Moda

Feb 21 HERNO PRESENTA 6 PROPOSTE GREEN ALLA #MFW

Redazione

”HOW MANY WAYS DO WE HAVE TO BE SUSTAINABLE?”

 

Tra le proposte della collezione Donna AI 2020-21, Herno ne presenta ed invita a scoprirne ben 6: Fast5Degradable, il nylon creato dal filato di poliammide 6.6 Amni Soul Eco® che in 20 Denari è attualmente un’esclusiva internazionale Herno, in cui il processo di degradazione completo è di soli 5 anni rispetto ai 50 del comune nylon. Due i modelli: un bomber e un cappotto, entrambi imbottiti in piuma, completamente biodegradabili, accessori inclusi.

Lana Riciclata mélange derivante da materiali di scarto delle industrie tessili, un ritorno al passato, per il cappotto oversize e il caban con bordi in maglia.

Nylon Recycled Onibegie, non solo recuperato da scarti industriali di nylon ma anche con membrana Saitos, composta per il 50% da materiale poliuretanico e l’altro 50% da materiale biologico derivante dal mais. Le tinture sono invece realizzate con il 50% di componenti di origine naturale utilizzando materiali come la buccia di cipolla, impiegata sia come colorazione base che in abbinamento ad altre componenti come carbone di bamboo, foglie di indaco e olive per le diverse nuance. I modelli di riferimento sono un parka e un cappotto, imbottiti entrambi con piuma riciclata.

Nylon 100% rigenerato Econyl®, fibra prodotta utilizzando rifiuti pre e post consumo derivanti da reti da pesca dismesse, scarti industriali di tessuti come moquette e tappeti destinati alla discarica. Un bomber 80’s style e un parka, di cui anche l’imbottitura deriva da piuma rigenerata ricavata da duvet dismessi.

First Act, progetto PEF – Product Environmental Footprint – la certificazione della mappatura dell’intero ciclo di vita di un capo Herno che ne verifica e ufficializza l’impatto ambientale dalla produzione del filo di nylon Radici Group, ai tessuti brevettati Sensitive® Fabrics di Eurojersey, alla confezione del capo finale Herno. I modelli sono un blazer stile cavallerizza e un soprabito.

Recycled Taffetà, non solo mantiene la bellezza di uno dei tessuti tra i più raffinati per il guardaroba femminile pur derivando da materiali di scarto industriale e polimeri di bottiglie di plastica, ma in Herno diventa anche tecnicamente resistente alla pioggia. Un parka e un cappotto con pettorina entrambi imbottiti con piuma riciclata.

Sono 6 progetti che preannunciano in Herno un futuro chiaramente delineato sul fronte “Green”, tanto da racchiuderli e presentarli all’interno di un contenitore ben riconoscibile, già come etichetta: Herno Globe. D’altronde il reparto di ricerca e sviluppo dell’azienda è impegnato su sperimentazioni e rivoluzioni eco-ambientali nei processi produttivi e nel prodotto già dal 2016, quando l’azienda ha investito in nuovi macchinari e nel progetto di tracciabilità dei suoi capi, dal filato al tessuto fino alla confezione ed uscita sul mercato. La conferma a perseverare in questa direzione arriva da Claudio Marenzi che non intende limitare i progetti di sostenibilità ad una mera dichiarazione di intenti, convinto di quanto sia necessario evitare di “parlare” di sostenibilità per mero scopo mediatico, ma piuttosto di agire ed evolvere i processi industriali raccontando il prodotto in maniera trasparente, inducendo azienda, dipendenti e consumatori finali ad una presa di coscienza sulle tematiche ambientali.

 

 

 

.
.
Top