Moda

Gen 17 FAMILY FIRST: I VALORI DELLA MODA DI GIORGIO MALLONE

di Cristiana Schieppati

Per Giorgio MalloneDirettore Creativo di Family First, la moda è portatrice di messaggi, veicolo di valori, divulgatrice di principi. Vestirsi non è solo un semplice atto di vanità o necessità, ma una modalità di aprirsi al mondo, di sintonizzarsi con gli altri, di entrare in connessione con persone che sentiamo a noi più affini. In questo senso il brand nasce con un nome che è un destino: “far famiglia” vuol dire sentirsi a proprio agio in una community, un gruppo, un team che può oltrepassare i legami parentali per abbracciare quelli dell’amicizia, del mutuo affetto, della reciproca tenerezza. Da questi pensieri scaturisce un’estetica chiara, semplice ma non semplicistica, che condensa il suo potenziale espressivo in linee sartoriali ma confortevoli, in silhouette pronte ad accogliere differenti fisicità – nasce per il menswear, ma in realtà la collezione è del tutto genderless e ageless – per offrire nuovi significati a un concetto di eleganza contemporanea, nitida, urbana, profondamente milanese ma radicata in un immaginario senza barriere di nessun tipo: geografiche, sociali, culturali, fisiche.

Frutti di una progettualità meditata, i capi per il prossimo Autunno-Inverno 2023/24 scelgono quindi tagli e dettagli di notevole rilevanza esaltati dalla maniacale ricerca dei tessuti tesi a nobilitare creazioni che promuovono un’attitudine disinvolta, urbana, classy.
Il cashmere è da solo o in mischia, il denim è d’autore, i gessati dei blazer nascono da lane preziose, i raffinati e resistenti cotoni d’archivio modellano camicie a tiratura limitata, i velluti di cotone si rifrangono in cento e a mille righe, le fibre handmade ingualcibili si rivelano perfette per chi viaggia, i broccati a telaio donano un twist italiano, anzi rinascimentale.

Un focus particolare è dedicato alla maglieria, da sempre felice ossessione del marchio: è stampata, a disegni jacquard, intarsiata, conosce lavorazioni quasi d’altri tempi o rifiniture tecnologiche. L’hoodie in kid mohair può essere indossato sotto il blazer mono o doppiopetto in filati naturali e scattanti; il cardigan in lana corposa reinterpreta l’intramontabile motivo argyle a rombi ma in tonalità pastello e può accompagnarsi ai pantaloni dalla linea comoda; il dolcevita a punti regolari e movimentati è perfetto sotto la salopette in velluto che mima il denim, dove l’ampiezza delle gambe può essere regolata. Tutto viene riletto, rivisitato e ridisegnato per far coincidere gli opposti nel segno di una distinta confortevolezza, rimanendo equidistante da uno scontato concetto di classico come da uno streetstyle ormai superato.

 «Il mio lavoro mette insieme le mie esperienze professionali precedenti a Family First: la graffiti art e il mondo della nightlife, due mondi che sembrano distanti che ho attraversato con la stessa passione», afferma Giorgio Mallone. E infatti invita a combinare, a mixare, ad abbinare, per restituire il senso di un apparire che è anche essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

.
.


SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUICI SU FACEBOOK

Facebook Pagelike Widget


ULTIMI TWEET

IL CAMBIAMENTO NON PASSA SOLO DA UNA FERRARI A UNA TWINGO. https://www.crisalidepress.it/il-cambiamento-non-passa-solo-da-una-ferrari-a-una-twingo/

GOLDEN GLOBE AWARDS: CHI VESTE CHI https://www.crisalidepress.it/golden-globe-awards-chi-veste-chi/

Top