Calcio e sport
  • Dal punto di vista operativo, quello che ancora manca ai veicoli elettrici che “vanno a batteria”, nei confronti di quelli tradizionali dotati di motori a combustione interna alimentati a idrocarburi, sono la grande autonomia (numerose centinaia di chilometri percorribili con un “pieno”) e la rapidità dei tempi di rifornimento. Se vogliamo esprimerci in modo più […]

  • QUID, il passeggino leggero e ultracompatto di casa Inglesina, si veste di un look tutto nuovo con la versione “Vespa”, caratterizzata da uno stile classico ma attuale, ispirato a alla due ruote ambasciatrice del design italiano nel mondo. QUID Inglesina per Vespa sfoggia una cappottina che, proprio come un casco Vespa, riprende la grafica dei cerchi […]

  • Anice, agenzia di comunicazione torinese che collabora con diversi network internazionali specializzati nel settore Automotive PR, è stata scelta per rappresentare INEOS Automotive in Italia. Anice è infatti parte del Global Media Relations Team creato in vista del lancio del nuovo INEOS Grenadier, un veicolo fuoristrada pratico e senza compromessi progettato per essere commercializzato a […]

  • Dal punto di vista operativo, quello che ancora manca ai veicoli elettrici che “vanno a batteria”, nei confronti di quelli tradizionali dotati di motori a combustione interna alimentati a idrocarburi, sono la grande autonomia (numerose centinaia di chilometri percorribili con un “pieno”) e la rapidità dei tempi di rifornimento. Se vogliamo esprimerci in modo più […]

  • A partire dal 29 giugno, le Profumerie Douglas hanno dato vita ad una nuova dimensione digitale per dare la possibilità alle proprie clienti di avere dei servizi beauty nella tranquillità e sicurezza della propria abitazione semplicemente con una videocall. Due servizi più amati dalle clienti diventano digitali e comodamente fruibili dal proprio pc, tablet o smartphone: La Make-up School – in partnership con Lancôme fino […]

  • In Fase 3 lo sguardo diventa protagonista! Dietro la mascherina lo sguardo assume un’importanza fondamentale nella vita sociale quotidiana. Il lockdown ha stravolto le vite e da qui ai prossimi mesi il gesto illuminante occhi diventerà un MUST per trasmettere il nostro ed esaltare lo sguardo. Helena Rubinstein, forte di un’expertise AVANT-GARDE SKINCARE fin dal suo esordio, punta […]

  • Le mani sono una di quelle parti del corpo che spesso trascuriamo dimenticandoci che sono protagoniste di gesti di grande valore: la stretta di mano, simbolo di conoscenza; il tendere una mano, sinonimo di aiuto; una carezza, la dimostrazione di affetto; tenersi per mano, la paura di perdersi; battere le mani, simbolo di approvazione. Ma al tempo […]

  • Accademia del Profumo ha svelato i vincitori della 31esima edizione del suo Premio, eletti da tre diverse giurie, composte da consumatori, esperti del settore e vip. A trionfare tra i consumatori sono stati Chloé L’Eau e Dior Sauvage Parfum proclamati, rispettivamente, miglior profumo dell’anno femminile e maschile, con oltre 130.000 voti raccolti sul minisito dedicato, sui social di Accademia del Profumo e tramite il QR code esposto […]

  • Semplice come un tavolino, geniale come l’accessorio indispensabile; pratica come una…. ribaltina. Nata dall’estro creativo di MRZarchitetti, Tina la Ribaltina è l’oggetto che mancava per godersi appieno e in tutta sicurezza momenti di relax dopo lunghi mesi costretti al chiuso delle case. Coniugando la necessità del distanziamento sociale con il desiderio di ritagliarsi momenti di distensione in […]

  • Sono stati proclamati i vincitori della prima edizione 2020 del concorso “Toscanini – L’ARTE DI APPENDERE / 100 anni e non sentirli” indetto dall’azienda Toscanini, leader nella produzione di portabiti e soluzioni per appendere, per celebrare il proprio centenario. Il bando, rivolto agli studenti di architettura, design e moda, richiedeva la progettazione e il restyling di […]

  • La collezione di sedute “Oltremare” ideata da Antonio Marras e realizzata in collaborazione con Saba, arriva da un luogo e da un passato lontani, ricchi di storia, memoria, ricordi carichi di suggestioni e visioni. Osservando la sua silhouette sinuosa, chi ha origini sarde può addirittura scorgere un promontorio familiare e un’isola minore, un frammento di costa che in tempi antichissimi si […]

  • Nel cuore di Porta Venezia a Milano, in via Felice Casati 21, apre un nuovo spazio in cui convivono amore per la cultura, commercio e condivisione anche social. È MANINTOWN + PROGETTO NOMADE un concept dove la passione per la moda e il design si uniscono alla ricerca di inedite eccellenze e storie da raccontare. […]

  • SEAS, società specializzata nella manutenzione di aeromobili e in esclusiva della flotta Ryanair sul territorio italiano, avrà condotto alla data del 20 giugno, vigilia della ripresa dei voli sull’Aeroporto di Milano Bergamo, la più intensiva campagna di manutenzione durata 100 giorni. Tanti ne saranno passati dallo stop alle operazioni il 13 marzo scorso, periodo durante […]

  • Il 3 giugno 2020, il Boeing 787 800 Dreamliner ha fatto scalo per la prima volta all’Aeroporto di Milano Bergamo. L’aeromobile, con livrea della compagnia aerea Air Europa, è partito da Miami e, dopo avere fatto scalo a Madrid, è atterrato alle 13:00 locali a Bergamo. Il volo è stato organizzato per consentire il rimpatrio […]

  • L’Aeroporto di Milano Bergamo ha ribadito l’importanza delle regole, ripassandole in modo originale e affidandole alla interpretazione di Daniele Vavassori, in arte Vava77. In un gioco delle parti, calato nel contesto degli ambienti aeroportuali, il famoso videomaker sdoppia il suo personaggio alternando un perfetto e forbito inglese al dialetto bergamasco. Due diversi modi di esprimere e comunicare […]

  • A seguito della revoca delle forti restrizioni imposte al trasporto aereo passeggeri causa Covid-19, TAP Air Portugal dal 1 luglio tornerà a operare tra Italia e Portogallo, con due voli giornalieri da Roma Fiumicino e altrettanti da Milano Malpensa verso l’hub di Lisbona. Il vettore portoghese, membro di Star Alliance, da luglio prevede di incrementare significativamente […]

  • Può lo Champagne, il più elitario dei vini, accostarsi al piatto più democratico per eccellenza, la pizza? Sì e se la cornice, poi, è Piazza Carignano 2 a Torino, “casa” di Del Cambio, l’incontro diventa ancora più suggestivo. Quello di Pizza&Champagne, inizialmente visto come un esperimento culinario insolito, sta diventando un binomio sempre più apprezzato. Anche […]

  • La Cucina Italiana – dal 1929 il mensile di cucina più autorevole e di lunga tradizione in Italia e nel resto del mondo – con il numero di luglio lancia un nuovo e ambizioso progetto di comunicazione volto a sostenere il valore universale della cultura gastronomica italiana: una grande iniziativa corale per candidare all’Unesco la “cucina […]

  • Dal programma di Radio 24 “Mangia come parli” con lo chef Davide Oldani e il giornalista Pierluigi Pardo, arrivano le ricette di Davide Oldani in un libro, Edizioni Il Sole 24 Ore, di cucina e cultura del cibo. La campagna è pianificata su mezzi del Gruppo 24 Ore: stampa, radio, digital e con un push social dedicato. È previsto inoltre un sostegno […]

  • La famiglia Pontecorvi continua a scrivere la sua storia nel settore dell’hotellerie, trovando il luogo ideale tra le vie del romano quartiere Prati. Dopo 70 anni di attività iniziati con la direzione di una piccola pensione nel rione Monti, la terza generazione di questa famiglia ha rilevato una struttura ricettiva trasformandola in un boutique hotel di categoria superiore. A via […]

giovedì, 25 giugno 2020

#CALCIOLAND – ATALANTA DA CHAMPIONS AFFONDA LA LAZIO, INTER PRESUNTUOSA PUNITA DAL SASSUOLO

di Nestore Morosini

Quando si vede una squadra che va sotto di due gol per un’autorete e un euro gol avversario e poi giocare un calcio continuo, asfissiante, ficcante, inarrendevole, incurante di chi ha davanti, estremamente proficuo, insomma l’Atalanta, allora uno non può pensare che la squadra bergamasca non possa diventare la grande sorpresa anche nella finale a otto della Champions che si disputerà ad agosto. La Lazio è scesa a Bergamo con il cipiglio di chi si sta giocando lo scudetto, ha disputato il quarto d’ora iniziale da par suo costringendo De Roon all’autorete, quindi raddoppiando con un gol strepitoso da 25 metri di Milinkovic Savic. Poi i ragazzi di Gasperini hanno cominciato a giocare da par loro e per la Lazio non v’è stato scampo. Il gol del riavvicinamento lo ha segnato di testa Gosens (ma Strakosha a cosa stava pensando) a qualche minuto dall’intervallo. E nella ripresa il martellamento bergamasco è stato costante, inesauribile con un centrocampo che ha vietato alla Lazio ogni tipo di ripartenza che, invano, Milinkovic Savic tentava di ricreare.

L’Atalanta non ha campioni celebrati, ma gioca da squadra vera e mi ricorda il Liverpool che beffò il Milan nella finale di Champions a Istanbul: con Malinovskyi nei panni di Gerard a dominare la scena e la partita. Il perno del gioco si sviluppa sulle fasce di destra e di sinistra  senza una preferenza come accade a molte squadre che, perciò, diventano prevedibili. L’azione gira su Papu Gomez e Gosens, la palla perviene quasi sempre alla punta più avanzata che, spalle alla porta, o riesce a saltare l’uomo e concludere oppure appoggia all’indietro a un centrocampista che arriva e tira. Il pareggio di Malinovskyi è arrivato così, altro eurogol foriero di vittoria. Puntualmente giunta con un altro gol di testa, di Palomino, con Strakosha a pensare ai fatti suoi e non alla partita. Grande spettacolo, grande squadra l’Atalanta. In questo momento meglio della Juventus, meglio della Lazio e, manco a dirlo, meglio dell’Inter.

Inter che a San Siro ha commesso un parziale suicidio giocando un partita alterna contro il Sassuolo ben disposto da De Zerbi e mai rinunciatario, ficcante negli affondo di Boga e Berardi per trovare Caputo sempre presente in zona gol. L’anno scorso, quando Conte cercava ad ogni costo di ingaggiare Giroud dal Chelsea, scrissi quanto fosse inutile andare in Inghilterra per trovare un attaccante quando in Italia, nell’Empoli, giocava un certo Francesco Caputo che avrebbe fatto molto comodo all’Inter. E Caputo, perfetto nell’inserimento, ha segnato il vantaggio emiliano con un contropiede che mi ha dato l’impressione di cancellare i quasi 33 anni che Francesco compirà il prossimo 6 agosto.

Il suicidio dell’Inter è arrivato dalle carenze di Andrea Ranocchia in difesa che smania solo di far gol invece di avere come prima preoccupazione quella di non farli fare agli attaccanti avversari. In occasione del gol di Caputo, Ranocchia è uscito in modo insensato generando un perfetto corridoio per l’inserimento del sassuolese. Capisco l’attaccamento ai colori dell’Inter, ma Ranocchia non è più centrale che vada bene a una squadra che ha grandi ambizioni.

Un gol di passivo, anzi due come ha dimostrato l’Atalanta contro la Lazio, si può rimontare. L’Inter lo ha fatto, prima con un calcio di rigore accordato per uno sgambetto, più involontario che altro ma pur sempre da penalty, di Boga su Skrinier. E poi andando in vantaggio con una combinazione Sanchez-Biraghi che ha portato l’esterno al gol con un gran tiro di mancino.

E qui l’Inter sembrava diventata saggia. Il “vecchio” Borja Valero non sprecava una palla, Eriksen appoggiava e faceva correre gli esterni alti, le occasioni si creavano. Ma, colmo di sfortuna, l’Inter ha dovuto fare i conti con l’assoluta insipienza di Roberto Gagliardini che solo, due metri davanti alla porta del Sassuolo spalancata senza cioè portiere o giocatori avversari, invece di appoggiare in rete con un tocco leggero decideva, presuntuosamente, di sfondare la rete con una cannonata. Ma siccome il destro di Gagliardini non assomiglia neanche lontanamente al sinistro del compiantissimo Mariolino Corso, la palla è schizzata in alto, ha colpito la traversa privando l’Inter del faticato 3-1. Il Sassuolo, senza mai scoraggiarsi, approfittava di parere in continuazione dei difensori (in cui Bastoni avrebbe bisogno di una regolata da parte dell’allenatore per ricordargli che ha vent’anni e non è ancora  Giacinto Facchetti) per portarsi sul 2-2, con Barardi su rigore che Handanovic intuisce la linea della palla ma non riesce a fermarla. L’Inter riassaltava l’area avversaria, il “vecchio” Borja sgusciava, furbescamente, fra tutti su un calcio piazzato e da un metro accompagnava la palla in porta. Partita finita? Neppure per sogno, soprattutto per demerito di Candreva che sprecava malamente un assist di Lukaku: davanti al portiere sarebbe bastato un pallone, ma anche l’esterno, come Gagliardini, decideva per la gran botta: ovviamente addosso al portiere, sarebbe stato il 4-2 visto che al 90.mo mancavano solo 4 minuti. Invece no, l’autolesionismo dell’Inter prevaleva su tutto e Magnani mette il piede sul traversone di Haraslin segnando il 3-3. Per l’Inter tramontava, così, il sogno scudetto con l’Atalanta a quattro punti di distacco in classifica a insidiargli la terza posizione.

Il perché di Barella, che è giovane e ha forza, in panchina resta un mistero anche se Conte ha spiegato che a centrocampo, fuori Sensi e Brozovic per infortunio, l’Inter ha elementi contati. Io obietterei a Conte che è stato lui a voler mandare a Cagliari Nainggolan, giudicandolo non adatto al suo progetto. Che, a parere dei tifosi, sarebbe quello di vincere e non di lamentarsi. Ho visto Barella in Tv, rispondere con un labiale Boh, a qualcuno che gli chiedeva, suppongo, perché non fosse titolare. Probabilmente Conte ha inteso lasciarlo in panchina con la necessità di turnover visto che domenica l’Inter giocherà sul difficile campo del Parma. Ma a questo punto, se davvero il presidente Zhang vuole una squadra vincente, l’a.d. Marotta e il direttore sportivo Ausilio devono darsi da fare sul mercato: invece di chiacchiere, una specialità nerazzurra da sempre, utilizzino i soldi già acquisiti per gli acquisti del centrocampista Tonali e del centrale difensivo Kumbulla. Ma se davvero Lautaro è destinato al Barcellona (sarebbe l’ennesimo suicidio nerazzurro) bisogna operare in fretta l’ingaggio di Federico Chiesa.

Oppure rinunciare ai sogni di gloria.

 

 

 

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »