Sport

Ago 05 #CALCIOLAND-OTTAVI DI EUROPA LEAGUE: CONTRO IL GETAFE CONTE DÀ FIDUCIA ALL’INTER CHE HA BATTUTO L’ATALANTA. DOMANI, ROMA-SIVIGLIA

Antonio Conte può anche essere un impulsivo, ma sa come dirigere una squadra, sa come motivare i giocatori, sa tenerli dalla sua parte. La dimostrazione la si è avuta nella partita contro l’Atalanta e, secondo quanto sostiene il tecnica, la si avrà stasera a Gelsenkirchen, in Germania, nell’ottavo di finale della Europa League, contro il Getafe squadra non eccelsa ma ostica, squadra che ha come tattica principale di gioco quello di distruggere il gioco avversario. Vogliamo pagaronarlo, per chi ha un’età possibile, al catenaccio del Padova di Nereo Rocco? Oppure al tutti indietro di certi giovani allenatori italiani che fanno giocare il centrocampo sulla linea dei difensori per poi agire con rapidissimi contropiedi? Il succo è lo stesso:”Il Getafe ha forza e resilienza – dice Conte -.  È una squadra abituata a giocare sulla palla lunga. I due attaccanti sono strutturati, abituati a ribaltare l’azione. Dobbiamo essere più bravi di loro per andare avanti, altrimenti ci fermeremo. Vincere non conta se per me è importante, come singolo. Importa quanto è importante per l’Inter, siamo tutti sotto una sola bandiera, parliamo col noi non con l’io. Daremo il massimo e cercheremo di arrivare più in alto possibile. Vincere aiuta a vincere. Le vittorie portano convinzione, stima, autorevolezza. Ma vincere non è mai semplice. Se ci arrivi, significa che hai raggiunto un livello importante. Per noi l’Europa League – conclude Conte – è una competizione importante. La vittoria aiuta a dare consapevolezza e autostima nelle proprie capacità, singole e collettive”.

 

Le indicazioni che filtrano da Gelsenkirken parlano di un’Inter con pochissime differenze con quella vittoriosa a Bergamo. Stessa difesa, stesso centrocampo, Candreva al posto di D’Ambrosio all’esterno con Young, stessi attaccanti per la partita unica contro il Getafe. Ma, ho già avuto occasione di rimarcarlo, Conte spesso sorprende con le sue decisioni. Domani sera toccherà alla Roma, a Duisburg contro il Siviglia che ha vinto la secondo coppa europea cinque volte (2006, 2007, 2014, 2015, 2016). Con tutto il rispetto per il Getafe, ai giallorossi tocca un avversario terribile.

 

 

.
.
Top