Moda e tendenze
  • L’Opel Insignia vuole dire la sua in un mercato in cui sono i suv ormai a fare da padroni. Spunta a listino la versione Country Tourer, versione che in 5 metri di lunghezza promette comfort e libertà, oltre a una grande capacità di adattamento.   Rialzata di 25 millimetri, con il nuovo automatico a 8 rapporti di provenienza […]

  • Nuova vita al Buggy! Volkswagen al Salone di Ginevra presenterà il concept car e-Buggy. Un veicolo elettrico, fedele nel look allo spirito originale dei tipici veicoli americani, senza tetto, né portiere, con ruote scoperte dotate di pneumatici offroad. Se ai tempi c’era il telaio del Maggiolino a fare da base alle circa 250.000 unità diffuse a livello globale […]

  • Nel corso dell’Assemblea Generale dei Soci UNRAE, che si è tenuta l’11 aprile a Roma, è stato presentato il nuovo Direttore Generale dell’Associazione, Ing. Andrea Cardinali. Classe 1964, Cardinali è perugino di nascita e romano di adozione. Ingegnere con studi umanistici, si è laureato all’università ‘La Sapienza’ e perfezionato in varie sedi, fra cui l’IMD di Losanna. Il suo percorso […]

  • In un film americano del 1956, “The rainmaker” (“Il mago della pioggia”, in Italia), interpretato da Burt Lancaster e Katharine Hepburn, si narra di uno strano individuo, mezzo stregone e mezzo imbroglione, che promette di far piovere su una fattoria arsa dalla siccità in cambio di cento dollari.  Siamo nel Kansas degli “Anni Venti”  e […]

  • Attraverso l’attività di indagine sui suoi visitatori, MICAM punta a migliorare i servizi e l’offerta per gli operatori italiani ed esteri, in vista della prossima edizione in programma dal 15 al 18 settembre 2019 a Fiera Milano (Rho). Per questo, anche quest’anno ha raffinato ulteriormente i suoi strumenti di profilazione e analisi, con il fine di […]

  • L’attore Hugh Jackman ha indossato Corneliani per la sua partecipazione al “The Tonight Show Starring Jimmy Fallon”, lunedì 8 aprile 2019. The Tonight Show è un talk show e varietà televisivo statunitense trasmesso a partire dal 1953 dalla NBC, condotto dal 17 febbraio 2014 da Jimmy Fallon ed è il terzo programma di intrattenimento più lungo nella storia […]

  • Schiaparelli annuncia la fine della collaborazione con Bertrand Guyon. La Maison Schiaparelli ringrazia Bertrand Guyon per il suo contributo all’attività di Haute Couture della Maison, in stretta collaborazione con lo studio creativo e gli Ateliers della Maison di Place Vendôme.    

  • L’ultimo comma dell’art 16 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo cita testualmente: “La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato”. Potremmo aggiungere, rifacendosi ai giorni nostri, “anche dalla moda”, senza che ce ne voglia l’assemblea generale delle Nazioni Unite. Perché quel nucleo […]

  • La linea solari Sunwards e Tanwards agisce in modo preciso ostacolando sia le radiazioni UVB sia quelle UVA. E non solo: i filtri solari SUNWARDS sono anche in grado di modulare l’azione delle radiazioni infrarosse e della luce visibile. Synchroblock Technology: semplice ed efficace. La Synchroblock Technology ostacola l’assorbimento dei filtri solari attraverso la cute. Due vantaggi: […]

  • M∙A∙C Cosmetics  ha siglato una  partnership con il talent show musicale The Voice of Italy, in qualità di make-up ufficiale del programma prodotto da Rai2 in collaborazione con Wavy, in onda dal 23 aprile ogni martedì alle 21:25.   Il M∙A∙C Pro Team, che rappresenta lo spirito e l’incarnazione della cultura del brand, si occuperà […]

  • Liscia o riccia? Fai la tua scelta! Sunsilk ha una proposta per qualsiasi hairstyle tu abbia… o scelga! LISCIO PERFETTO: addio effetto crespo! Una linea pensata per un liscio impeccabile, senza ciocche ribelli, con un movimento naturale. La tecnologia straight-lock e le proteine della seta, allineando le fibre capillari, contrastano l’effetto crespo per capelli che […]

  • Per il  Coachella Festival, Beatrice Valli e ghd Italia hanno collaborato per creare acconciature in linea con l’evento.   Il brand di Styler leader nel mercato e l’influencer da 2 milioni di follower si sono divertiti a stupire con look semplici ma d’impatto, per affrontare al meglio le lunghe notti di divertimento del festival californiano […]

  • Una rapsodia di colori ed elementi decorativi – la collezione in porcellana Medusa Rhapsody aggiunge un tocco Versace alla tavola. La Medusa e i fiori barocchi sono dipinti con delle tonalità dorate e i prodotti principali della collezione sono caratterizzati dal logo vintage Versace degli anni 90. Completamente realizzata con la porcellana della più alta qualità, si […]

  • La prima tappa mondiale di Logica Celata, tanto voluta dal CEO Giuseppe Di Nuccio, frutto di una complessa ricerca volta a ripensare lo spazio e reinventare l’ergonomia, parte dalla terrazza della Rinascente di Milano, la shopping destination per antonomasia, dove Valcucine, con lo storico partner Spotti, è stata protagonista assoluta della notte di martedì 9 […]

  • Alessandro Enriquez ha presentato le due capsule collection prodotte in collaborazione con due colossi del mondo dell’arredamento: Illulian e Badari, in uno speciale evento volto a festeggiare il sessantesimo anniversario di Illulian.     Con Illulian, il designer porta avanti una collaborazione che da diverse stagioni si ripete e che anche quest’anno si rinnova. Alessandro ci porta così in Sicilia, come […]

  • Da dicembre 2018, Milano accoglie il primo Le Village by Crédit Agricole italiano, un vero e proprio hub dell’innovazione che ha l’obiettivo di selezionare, sostenere e promuovere startup che operano principalmente in sette diversi ambiti.   L’hub fa parte del network di Village sviluppato da Crédit Agricole in tutto il mondo e darà l’avvio a […]

  • Air France lancia due novità per i propri clienti. La compagnia aerea francese, in collaborazione con Delsey, propone una valigia su misura per i viaggiatori più giovani. Progettata appositamente per i bambini dai 4 agli 8 anni, questo esclusivo bagaglio è impreziosito da dettagli ispirati al mondo del travel. Dallo stile francese ‘très chic’, questa valigia […]

  • Da giovedì 18 aprile 2019 il terminal partenze dell’Aeroporto di Milano Bergamo ospita tre opere d’arte che hanno fatto parte della mostra “L’incanto svelato. L’Arte della meraviglia da Tiepolo a Manzù”, promossa dalla Fondazione Comunità Bergamasca e allestita dal ° dicembre 2018 al 24 febbraio 2019 nel cinquecentesco Palazzo Polli Stoppani di Bergamo.     […]

  • Lo studio condotto dalla Ellen Mac Arthur Foundation ha stimato che la plastica nei mari e negli oceani supererà, entro il 2050, la quantità in peso dei pesci che vi nuotano. Un dato allarmante che rende sempre più urgente attivarsi affinché i nostri mari non soffochino. La prima azione concreta, alla presenza delle maggiori istituzioni di […]

  • Il tragico incendio che, il 15 Aprile, ha devastato la cattedrale di Notre-Dame de Paris, simbolo della storia francese, è stato un duro colpo per tutta l’umanità. Tutte le filiali di Air France e Air France-KLM nel mondo sono state profondamente colpite e rattristate dall’accadimento.   Per questo motivo Benjamin Smith, CEO di Air France-KLM, […]

  • Al 62mo Festival dei 2Mondi Monini sceglie ancora una volta di celebrare l’arte della danza, da sempre una delle grandi protagoniste della kermesse. Quest’anno l’azienda spoletina, che da tre generazioni è ambasciatrice nel mondo della cultura dell’Extra Vergine di Oliva, rinnova la partnership con il Festival della sua città sostenendo uno degli appuntamenti più attesi nel calendario della sezione […]

  • Sulla spiaggia più iconica di Saint-Tropez, Michel Reybier – fondatore delle strutture La Réserve – con il designer Philippe Starck ha ideato La Réserve à la Plage. Dal 18 aprile 2019, La Réserve à la Plage reinventa lo spirito originario di Saint-Tropez. Sulla spiaggia Pampelonne, interamente ridisegnata per catturare la sua bellezza selvaggia, La Réserve à la Plage rievoca […]

  • Si è tenuto al Palazzo delle Stelline  NutriMI, il Forum di Nutrizione Pratica, appuntamento annuale di riferimento per tutti i Professionisti della Salute e per gli esperti che operano nel campo dell’Alimentazione e della Nutrizione. Durante i due giorni di congresso scientifico si sono alternati relatori di fama nazionale e internazionale che hanno affrontato le […]

  • Il ristorante Torre della Fondazione Prada presenta il secondo appuntamento di “CARE’s Chef Under 30”, realizzato in collaborazione con lo chef tre stelle Michelin Norbert Niederkofler e con Paolo Ferretti, entrambi fondatori di “CARE’s – The Ethical Chef Days”. Il progetto è ideato con l’obiettivo di promuovere “la cucina delle idee” e una cultura gastronomica basata su […]

  • Oakley presenta la nuova campagna globale multicanale SEE IT IN PRIZM, basata su storie di ossessione, passione e visione vissute in prima persona dalla comunità mondiale del brand. La campagna dimostra che Oakley Prizm™ permette a chiunque di vivere la propria vita al massimo, non solo ai migliori atleti al mondo, come il celebre esterno […]

  • New Balance, brand di Boston, considerato uno dei top player dell’universo running, sottolinea l’importanza del settore tenendo attive diverse sponsorizzazioni nelle più amate e percorse maratone mondiali come la TCS New York City Marathon, Virgin Money London Marathon, e molte altre. Nel 2019, New Balance rinnova la sua partnership con la Sarnico Lovere Run di cui è Sponsor […]

  • Si avvicina l’arrivo del Giro d’Italia in Valle D’Aosta, previsto per il 25 maggio per la 14° tappa del giro: Saint-Vincent – Courmayeur Skyway Monte Bianco. Courmayeur Mont Blanc si sta preparando ad accogliere gli atleti e tutti gli appassionati di bici, grazie ad un ricco palinsesto di eventi che durerà 3 giorni, tra il centro […]

  • Anche il Napoli fuori dalle coppe. L’Arsenal, implacabile nelle ripartenze, passa al San Paolo e conquista la semifinale dell’Europa league. A nulla vale il cuore della squadra di Ancelotti che commette, però, una marea di sbagli in fase di impostazione con un Allan bene imbrigliato a centrocampo e un Insigne disattento perché troppo spesso in […]

mercoledì, 20 marzo 2019

DA VIRGIL ABLOH A GHERARDO FELLONI: I DESIGNERS CHE SI “SPORCANO LE MANI” ALLA RICERCA DELL’INCLUSIVITA’

di Anna Franco

L’imperativo è vendere. Vanno bene gli show, le collaborazioni, gli spettacoli, le emozioni e pure gli applausi, ma se non si fa cassa anche i rapporti più idilliaci tra designer e casa di moda possono incrinarsi irrimediabilmente. Per far questo un buon inizio è coinvolgere il più vasto pubblico possibile e cercare di diventare virali, rendendo i capi appetibili, gli accessori fortemente desiderabili, la firma in questione uno status symbol dal forte impatto aspirazionale.

 

Una volta messo nero su bianco l’obiettivo inizia la ricerca della persona che possa guidare con abilità e astuzia la casa di moda, magari un po’ sonnacchiosa, al risultato sperato. Così, nell’ultimo anno o poco più, sottili e veloci cambiamenti hanno caratterizzato molti brand di moda. Virgil Abloh è approdato da Louis Vuitton uomo, ruolo lasciato libero da Kim Jones, che è andato a dirigere Dior Homme. A sua volta da questo posto è scivolato verso Berluti Kris van Assche. Intanto, Celine nominava come direttore creativo Hedi Slimane, dando il via anche alla linea maschile e a quella couture. Da Burberry arrivava Riccardo Tisci, da Fay Arthur Arbesser, da Lanvin Bruno Sialelli e da Roger Vivier sbarcava Gherardo Felloni.

 

Nomi e nazionalità diverse, oltre che stili differenti, ma che hanno in comune alcune caratteristiche. Buona parte di loro non ha alle spalle studi specifici nel campo della moda. Il che secondo i detrattori può portare a un’ignoranza di fondo delle basi e del saper tenere in mano un ago o una forbice, ma comporta la capacità di guardare oltre le (ristrette) mura di una sartoria. Aprire le finestre, le porte, andare in giro, sporcarsi le mani, stringerne di diverse ormai è necessario per far sì che il fashion system non si ripieghi in se stesso, ma comprenda e, magari, anticipi i sussulti sociali.

 

Kim Jones, per dire, è quello che si è inventato la fortunata (e lucrosa) collaborazione Louis Vuitton – Supreme, mentre Virgil Abloh, a furia di stampe, grafiche e customizzazioni, oltre che di mix di lusso e streetwear, ha messo la sua firma un po’ ovunque grazie al suo brand Off-White. Nella lista spiccano Ikea, Nike, Jimmy Choo, Rimowa, Evian, Timberland, Moët & Chandon: insomma, scelte di marchi alquanto trasversali. E trasversale dovrebbe essere anche la clientela alla quale rivolgersi.

 

In una moda che aspira all’inclusività, non solo per compiacimento di apertura mentale, ma anche per aumentare il pubblico in ascolto (e, ci si augura, in fila davanti alle boutique), è importante non lasciare fuori nessuno. E qui entra il gioco il mix di sartorialità e sportwear o casual che dir si voglia, che tanto affascina tutti questi brand.

 

Riccardo Tisci per Burberry ha addirittura abbandonato le sue atmosfere vagamente gotiche e, sull’ultima passerella, ha portato ben 106 look. Forse il dono della sintesi non è il suo forte, ma così ha voluto mettere in chiaro che una parte della collezione si rivolge alla ragazza e al ragazzo e un’altra alla donna e all’uomo. Ci sono le felpe e i trench, i colori sgargianti e l’ovattato beige simbolo della griffe.

 

La tradizione, infatti, è un altro elemento da non trascurare. Mai. Tutte le case di moda hanno una loro storia e, in qualche modo, è doveroso riportarla in luce, anche in maniere superficiali o prettamente commerciali. Il passato va campionato secondo nuovi ritmi. C’è chi lo fa meglio, chi un po’ meno.

 

Gherardo Felloni per Roger Vivier, per esempio, ha reinterpretato le origini, ma in un modo del tutto personale. Per lui l’ispirazione deve essere il ricordo che si ha di una cosa, non l’oggetto stesso d’archivio. Fatto sta che il 1700 lo affascina, così come attraeva il fondatore della griffe, e adesso per le strade del mondo ci sono novelle Marie Antoinette che perdono la testa per i nuovi modelli di calzature.

 

Arthur Arbesser, da Fay, è entrato in punta di piedi, con la certezza che il marchio sia così riconoscibile che non sarebbero consigliati stravolgimenti, ma solo mutamenti alla modellistica e una generale rinfrescata nei colori, nelle silhouette e nei materiali.

 

Per Bruno Sialelli, da Lanvin, il passato è molto confuso. Non è colpa (solo) sua. Alla guida della maison francese si sono avvicendati ben quattro direttori creativi negli ultimi 4 anni e da quando nel 2015 Alber Elbaz è stato licenziato la griffe ha perso quasi tutta la sua identità. Alla sua prima collezione le proposte erano tante e alquanto confuse, guardavano ai viaggi della fondatrice proponendo uno stile nomade un po’ anonimo, creato per attrarre un pubblico che si ritiene sofisticato. Staremo a vedere, ma nel frattempo colpisce che Sialelli si sia dedicato, negli anni, anche al menswear. Così è per molti suoi colleghi prescelti: il gender fluid, ormai, impone di saperne di maschile e femminile. Inoltre, è palese che molte rivoluzioni, anche proprio nel campo dei cambi ai vertici creativi, stiano avvenendo nell’abbigliamento maschile.

 

Il colosso LVMH è piuttosto smaliziato sulle strategie di mercato e, negli ultimi tempi, ha cambiato la guida di alcuni suoi comparti di abbigliamento uomo, ha deciso che d’ora in poi Givenchy avrà una passerella dedicata solo a lui (vedi il debutto a Pitti Immagine Uomo il prossimo 12 giugno), ha dato una spinta forte anche all’abbigliamento di Berluti, famoso più per le calzature, e ha deciso che Celine non sarà più only for woman.

 

Hedi Slimane è arrivato qui da direttore creativo come un uragano. Ha spazzato via l’eredità di Phoebe Philo e le sue fan, ma ha del resto sempre detto che sarebbe penoso rifarsi a un predecessore. Col suo solo nome, che è ormai un brand a parte, un po’ come fu per Karl Lagerfeld, è riuscito a creare eccitazione e aspettativa. Roba non da poco. Poi, c’è stato lo sdegno di molti per il suo primo show, quello per la primavera/estate. Troppo simile al Saint Laurent che aveva lasciato. Sì, ma anche molto simile al Saint Laurent disegnato da Anthony Vaccarello, che, a questo punto, è apparso ancor di più come un mero interprete di ciò che era stato fatto coraggiosamente da altri.

 

Per l’autunno/inverno, dopo questa dichiarazione di forza, ha dimostrato di poter cambiare registro, di essere duttile, curioso, volenteroso, ma soprattutto intuitivo e competitivo e ha strizzato l’occhio al mood di Celine degli anni Settanta. Ha sorriso al conservatorismo bon ton, ad abiti che donano un po’ a tutte (e che a tutte sono vendibili o, almeno, da tutte desiderabili), ci ha messo un tocco di ribellione e ha fatto un calcolo assai furbo: c’è possibilità di business lì, accanto al rivale Hermès. Tra le note della colonna sonora della sfilata risuonava la frase “Guardami, ho un piano”. Non è il solo ad averlo tra le nuove o rinnovate direzioni stilistiche, ma è certo che creatività e marketing vadano sempre più a braccetto.

 

TAG:

Non sono presenti commenti per questo articolo.


Lascia un commento »