Moda

Ott 14 BRUNELLO CUCINELLI: “AI GIOVANI DICO CHE LA POVERTA’ VA VISSUTA COME UN DONO”

di Cristiana schieppati

Brunello Cucinelli, definito”mercante onorevole e imprenditore illuminato” , ha ricevuto il dottorato Honoris causa in Management, Banking and Commodity Sciences con una cerimonia che si è tenuta nell’Aula Magna del Rettorato della Sapienza Università di Roma.
Alla presenza della Rettrice Professoressa Antonella Polimeni, del Professor Fabrizio D’Ascenzo, Preside della Facoltà di Economia, nonché di tutto il Senato Accademico del prestigioso Ateneo romano, dei giornalisti e di amici, Brunello Cucinelli ha tenuto la sua Lectio Doctoralis dal titolo La mia idea di una vita in armonia con il Creato.

Cucinelli ha sottolineato l’importanza di coniugare economia ed etica, profitto e dono, affari e rispetto del prossimo ed ha parlato ai tanti studenti presenti raccontando diversi aneddoti della sua vita. In particolare ha sottolineato come le fonti di ispirazioni gli siano sempre arrivate dalla quotidianità, dal suo vivere semplice e dall’aver equilibrato profitto e dono della vita.


«Sono davvero molto onorato di questo importante e prestigioso riconoscimento accademico, innanzitutto perché proviene da un tempio laico del sapere che stimo moltissimo e che considero una delle meraviglie del nostro amato Bel Paese. È stato un vero e proprio dono che al mio discorso abbiano assistito gli stimati giornalisti e anche alcuni carissimi amici, studenti e professori, con i quali ho condiviso questo momento umanamente alto e gioioso. Credo che l’Università sia il sale della terra e coltivo da sempre una mia personale devozione per chi è impegnato nella trasmissione del Sapere. Sono convinto che la ricerca e la cultura, così bene rappresentate da tutto il corpo docente della Sapienza di Roma, siano tra le voci più autentiche dell’umanità, e l’essere umano ne ha un estremo bisogno al pari della pace, della fratellanza tra i popoli e dell’armonia con il Creato. Questa credo sia la via che dobbiamo sempre cercare di percorrere, per la dignità di tutti e nel rispetto di ogni persona umana».

.
.
Top