Therapy sarà presente al Museo Dei Bambini Milano MUBA alla Rotonda Della Besana con una proposta ideata dai designer Vanna e Francesco Sbolzani. Si tratta di tre divertenti sedute Bidone-Sgabello, il Quasi-Cubo e la Panca […]

  • Morellato_Store Malpensa 2017

    Morellato atterra  a Malpensa e apre  il primo negozio. Lo store a doppia insegna Morellato e Bluespirit,  conta una superficie di 60 mq e si posiziona nella shopping area del Teminal 1, che accoglie alcuni tra i più importanti brand di abbigliamento, calzature e accessori. Il negozio ospiterà le principali collezioni di gioielli e orologi […]

  • f1e67f5a-fe20-40ad-95b4-b4ab40fbf5a1

    Boggi Milano dedica a tutti i suoi clienti Privilege, un nuovo progetto in partnership con il Programma MilleMiglia di Alitalia. L’intesa consente ai clienti Boggi e ai Soci MilleMiglia, attraverso una dinamica molto semplice, di usufruire di una doppia opportunità per ogni acquisto presso i punti vendita, l’accumulo di miglia e contemporaneamente l’accumulo di punti […]

  • Boom

    Milano – New York  in 180 minuti. A renderlo possibile Boom, il nuovo aereo supersonico in lavorazione presso Boom Technology, startup americana finanziata, tra gli altri, dal patron di Virgin Richard Branson. Più leggero del Concorde, grazie all’utilizzo delle fibre di carbonio al posto dell’alluminio, sarà lungo 52 metri, avrà un’apertura alare di 18, potrà […]

  • 0462d48f-975b-4fc1-aee5-16397acdc7b9

    Tecno presenta alla fiera Passenger Terminal, in programma ad Amsterdam dal 14 al 16 marzo 2017, il nuovo programma di sedute Aeris disegnato dallo studio Grimshaw Architects. Il sistema Aeris, progettato per rendere gli aeroporti ambienti confortevoli, flessibili, adattabili ai diversi tipi di utenza, permette configurazioni di sedute lineari, angolari o back-to-back, equipaggiate di porta […]

  • CarolinaRavariniMilano_CatenaMotta_ovetti

    Giochi di colore e raffinata dolcezza sono i protagonisti della prossima Pasqua firmata Carolina Ravarini Milano, brand di bijoux made in Italy che anche quest’anno propone la collaborazione con la famosa pasticceria meneghina Sant’Ambroeus. Le golose uova di Pasqua Sant’Ambroeus racchiudono al loro interno come preziosa sorpresa gli accessori dalle mille sfaccettature della giovane designer […]

  • IMG_9991

    Nuove ricette, nuovi sapori e un mondo speciale tutto da scoprire, fatto di colori pastello, di ingredienti naturali e genuini. A Pasqua, con Streglio la vera sorpresa è il cioccolato, lavorato artigianalmente per regalare nuove miscele, nuove degustazioni ed esperienze di gusto. Ad attendervi, l’Uovo Matrioska e le sue sei uova di cioccolata una dentro […]

  • Imàgo angolo lungo giorno_3

    Per festeggiare la Pasqua con un tocco gourmet, all’Imàgo, il ristorante panoramico stellato dell’Hassler Roma, lo chef Francesco Apreda ha studiato un menu speciale. Si inizia con mozzarella di bufala, strapazzata di asparagella e cardomomo a cui fa seguito il risotto allo stracchinato di capra, curcuma e piselli e le fettuccine agli spinaci e ragù […]

  • Giardino d'Inverno

    Palazzo Parigi si prepara a festeggiare questa importante ricorrenza proponendo un pranzo pasquale all’insegna della campagna e della natura in un contesto che per l’occasione verrà allestito secondo toni “rustici” ma ricercati e chic, e un menù a base delle migliori ricette della tradizione culinaria italiana. Materie prime fresche e di altissima qualità saranno selezionate […]

  • lega-pro-pallone

    In Lega Pro scende in campo il “team” calcio e sociale. “#iovogliogiocareacalcio…inLegaPro”, il torneo Quarta Categoria prende il via giovedì 30 marzo con le prime 13 squadre ambasciatrici in Lega Pro di valori sportivi e di integrazione sociale. La presentazione delle squadre e il “battesimo” della manifestazione avrà luogo giovedì 30 marzo ore 11, presso […]

  • Paulo Dybala

    Archiviate le partite valide per l’ingresso ai mondiali di Russia e le amichevoli, ecco che riprendono i campionati in Europa. E riprendono anche gli assalti delle società più ricche ai migliori giocatori del mondo. Fra questi, lo juventino Paulo Dybala è l’uomo del momento, soprattutto perché all’attacco del suo cartellino si è portato il Barcellona, […]

  • PUMA x OLYMPIQUE DE MARSEILLE_2017-2018

    PUMA e l’Olympique de Marseille hanno annunciato oggi la firma di una nuova partnership a lungo termine che unisce così due brands tra i più appassionati, autentici e ambiziosi nel mondo del calcio.   A partire dal 1° Luglio 2018, PUMA diventerà Official Partner, Global Technical Supplier e Official Licensing Partner dell’Olympique de Marseille.   […]

  • 1490515803448-1

    Sebastian Vettel e la Ferrari hanno vinto alla grande il GP d’Australia, gara di apertura del mondiale 2017. Una vittoria che, nelle mie considerazioni avevo previsto dopo aver analizzato i test di Barcellona. Vettel ha battuto le Mercedes del campione del mondo Hamilton e di Bottas mentre io ho ricevuto proprio dal capitano delle Frecce […]

venerdì, 17 marzo 2017

COSA RESTERA’ DEGLI ANNI ’80: RICORDIAMO GIORGIO ALBERTAZZI

di Maria Vittoria Alfonsi
112746075-850824e1-bcc0-43aa-9655-397b1d55b457

“Cosa resterà di questi anni ’80…” , cantava – e si domandava  -Raf, nell’89. Ecco la risposta: venuta dalle ultime passerelle del pret-à.porter, da New York a Londra, da Milano a Parigi. Ottanta è “glam”, è stato scritto. Quindi affascinante: anche se opinabile. Quella che Voltaire definì “dea incostante, incomoda, bizzarra nei gusti, folle negli ornamenti, che appare, fugge, ritorna, rinasce in tutti i tempi: è figlia di Proteo è si chiama Moda” ancora una volta – a ripetizione – è ritornata, nel 2017.

 

Ma cosa pensavano, cosa dicevano in quegli anni, i grandi personaggi della moda, dello spettacolo, della letteratura, dell’industria?

Cominciamo ricordando…

 

GIORGIO ALBERTAZZI

 

Raggiungiamo il personaggio (io, e la mini-troupe televisiva) dove alloggia durante le recite del “Racconto d’Inverno” di Shakespeare. Si affaccia alla finestra ancora assonnato, un po’ spettinato, in canottiera. “Buongiorno – dice sorridendo – pochi minuti e sono da voi”. Quindi scende (pantaloni e camicia sui toni del verde, genere casual), fa colazione (noto barattoli di miele e marmellata, alcune fette biscottate), ma sorseggia soltanto un caffè e latte, forse per non farci attendere. E fin che sorseggiamo un caffè pure noi – e rispondiamo ai saluti di Giancarlo Cobelli, Elisabetta Pozzi, Massimo Belli e buona parte della compagnia che si aggira fra il verde – vien da chiedersi dov’è il “divo”, l’attore che può sembrare scostante, il lupo che – pur conservando la grinta da lupo- troviamo in veste di simpaticissimo agnello -ed anche affascinante, diciamolo pure: tanto più che il suo fascino si rivela e viene notato anche dalla troupe televisiva; ed io lo riconosco da quando lo incontrai con l’amica comune Anna Rosa Poli, che aveva curato la traduzione di George Sand.

 

Saliamo poi – fra olivi e pini – per arrivare in un pianoro, con la pace più assoluta. E l’intervista potrebbe durare più di una mattinata, tanto la sua conversazione è sempre stimolante, ricca di spunti, che portano al di là delle domande-tipo. Cercherò, quindi, di riassumerla nel migliore dei modi.

 

Giorgio Albertazzi: attore, regista, soggettista, autore…Di che segno sei?

Sono leone, nato il 20 agosto. Ma le caratteristiche del segno-base sono per me deviate dall’ascendente (sole in cancro) fortissimo.

 

Davvero ci credi?

Sì, credo che l’astrologia abbia un senso: però ognuno modifica il proprio, dettato di base sull’azione che fa su sè stesso.

 

Sei superstizioso?

Sì. Per qualcosa di ereditario, che viene dalla cultura popolare, per quelle cose che ti dicono da bambino: non passare di lì, la civetta che canta sul muro vuol dire che muore qualcuno….

 

Conosci, o riconosci, le tue virtù e i tuoi difetti?

Difetti? Sì! Ho una corteccia caratteriale molto reattiva, reazioni sroporzionate al fatto. Rischio di sembrare talvolta violento: è u difetto che mi porto dietro da tempo.

 

Cosa pensi della pubblicità televisiva,del prestare il proprio volto, il proprio nome -la propria “immagine”, in definitiva- per reclamizzare un determinato prodotto?

Dipende dalla forza del personaggio: se questo è più forte del prodotto, rimane tale; altrimenti, viene mangiato dal prodotto. Bisogna farla bene, la pubblicità, con intelligenza (e spiritosa: come per esempio fa Arbore). Recentemente, mi avevano chiesto di pubblicizzare un’azienda d’abbigliamento; non mi è stato pssibile perchè avevo impegni precedenti. Ma l’avrei fatta…!

 

C’è qualcosa che temi nella vita?

Nella vita? La brutalità, l’ignoranza che genera incomprensione e chiusura mentale.

 

Come ti piace vivere?

Con una certa comodità; ma potrei anche vivere in un guscio di noce: non mi piace il lusso sfrenato, mi mette a disagio. Amo vivere in campagna, lontano dai grandi centri urbani.

 

Cosa significa “giovane” per te?

Giovane significa sempre più un atteggiamento: una certa volontà di conoscere, di sapere. Ricordo che mio padre, una volta, si preoccupò, mi portò da un medico e gli disse: questo ragazzo non sta mai fermo, è irrequieto, mi prende per la manica e mi dice guarda, guarda, facendomi magari vedere cose ovvie come un tram. La diagnosi fu una: ero giovane, soprattutto. Però questa curiosità mi è rimasta.

 

Ieri ho incontrato tutte le “correnti”, le “mode” del momento: rocchettari, paninari, dark, yuppies e così via. Che ne pensi?

Mi sembrano molto condizionati, poverini. Sono in cerca di identità, in un mondo che offre loro una serie di cose da consumare, un mondo di servizi (la “cultura dei servizi”!); e poi non riescono nemmeno più a parlare, sono pieni di suoni, di rumori, forse si identificano attraverso certe forma che sono come bandiere, luoghi culturali che poi sono abbastanza sottoculturali. Mi fa una certa impressione vedere i fans delle rockstars, ad esempio (non le rockstars, che sono abilissime, e manovrate da gente ancor più furba- e poi basta comparire sette volte su un c anale giusto…): questi fans sono degli ominidi, deformati anche loro da questa specie di cieca cristallizzazione dei valori. Ne ho visto un gruppo in un’intervista: volevano salvare il proprio idolo dalla droga e dicevano che era buono, come le madri quando dicono che il loro figlio non è cattivo…ha spaccato la testa a qualcuno, ma lui è buono, ha incontrato cattivi compagni…sono le amicizie che lo hanno rovinato… Questi facevano la stessa cosa: erano padri, e madri -anche se avevano sedici anni- di un loro figlio. Secondo me è un bisogno di paternità, e maternità: adottano il personaggio, lo cullano, lo coccolano, stanno attenti acchè non prenda freddo, gli mettono la maglia di lana…lo inventano, praticamente, come la madre inventa il proprio figlio (in genere, chi conosce meno i ragazzi sono i genitori: questa è la mia tragica opinione sulla famiglia, purtroppo). Ed i fans di oggi sono genitori, non amanti:non vi è più la forma del divismo come una volta, quando Rodolfo Valentino, ad esempio, o Clark Gable, Gary Cooper, Cary Grant, le ragazze li sognavano come amanti…o i ragazzi Greta Garbo, Joan Crawford, Marlene Dietrich…una sera a cena, un viaggio, un incontro su una nave…il grande divismo americano, lo star system… Ora no. Questi sono materni: e fanno un po’ paura.

 

Certe “bandiere” sono rappresentate anche dall’abbigliamento, la divisa, l’intrupparsi.

Nella ventata liberatoria del ’68 -quando improvvisamente si scoprì che ci si poteva vestire come si voleva- nacquero questi gruppi nei quali identificarsi, queste fogge…la swining London, Regent Street, Carnaby Street…il modo di vestirsi casual, di indossare il jeans con la camicia di seta. Su questo, a mio avviso, si è inserito il sistema -che ha goduto. Era molto divertente vedere, mettiamo, Isabella Rossellini che diceva: questo è un prodotto Baritozzi, presentando un nome completamente nuovo. Dopo poco ho cominciato a sentire in giro “…ma è un Baritozzi…guarda, un Baritozzi…”, indipendentemente dal valore, perchè l’ha detto la persona giusta dalla finestra giusta.

 

Il silenzio che ci circonda -oltre che dalle nostre voci- di tanto in tanto è interrotto da un suono soffocato: la mia risata, che cerco sia sommessa senza riuscirvi completamente.

Assieme a questi talenti -prosegue Albertazzi- se ne aggiungono altri, in continuazione. Baritozzi, Carozzi, Tulini…disegnato Tulini…Poi a questi viene chiesto di partecipare a manifestazioni ovunque, di “firmare” il tutto e il di più. Attendo il momento in cui vedrò la carta igienica firmata Tulini.

 

L’operatore ha chiuso l’audio. Anche lui -come gli altri due rgazzi della troupe- non sono riusciti a trattenere una risata. Giorgio Albertazzi lo scontroso, l’irascibile, il quasi inavvicinabile…Giorgio Albertazzi lo spiritoso, colto, divertente. Geniale. Che ci ha offerto una sua nuova grande interpretazione. E uno spaccato sugli anni ’80.

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »