Auto

Mag 07 Bmw: saper comunicare

Collaboratore

È on air su oltre 30 testate della stampa locale, siti e i canali social del Bmw Group la nuova campagna di comunicazione della casa di Monaco. Per chi vede, settantaquattro volti formano un mosaico di persone in carne ed ossa: «Ripartiamo da qui»; una body copy sottolinea l’importanza e la centralità che hanno i lavoratori nella delicata fase 2.

Dopo i messaggi di incoraggiamento lanciati insieme ad Alex Zanardi – pilota, atleta paralimpico e Brand Ambassador Bmw – questa volta i protagonisti sono i titolari delle concessionarie e officine autorizzate di Bmw Group: “Ripartiamo dalle persone. Dagli italiani che lavorano nelle concessionarie Bmw Group Italia. Uomini e donne che sono pronti a dare il loro contributo per ripartire insieme, attuando misure di igienizzazione degli ambienti e il pieno rispetto delle norme di legge. Una rete che è anche in grado di offrirti servizi di sanificazione dei veicoli per darti tutta la sicurezza di cui c’è bisogno adesso, insieme a soluzioni flessibili, alla qualità e al servizio di sempre”. Il messaggio è chiaro.

Le concessionarie e i centriservice di Bmw Group in Italia rappresentano una realtà di un centinaio di imprese, che danno lavoro a circa 6.000 collaboratori. “Questa campagna sottolinea non solo il rapporto di partnership con il Bmw Group, ma anche l’importanza che hanno questi imprenditori sul territorio, per il contesto sociale nel quale operano, poiché danno lavoro a moltissime persone e incarnano il tessuto imprenditoriale strategico per la ripresa dell’Italia – ha commentato Massimiliano Di Silvestre, Presidente e Amministratore Delegato di Bmw  Italia S.p.A – in queste settimane, che hanno visto cambiare radicalmente le nostre vite personali e professionali, il rapporto con i nostri partner concessionari è stato fondamentale sia per tenere vivo il business attraverso un approccio innovativo e digitale, sia per delineare la strategia che ci consentisse di ripartire dopo la fase di chiusura totale del Paese per l’emergenza epidemiologica”.

 

.
.
Top