Moda

Mar 23 INTERVISTA A SILVIA GRILLI DIRETTORE DI GRAZIA: DOBBIAMO PENSARE A COME RICOSTRUIRE IL FUTURO

Cristiana Schieppati
Inizia la prima di una serie di interviste ai  direttori più influenti del mondo della moda  per conoscere come stanno lavorando in questi giorni di emergenza sanitaria, per raccontarci le iniziative che hanno messo in campo e come sta cambiando il ruolo dell’informazione.
Oggi abbiamo chiesto a Silvia Grilli direttore di Grazia di raccontarci la sua vita lavorativa ai tempi del coronavirus.
Da quando è scoppiata l’emergenza coronavirus come è cambiato il lavoro della redazione come vi siete organizzati?
Durante l’emergenza coronavirus  la redazione continua a lavorare quotidianamente in smart working. Usciamo regolarmente in edicola e su app.
Che iniziative avete portato avanti e con quale obiettivo? Solidarietà, condivisione, informazione…
Il 19 marzo siamo usciti in edicola e su app con un’edizione straordinaria di 282 pagine di approfondimenti, storie, interviste di attualità e  100 pagine di moda. Il nostro servizio di  copertina è stato realizzato con una collaborazione tra la nostra redazione e quella cinese: mostra cinque modelle asiatiche e occidentali mentre leggono in una stanza e guardano fuori. Il titolo è “Torneremo ad abbracciarci” e il sommario recita: “Questa è la copertina che noi di Grazia Italia e Grazia Cina pubblichiamo insieme. La Cina sta sconfiggendo il virus, noi stiamo combattendo. Tutti insieme ce la faremo”.
Il numero viene distribuito gratuitamente grazie  al link scaricabile senza costi dai social e dal  sito di Grazia. Contemporaneamente abbiamo avviato una campagna social di speranza e positività invitando a stare in casa e postare  foto di ricordi di affetto con le persone che non possiamo per ora incontrare. L’hastagh usato è #torneremoadabbracciarci .  Sull’instagram di Grazia abbiamo coinvolto personaggi famosi come Alessia Marcuzzi, Vittoria Puccini, Martina Colombari, Mariasole Pollio, Anna Foglietta e molti altri che condividono e condivideranno con video  sui nostri feed  il senso di un abbraccio: questo è infatti  il bene più prezioso.
Sosteniamo inoltre con donazioni la raccolta fondi per l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e la Protezione Civile.
E’ cambiato qualcosa nella linea editoriale del giornale ? 
La linea editoriale del giornale è immutata: notizie e moda.
Che ruolo ha in questo momento l’informazione del tuo giornale e come è cresciuto l’on line? 
Grazia non è solo una testata di moda, è un settimanale di informazione e moda con un ruolo importante nella vita del Paese. Abbiamo inoltre potenziato la comunicazione online diventata con le nostre piattaforme uno strumento di informazione e condivisione continua. I numeri dell’online sono molto cresciuti.
Cosa ti manca più di tutto in questo momento di restrizioni? Personalmente e lavorativamente
Personalmente ho trovato una dimensione anche in questo rimanere a casa e stiamo gestendo con più energia di prima il nostro lavoro. Amo inoltre stare sempre con mia figlia di otto anni e aiutarla nelle lezioni a casa. Il mio lavoro è triplicato, ma non mi pesa.
Secondo te cambierà qualcosa in maniera definitiva nel mondo della moda e dell’editoria o tutto tornerà come prima?
Credo che questa crisi cambierà il mondo, il nostro stile di vita e la nostra produzione. Dobbiamo pensare a come ricostruire il futuro.
Come fate per i servizi di moda?  Dove li state realizzando?
Attualmente stiamo scattando tutti i servizi di moda in Australia
Un messaggio ai tuoi lettori :   “Miei adorati lettori, Grazia non vi è mai stata così vicina. Vi amo e quando torneremo ad abbracciarci sarà bellissimo. “
.
.
Top