Moda

Mag 27 INTERVISTA A GIULIA ACCARDI: SIAMO TUTTI IMPERFETTI MA DA OGGI POSSIAMO ESSERE MIGLIORI

Cristiana Schieppati

Giulia Accardi è la protagonista dell’intervista di oggi.  Modella dell’agenzia Women Milano, Giulia esprime il suo calore mediterraneo attraverso la sensualità del suo corpo che l’ha portata anche a compiere una vera e propria battaglia contro il bodyshaming con il movimento “perfettamente imperfetta”.  In questa intervista ci racconta come ha affrontato il lockdown e come ha ripreso il suo lavoro.

 

Quali emozioni ha creato in te questo lockdown?

 

 

Il lockdown è stato piuttosto pesante . All’improvviso mi sono ritrovata completamente isolata da tutto e da tutti . C’ero solo io . La vita a Milano scorre velocissima , non ci si ferma un attimo , si incontrano cento persone al giorno e poi all’improvviso tutto questo non c’è più.  Ci sono stati giorni buoni e altri meno , giorni in cui ero grata di quel tempo che mi veniva regalato , godendo di tutte le cose che si possono fare a casa:  leggere  un libro con calma , cucinare del cibo “vero” , ascoltare la musica che mi piace.  Poi ci sono state giornate  in cui ho pianto tanto e desideravo con tutta me stessa non essere sola.

 

 

Come hai affrontato la quotidianità? 

 

 

Dopo un primo impatto piuttosto confusionale, ho deciso di organizzare le giornate seguendo uno schema ben preciso e dandomi degli orari e dei piccoli compiti quotidiani da rispettare . Non è stato facile, ma dopo aver creato un vero e proprio planning , ho avuto  la percezione che le ore trascorressero con più tranquillità ed io mi sentivo meno ansiosa. 

 

 

Quasi tutti si sono dedicati ad attività fisica in casa,  tu cosa hai fatto per prenderti cura del tuo corpo?

 

 

Confesso che avrei voluto fare molta più attività fisica.  Mi sono comunque dedicata al pilates , disciplina che amo  e ho seguito qualche lezione di zumba on line. Ho approfittato di questo tempo per  curare mio corpo attraverso trattamenti di beauty routine . Ogni giorno creavo una sorta di rituale dell’autococcola , dalla maschera per i capelli , ai fanghi per le gambe,  alle maschere per il viso . Devo dire che mi sono proprio sbizzarrita a creare dei trattamenti ad hoc super naturali con quello che avevo in casa, una bella scoperta visto che mi ha dato dei buoni risultati!

 

 

Il tuo motto è “perfettamente imperfetta” , raccontaci che cosa sta nascendo da questo concetto.

 

 

Si , il mio motto è #perfectlyimperfect , me lo sono anche tatuato sulla pelle . Serve a ricordarmi quanta fatica ho messo ad accettare il mio corpo e quanta frustrazione mi ha accompagnata per tutta la vita . Quando ho coniato l’hashtag  ero davvero stremata, non ce la facevo a non sentirmi bene con me stessa, mi sembrava di vivere a metà e di stare sprecando la mia vita nell’attesa di perdere quei chili di troppo che pensavo mi rendessero inadeguata per la società. In questi giorni di quarantena ho riflettuto molto anche su questo  e mi sono data della stupida pensando a quante occasioni ho sprecato. Ho odiato il mio corpo e ho odiato me stessa prima di arrivare a capire quanto fosse assurdo e stupido cercare di inseguire la perfezione , accettando il fatto  che siamo tutti imperfetti . Ed il bello è proprio questo . La bellezza è diversità , nella forma e nei colori . Quello che provo a fare è aiutare altre persone  ad arrivare a questa consapevolezza, condividendo la mia esperienza.  

 

Come usi  i social? 

 

 

I social sono ormai indispensabili  hanno un grande impatto comunicativo e diretto.  Io,  anche se non ne sono una grande utilizzatrice, in quarantena  ho pensato di documentare  le mie giornate creando dei contenuti che potessero ispirare chi li guardava aiutando a migliorarsi e a non lasciarsi prendere dallo sconforto .

 

 

Come stai vivendo il tuo lavoro di modella? Avevi dei progetti che sono saltati?

 

 

Chiaramente il mio lavoro ne ha risentito parecchio , l’uscita di una campagna che avevo appena scattato è stata rimandata , i miei progetti personali idem . Peró sono ripartita con la consapevolezza di voler fare ancora di più e di impegnarmi per essere migliore nel mio campo . 

 

 

Se potessi iniziare a lavorare domani che lavoro vorresti fare ? Una campagna pubblicitaria? Un servizio per Vogue? 

 

 

Fortunatamente ho già ripreso a lavorare  e con l’inizio della fase 2  sto cercando di realizzare i miei sogni.  Vorrei tantissimo ottenere una copertina per Vogue o Harper Baazar , so che per una modella con le mie caratteristiche, qui in Italia  è molto dura , però non mollo anche perché sono rappresentata da Women Milano,  una delle migliori agenzie di modelle e questo per me è una grande soddisfazione ! 

 

 

Hai fatto shopping on line in questi mesi? Dove?

 

 

Purtroppo sì ! Ho fatto troppo shopping on line , chi sono state giornate in cui prendevo l’iPad e carta di credito e passavo da un sito all’altro: abbigliamento, articoli per la casa … non vi dico quanto abiti ho dovuto restituire perchè la taglia era sbagliata!

 

 

Un messaggio  a chi ci legge 

 

 

Vorrei condividere la consapevolezza che ho acquisito durante il lockdown:  non dobbiamo dare nulla per scontato e coltivare la gentilezza e l’educazione . Non sappiamo quanto tempo abbiamo a disposizione su questa terra e non dobbiamo sprecarlo. Supportiamoci a vicenda , aiutiamo il prossimo e lavoriamo su noi stessi per diventare essere umani migliori, solo così riusciremo ad essere veramente felici . 

.
.

SEGUICI SU FACEBOOK

Facebook Pagelike Widget


ULTIMI TWEET

BELEN: SONO UNA LAVORATRICE PRECARIA. INTERVISTA AI FRATELLI RODRIGUEZ TRA DESIDERI DI MATERNITA’ E AMORE PER L’ITALIA E UN PENSIERO SU QUANTO DETTO DA ELISABETTA FRANCHI. https://www.crisalidepress.it/belen-sono-una-lavoratrice-precaria-intervista-ai-fratelli-rodriguez-tra-desideri-di-maternita-e-amore-per-litalia-e-un-pensiero-su-quanto-detto-da-elisabetta-franchi/

VALENTINA FERRAGNI: I SOCIAL SONO IL CONTENITORE DEL BELLO. CON LA MIA LINEA DI GIOIELLI SONO IO CHE HO “INFLUENZATO” MIA SORELLA CHIARA. https://www.crisalidepress.it/valentina-ferragni-i-social-sono-il-contenitore-del-bello-con-la-mia-linea-di-gioielli-sono-io-che-ho-influenzato-mia-sorella-chiara/

Top