Sport

Ott 12 #CALCIOLAND – DIFFICILE NON GIOCARE IL DERBY DI MILANO: SECONDO IL PROTOCOLLO BASTANO 13 GIOCATORI PER SQUADRA DI CUI UN PORTIERE

di Nestore Morosini

Sabato si dovrebbe giocare il derby di Milano, con l’Inter in difficoltà per avere sei giocatori contagiati dal Covid: oltre a Gagliardini, Nainggolan, Radu, Bastoni e Skriniar fra i nerazzurri in isolamento s’è aggiunto Young. Mentre per parte rossonera gli isolati, per ora, sono solo due, Duarte e Gabbia, mentre Ibrahimovic è risultato negativo all’ultimo tampone. Difficile che il derby venga rinviato, a meno di nuove disposizioni contenute nel decreto ministeriale che verrà illustrato oggi dal premier Giuseppe Conte. Da quel che i media hanno potuto sapere solo gli sport dilettantistici di contatto saranno vietati e ciò perché le possibilità economiche per tamponizzare gli atleti di queste società non sono certo pari a quelle delle società professionistiche, soprattutto del calcio. Resta dunque valido, almeno sinora, il protocollo che obbliga una squadra a giocare se può disporre di 13 giocatori, fra cui un portiere, che hanno il numero di maglia per la serie A. L’Asl Lombardia, in effetti, non potrà intervenire come è stato per il Napoli perché il derby si disputa fra due squadre che non debbono viaggiare fuori Regione per raggiungere lo stadio. Anche con sei contagiati, perciò, l’Inter dovrà giocare a menoo che, ripeto, il nuovo decreto ministeriale non contenga una norma più restrittiva oppure che a decidere il rinvio sia il presidente regionale per motivi di salute pubblica.
Passando al derby da giocare saranno molto importanti i duelli sulle fasce: a sinistra fra Calabria e Perisic, ieri uno dei migliori nella vittoria della Croazia contro la Svezia; e, a destra, quello fra Hernandez e Hakimi con spunti di gioco velocissimi viste le caratteristiche dei due giocatori. In centrocampo, Conte può a tutt’oggi disporre di Vidal, Brozovic, Sensi, Barella ed Eriksen mentre Pioli potrà contare su Benacer, Cahlanoglu, Tonali, Kessié, Hauge, Krunic con Ibra, Leao, Diaz, Rebic e Colombo da scegliere fra gli attaccanti. In difesa scelte obbligate per l’allenatore nerazzurro su De Vrij, D’Ambrosio e Kolarov (ma c’è Ranocchia come possibilità) mentre per il rossonero rientrerà Romagnoli che dovrebbe fare reparto con Kjaer e Musacchio. Se il Covid non ci metterà ancora la coda, tutto sommato potrà essere lo stesso un derby affascinante.

.
.
Top