Auto

Lug 09 C’E’ CHI INVESTE

di Bianca Carretto

Quando il gruppo  Volkswagen decide di fare investimenti si tratta sempre di miliardi. Infatti sono 5  i miliardi di dollari  annunciati per creare una joint venture, controllata e posseduta in parti uguali,   specializzata in software automobilistico,  con il costruttore americano di veicoli elettrici Rivian. I due partner intendono  produrre una nuova generazione di piattaforma, progettata attorno ad un sistema di elaborazione dati che sarà utilizzata  sui veicoli elettrici di entrambe le società. Volkswagen apporterà , dal prossimo dicembre, inizialmente 1 miliardo di dollari  a cui verranno aggiunti, in una seconda fase,gli altri 4 miliardi. Rivian , specializzata  nella produzione di camion, furgoni e suv, completamente a zero emissioni,  nel 2023 ha venduto 57mila veicoli elettrici, non sufficienti a sostenere il suo bilancio.  Il progetto di realizzare una fabbrica in Georgia è stato momentaneamente accantonato, tutto l’assemblaggio è in carico allo stabilimento di Normal, nello stato dell’Illinois. Questo accordo  gli consentirà di  assicurare il capitale necessario alla propria crescita, è infatti alla ricerca urgente di  sostegno finanziario. Il capo di Volkswagen, Olivier Blue ha voluto sottolineare  che “ questa operazione si inserisce  perfettamente nella strategia già esistente, serve a rafforzare ulteriormente  la nostra tecnologia e la nostra competitività”.  Ha chiesto anche di accelerare al massimo  l’implementazione della nuova architettura ( nel 2023  Volkswagen ha venduto negli Stati Uniti 38mila vetture elettriche dove pare che i venti siano contrari), sin dalle prossime settimane. Il colosso tedesco ormai è lanciato  nella corsa all’elettrico ed intende difendere la sua posizione in particolare in Cina, il suo mercato principale, dove la concorrenza locale si sta rafforzando. La scorsa estate Volkswagen  aveva cercato un collegamento con  il cinese Xpeng,  che aveva dato esisto negativo. Ma senza demordere, già lo scorso anno aveva fatto comprendere la priorità dei suoi piani, riprogettando la filiale Cariad,  che ha il compito di codificare il software dei futuri modelli sia elettrici che autonomi. Un processo finanziario  che vede, sino al 2027, due terzi dei suoi investimenti totali di 180 miliardi dedicati a queste ingegnosità, un aumento del  13% rispetto al precedente piano pluriennale. Ed è sempre Blume a ribadire che “  grazie a questa cooperazione, porteremo  le migliori soluzioni alle nostre auto , con una maggiore velocità e a costi più bassi”. Nello stesso tempo Volkswagen diventerà il secondo azionista  di Rivian Automotive, dietro ad Amazon  che attualmente detiene il 16% delle azioni  per un valore di circa 2 miliardi di dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

.
.

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUICI SU FACEBOOK

Facebook Pagelike Widget
Top