Sport

Mag 18 #CALCIOLAND-LAUTARO E PJANIC OBIETTIVI DEL BARCELLONA, ULTIMATUM A MERTENS CHE VEDE L’INTER, ZANIOLO E PELLEGRINI NON PIU’ INCEDIBILI

Collaboratore

La Juventus è stata categorica. Se il Barcellona vuole Pjanic la base da cui partire deve essere Arthur. Non ci sono soluzioni alternative, come quella rimbalzata oggi dalla Catalogna: 25 milioni più Mattia De Sciglio per Nelson Semedo. Un rimbalzo che ha dell’inverosimile, inoltre se il Barcellona vuole davvero Pjanic, col quale ha già un accordo di Massima, dovrà fare in modo che Arthur accetti di partire dalla capitale catalana per approdare nella capitale del Piemonte con un ingaggio che non dovrebbe superare i 4,5 milioni netti a stagione. Se Arthur non si muoverà, Pjanic non arriverà al Barcellona.

Barcellona che sta facendo di tutto per accontentare Messi che vuole Lautaro Martinez al suo fianco nella prossima stagione della Liga. Barcellona che vuole Lautaro Martinez sempre di più con l’Inter che, al contrario, vorrebbe tenerlo a Milano. C’è la clausola di 111 milioni, valevole sino al 15 luglio, sulla quale la società nerazzurra non transige. Beppe Marotta è stato categorico: Lautaro va al Barça solo in cambio di 90 milioni cash e una contropartita da 26 milioni di euro individuata nei difensori Nelson Semedo, ventiseienne, oppure Junior Firpo, ventiquattrenne.

Intanto all’Inter si torna a parlare di Icardi che avrebbe già firmato il suo contratto col PSG nel caso in cui venisse acquistato dai francesi come previsto dal potenziale diritto di riscatto da 70 milioni di euro. I due club ne stanno parlando, l’Inter non rivuole Icardi indietro e il giocatore non può opporsi al trasferimento perché la ‘clausola Salah’ è stata evitata. Salah, all’epoca della Fiorentina, ha avuto la libertà di scelta di rientrare al Chelsea per poi essere ceduto alla Roma nonostante il riscatto fissato, cosa che invece non è possibile a Icardi che se venisse comprato dalla società francese sarebbe vincolato a restarvi. Tutto ruoterà quindi attorno al riscatto: il PSG deve decidere come procedere, l’Inter spera. Oppure Icardi dovrà tornare davvero indietro.
Il presidente del Napoli De Laurentiis, come scrive La Gazzetta dello Sport, non ha più intenzione di aspettare e a Mertens ha dato ancora una settimana di tempo per decidersi a firmare il prolungamento del contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Diversamente, potrà andare all’Inter dall’amico di nazionale belga Romelu Lukaku.

Intanto, quando inizierà il prossimo mercato la Roma dovrà valutare eventuali offerte per Zaniolo e Pellegrini, i due “pezzi” più pregiati della squadra. Ciò perché i colloqui tra James Pallotta e Dan Friedkin per la cessione della Roma sono fermi. La crisi di auto e turismo ha obbligato il magnate texano a fare un passo indietro, anche se non è da escludere che la situazione possa riaprirsi ma a cifre diverse dai 700 milioni prospettati nell’autunno scorso. Il problema per la Roma sono i conti in rosso: all’indebitamento di 278 milioni si aggiungono le perdite, stimate incirca 120-130 milioni al 30 giugno. Come scrive Repubblica Pallotta ha già versato 89 milioni di quell’aumento di capitale da 150 deliberato in autunno: l’ultima rata avrebbe dovuto versarla l’acquirente, ma rischia di finire sul gobbo degli azionisti di oggi. Per questo, Zaniolo e Pellegrini non sono più incedibili.

 

 

.
.
Top