Calcio e sport
  • Dal punto di vista operativo, quello che ancora manca ai veicoli elettrici che “vanno a batteria”, nei confronti di quelli tradizionali dotati di motori a combustione interna alimentati a idrocarburi, sono la grande autonomia (numerose centinaia di chilometri percorribili con un “pieno”) e la rapidità dei tempi di rifornimento. Se vogliamo esprimerci in modo più […]

  • QUID, il passeggino leggero e ultracompatto di casa Inglesina, si veste di un look tutto nuovo con la versione “Vespa”, caratterizzata da uno stile classico ma attuale, ispirato a alla due ruote ambasciatrice del design italiano nel mondo. QUID Inglesina per Vespa sfoggia una cappottina che, proprio come un casco Vespa, riprende la grafica dei cerchi […]

  • Anice, agenzia di comunicazione torinese che collabora con diversi network internazionali specializzati nel settore Automotive PR, è stata scelta per rappresentare INEOS Automotive in Italia. Anice è infatti parte del Global Media Relations Team creato in vista del lancio del nuovo INEOS Grenadier, un veicolo fuoristrada pratico e senza compromessi progettato per essere commercializzato a […]

  • Dal punto di vista operativo, quello che ancora manca ai veicoli elettrici che “vanno a batteria”, nei confronti di quelli tradizionali dotati di motori a combustione interna alimentati a idrocarburi, sono la grande autonomia (numerose centinaia di chilometri percorribili con un “pieno”) e la rapidità dei tempi di rifornimento. Se vogliamo esprimerci in modo più […]

  • A partire dal 29 giugno, le Profumerie Douglas hanno dato vita ad una nuova dimensione digitale per dare la possibilità alle proprie clienti di avere dei servizi beauty nella tranquillità e sicurezza della propria abitazione semplicemente con una videocall. Due servizi più amati dalle clienti diventano digitali e comodamente fruibili dal proprio pc, tablet o smartphone: La Make-up School – in partnership con Lancôme fino […]

  • In Fase 3 lo sguardo diventa protagonista! Dietro la mascherina lo sguardo assume un’importanza fondamentale nella vita sociale quotidiana. Il lockdown ha stravolto le vite e da qui ai prossimi mesi il gesto illuminante occhi diventerà un MUST per trasmettere il nostro ed esaltare lo sguardo. Helena Rubinstein, forte di un’expertise AVANT-GARDE SKINCARE fin dal suo esordio, punta […]

  • Le mani sono una di quelle parti del corpo che spesso trascuriamo dimenticandoci che sono protagoniste di gesti di grande valore: la stretta di mano, simbolo di conoscenza; il tendere una mano, sinonimo di aiuto; una carezza, la dimostrazione di affetto; tenersi per mano, la paura di perdersi; battere le mani, simbolo di approvazione. Ma al tempo […]

  • Accademia del Profumo ha svelato i vincitori della 31esima edizione del suo Premio, eletti da tre diverse giurie, composte da consumatori, esperti del settore e vip. A trionfare tra i consumatori sono stati Chloé L’Eau e Dior Sauvage Parfum proclamati, rispettivamente, miglior profumo dell’anno femminile e maschile, con oltre 130.000 voti raccolti sul minisito dedicato, sui social di Accademia del Profumo e tramite il QR code esposto […]

  • Semplice come un tavolino, geniale come l’accessorio indispensabile; pratica come una…. ribaltina. Nata dall’estro creativo di MRZarchitetti, Tina la Ribaltina è l’oggetto che mancava per godersi appieno e in tutta sicurezza momenti di relax dopo lunghi mesi costretti al chiuso delle case. Coniugando la necessità del distanziamento sociale con il desiderio di ritagliarsi momenti di distensione in […]

  • Sono stati proclamati i vincitori della prima edizione 2020 del concorso “Toscanini – L’ARTE DI APPENDERE / 100 anni e non sentirli” indetto dall’azienda Toscanini, leader nella produzione di portabiti e soluzioni per appendere, per celebrare il proprio centenario. Il bando, rivolto agli studenti di architettura, design e moda, richiedeva la progettazione e il restyling di […]

  • La collezione di sedute “Oltremare” ideata da Antonio Marras e realizzata in collaborazione con Saba, arriva da un luogo e da un passato lontani, ricchi di storia, memoria, ricordi carichi di suggestioni e visioni. Osservando la sua silhouette sinuosa, chi ha origini sarde può addirittura scorgere un promontorio familiare e un’isola minore, un frammento di costa che in tempi antichissimi si […]

  • Nel cuore di Porta Venezia a Milano, in via Felice Casati 21, apre un nuovo spazio in cui convivono amore per la cultura, commercio e condivisione anche social. È MANINTOWN + PROGETTO NOMADE un concept dove la passione per la moda e il design si uniscono alla ricerca di inedite eccellenze e storie da raccontare. […]

  • SEAS, società specializzata nella manutenzione di aeromobili e in esclusiva della flotta Ryanair sul territorio italiano, avrà condotto alla data del 20 giugno, vigilia della ripresa dei voli sull’Aeroporto di Milano Bergamo, la più intensiva campagna di manutenzione durata 100 giorni. Tanti ne saranno passati dallo stop alle operazioni il 13 marzo scorso, periodo durante […]

  • Il 3 giugno 2020, il Boeing 787 800 Dreamliner ha fatto scalo per la prima volta all’Aeroporto di Milano Bergamo. L’aeromobile, con livrea della compagnia aerea Air Europa, è partito da Miami e, dopo avere fatto scalo a Madrid, è atterrato alle 13:00 locali a Bergamo. Il volo è stato organizzato per consentire il rimpatrio […]

  • L’Aeroporto di Milano Bergamo ha ribadito l’importanza delle regole, ripassandole in modo originale e affidandole alla interpretazione di Daniele Vavassori, in arte Vava77. In un gioco delle parti, calato nel contesto degli ambienti aeroportuali, il famoso videomaker sdoppia il suo personaggio alternando un perfetto e forbito inglese al dialetto bergamasco. Due diversi modi di esprimere e comunicare […]

  • A seguito della revoca delle forti restrizioni imposte al trasporto aereo passeggeri causa Covid-19, TAP Air Portugal dal 1 luglio tornerà a operare tra Italia e Portogallo, con due voli giornalieri da Roma Fiumicino e altrettanti da Milano Malpensa verso l’hub di Lisbona. Il vettore portoghese, membro di Star Alliance, da luglio prevede di incrementare significativamente […]

  • Può lo Champagne, il più elitario dei vini, accostarsi al piatto più democratico per eccellenza, la pizza? Sì e se la cornice, poi, è Piazza Carignano 2 a Torino, “casa” di Del Cambio, l’incontro diventa ancora più suggestivo. Quello di Pizza&Champagne, inizialmente visto come un esperimento culinario insolito, sta diventando un binomio sempre più apprezzato. Anche […]

  • La Cucina Italiana – dal 1929 il mensile di cucina più autorevole e di lunga tradizione in Italia e nel resto del mondo – con il numero di luglio lancia un nuovo e ambizioso progetto di comunicazione volto a sostenere il valore universale della cultura gastronomica italiana: una grande iniziativa corale per candidare all’Unesco la “cucina […]

  • Dal programma di Radio 24 “Mangia come parli” con lo chef Davide Oldani e il giornalista Pierluigi Pardo, arrivano le ricette di Davide Oldani in un libro, Edizioni Il Sole 24 Ore, di cucina e cultura del cibo. La campagna è pianificata su mezzi del Gruppo 24 Ore: stampa, radio, digital e con un push social dedicato. È previsto inoltre un sostegno […]

  • La famiglia Pontecorvi continua a scrivere la sua storia nel settore dell’hotellerie, trovando il luogo ideale tra le vie del romano quartiere Prati. Dopo 70 anni di attività iniziati con la direzione di una piccola pensione nel rione Monti, la terza generazione di questa famiglia ha rilevato una struttura ricettiva trasformandola in un boutique hotel di categoria superiore. A via […]

lunedì, 29 giugno 2020

#CALCIOLAND – LAZIO CON AIUTINO, INTER CON FORTUNA, JUVE CON I GOL, ATALANTA DI TECNICA E FORZA, MILAN DI CUORE: VINCONO TUTTE

di Nestore Morosini

Ormai gli arbitri italiani credono tutti di essere dei Concetto Lo Bello di Siracusa, principe indiscusso dei “fischietti” italiani, negli anni sessanta e settanta, le cui decisioni non venivano mai contestate. Oggigiorno c’è il Var da consultare? Chissenefrega, io ci vedo meglio del collega che sta al video. Così il signor Michael Fabbri da Ravenna, con proterva supponenza, ha consentito alla Lazio di pareggiare lo splendido gol di Ribéry, poi ci ha pensato il piede magico di Luis Alberto a siglare la vittoria. La moviola Tv ha mostrato che Caicedo stava cadendo prima del contatto con il portiere della Fiorentina. Ma Fabbri è stato irremovibile: rigore e zitti tutti perché l’arbitro ha ripetuto due volte: “l’ha preso, l’ha preso”. Ma Fabbri era dietro la linea dei giocatori e, di conseguenza, non  aveva potuto vedere il contrasto dal davanti, contrasto che è sembrato più ricerca del piede del portiere Dragowski da parte di Caicedo piuttosto che il contrario. Fabbri, perciò, non è andato al video e per questo giudico supponente la sua decisione. Resta da capire anche perché Fabbri non abbia assegnato l’espulsione diretta a Bastos per un’entrataccia a piede alto su Ghezzal: l’espulsione, probabilmente, avrebbe potuto cambiare la partita. Resta da dire, alla fin dei conti, che la Fiorentina ha sbagliato troppe ghiotte occasioni e, come ha riconosciuto il suo allenatore Iachini, la punizione è arrivata soprattutto per questo.

Così la Lazio è riuscita a non perdere ulteriore terreno dalla Juventus che contro il Lecce ha concluso in goleada dopo aver disputato un primo tempo discutibile. Sarri non riesce a srotolare la matassa bianconera, soprattutto a centrocampo le cose stentano ad andar bene in avvio di partita dove il solo Bentancur ha idee chiare. Poi la diversa caratura fra le due squadre ha avuto la meglio, Dybala che nel primo tempo si era visto poco piazza il suo diabolico sinistro all’incrocio e Ronaldo, pur segnando il gol su rigore, si dà da fare per fornire assist, pregevole quello di tacco per la rete di Higuain. Una squadra, la bianconera, sufficiente, impenetrabile in difesa per gli attaccanti del Lecce: ma la gran Juventus ha ancor da venire.

L’Inter a Parma mi ha fatto tornare alla mente i film di Rocky. E cioè come un pugile, e se vogliamo una squadra, che meriterebbe di perdere perché prende pugni in continuazione ma grazie alla tenacia e anche alla fortuna che neutralizza le azioni potenzialmente più pericolose dell’avversario mandandole a vuoto, alla fine riesce ad assestare i due pugni del k.o. L’Inter ha giocato una partita da formazione di metà classifica, ma l’ha giocata senza risparmio di energie, soprattutto in Barella e Lukaku inesauribili per forza fisica e pure, nel caso del centrocampista, anche tecnica. Ma Conte deve rivedere i suoi piani, perché parlare di scudetto è ormai anacronistico: io ritengo che sarà anche difficile mantenere il terzo posto, con l’Atalanta che viaggia a ritmi forsennatamente efficaci, la vittoria a Udine è la dimostrazione che nell’equazione tecnica di Gasperini non esistono incognite. Incognite che, al contrario, l’Inter non riesce a identificare perché, diciamocelo francamente, con una formazione costretta a schierare titolari i vari Gagliarini, Candreva, Biraghi, D’Ambrosio non si fa tanta strada. E se dagli “erano famosi” Godin, Moses, Young alla fine viene fuori il colpo vincente ci si rende conto che il lavoro sul mercato da parte di Marotta e Ausilio deve essere più importante di quello dell’allenatore. Sanchez lo terrei ancora una stagione, il suo impegno è costante e la sua tecnica disorienta le difese; Bastoni se gioca senza prosopopea diventa strumento importante per difendere e offendere, mentre Skriniar, se deciderà di essere slovacco anche nelle reazioni tre giornate di squalifica non le prenderà più; Brozovic e Sensi prima o poi rientreranno a far quadrare il centrocampo ed Eriksen non può essere quello di ieri sera, il fantasma del talentuoso giocoliere del Tottenham, ma loro tre non bastano, per qualità, a far diventare l’Inter una grande squadra: quindi la società deve concludere alla svelta, come ha fatto per Akimi, l’acquisto di Sandro Tonali. Mancano ancora un centrocampista alla Vidal, un attaccante, di gran qualità se Lautaro emigrerà a Barcellona, buona riserva (diciamo alla Caputo) se il Toro resterà in nerazzurro. E, infine, mancando nella rosa nerazzurra un centrale difensivo e visto che Kumbulla è diventato difficile, l’Inter potrà guardare altrove, a Torino per Izzo oppure, meglio ancora, in casa dando la chance al diciottenne Pirola o riprendersi Zinho Vanheusden che lo Standard Liegi ha licenziato perché il giovane difensore non aveva accettato la riduzione d’ingaggio per Coronavirus. L’aver ceduto per 12 milioni un difensore promettente come Vanheusden, che fra l’altro ha conquistato il titolo di miglior matricola dell’anno del campionato belga, per confermare Ranocchia e Godin non è stata di sicuro una grande operazione di mercato. Ma i tifosi dell’Inter, a queste operazioni, sono purtroppo abituati: Nicolò Zaniolo docet!

L’ultima annotazione va al Milan, tutto cuore, che ha battuto una Roma inconsistente. Nel caldo di San Siro, i giallorossi si sono liquefatti: Varetout senza sponde, Dzeko fracobollato dall’ottimo Kiaer, Mancini e Smalling in difficoltà, col passare dei minuti, su un Rebic inarrestabile al quale, poi, Zappacosta (il peggiore dei giallorossi romani) ha fornito l’assist per la prima rete. Il Milan sta avviandosi verso un posto nella prossima Europa League: ed è inconcepibile che il suo allenatore Pioli sia sempre messo in discussione a vantaggio del tedesco Ragnick che stila programmi triennali molto ambiziosi sul libro mastro Milan, fortemente tinte di rosso.

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »