Auto

Mag 19 Ford: l’ibrido più potente

Collaboratore

Il suv ibrido più potente della gamma Ford sta arrivando in Europa: è l’Explorer Plug-In Hybrid, uno dei 18 nuovi modelli che il marchio lancerà nel vecchio continente entro la fine del 2021, o meglio, “la definizione stessa di versatilità – come ha dichiarato Matthias Tonn, Explorer Chief Programme Engineer for Europe – non abbiamo mai offerto un veicolo in grado di affrontare terreni difficili, trainare una barca con facilità e girare in città utilizzando la trazione elettrica, sempre garantendo il comfort più esclusivo”.

In Ford hanno combinato il benzina EcoBoost V6 3.0 con un motore elettrico, un generatore e una batteria agli ioni di litio da 13,6 kWh, ricaricabile anche con la frenata rigenerativa. Ciò consente al suv di sprigionare 457 CV e 825 Nm di coppia: potenziale aggiunto ad un 4×4 mai studiato prima dal brand. All’evoluzione del Intelligent All-Wheel Drive con cambio automatico a 10 rapporti, infatti, ora si unisce il Terrain Management System, per offrire sette modalità di guida diverse e adattare l’esperienza di guida ai vari tipi di strada e alle condizioni atmosferiche (Normal, Sport, Trail, Slippery, Tow/Haul, Eco e Deep Snow and Sand). Si aggiunge, infine, anche l’Hill Descent Control, il sistema di ausilio alla discesa, per chi è meno pratico in off-road. Ecco, così, la possibilità di trasportare sette passeggeri, di trainare fino a 2.500 kg ma nel contempo di percorrere pure 42 km (ciclo WLTP) in modalità elettrica, garantendo efficienza in consumo ed emissioni pari a 3.1 l ogni 100 km ed 71 g/km (WLTP).

Una sfida a tutto tondo per il brand dell’Ovale blu, che oggi permette a chi è al volante pure di decidere come sfruttare al meglio l’autonomia delle batterie: a disposizione le modalità EV Auto, EV Now, EV Later e EV Charge, considerando che quando il livello è al minimo, la vettura si pone automaticamente in modalità automatica, usando l’energia recuperata e ottimizzando così i consumi.

Ovviamente la tecnologia continua ad essere una mano santa anche per la sicurezza. Oltre al più comuni sistemi come l’Adaptive Cruise Control con Stop & Go, lo Speed Sign Recognition e il Lane-Centring, da segnalare la presenza dell’Reverse Brake Assist che riconosce ostacoli più alti di 28cm e più larghi di 7.5cm in velocità fino a 12 km/h. Da non dimenticare, infine – considerando le dimensioni della vettura più lunga di 5 metri e larga 2 – l’Active Park Assist Upgrade, che consente manovre completamente automatizzate nel parcheggio (sia in parallelo sia in perpendicolare); con la semplice pressione di un pulsante, infine, il Park-out Assist. Uscire dai posteggi in parallelo – anche i più stretti, assicurano – non è mai stato così facile.

 

 

 

.
.

SEGUICI SU FACEBOOK

Facebook Pagelike Widget


ULTIMI TWEET

BELEN: SONO UNA LAVORATRICE PRECARIA. INTERVISTA AI FRATELLI RODRIGUEZ TRA DESIDERI DI MATERNITA’ E AMORE PER L’ITALIA E UN PENSIERO SU QUANTO DETTO DA ELISABETTA FRANCHI. https://www.crisalidepress.it/belen-sono-una-lavoratrice-precaria-intervista-ai-fratelli-rodriguez-tra-desideri-di-maternita-e-amore-per-litalia-e-un-pensiero-su-quanto-detto-da-elisabetta-franchi/

VALENTINA FERRAGNI: I SOCIAL SONO IL CONTENITORE DEL BELLO. CON LA MIA LINEA DI GIOIELLI SONO IO CHE HO “INFLUENZATO” MIA SORELLA CHIARA. https://www.crisalidepress.it/valentina-ferragni-i-social-sono-il-contenitore-del-bello-con-la-mia-linea-di-gioielli-sono-io-che-ho-influenzato-mia-sorella-chiara/

Top