Sport

Mar 21 LA FERRARI E’ TORNATA!

di Francesco Bonfanti

La Ferrari è tornata! Charles Leclerc ha vinto il Gran Premio del Bahrain, prima prova del Mondiale 2022, mettendo fine a un digiuno di 910 giorni che durava dal successo di Vettel a Singapore datato 22 settembre 2019. Non solo, perché a completare la festa è arrivata anche la doppietta con Carlos Sainz, splendido secondo dietro al compagno di squadra, e bravo ad approfittare del clamoroso ritiro a tre giri dalla fine del campione del Mondo Verstappen.

Il trionfo di Charles Leclerc ha confermato quello che si era già intuito nei test pre stagionali e nelle qualifiche di sabato, con la sua pole che aveva riacceso la brace della vittoria, quella pulsione che fa parte della storia di Maranello, dove sono suonate le campane a festa e la gente si è riversata in strada festeggiare.

Charles Leclerc lo chiamano “Il Predestinato”, è chissà che questa volta il soprannome non possa indicare davvero la via del trionfo. Presto per dirlo, è vero, ma il dna ferrarista lui l’ha nel sangue, e la grinta con cui si è andato a prendere la vittoria dice tutto sulla voglia di riportare la Ferrari in alto. Anche lui era sul podio a Singapore, anche allora fu doppietta rossa, poi però la magia si è persa tra errori e misteri, fino al trionfo nel deserto, mentre i fuochi d’artificio accompagnavo le due Ferrari in parata verso l’abbraccio con il box: “È incredibile essere tornati al top, sono davvero felice, gli ultimi due anni sono stati difficili per noi e sapevamo di avere un’opportunità oggi – ha detto il monegasco -. Il team ci ha dato una macchina fantastica, non potevamo sperare di meglio. Pole position, giro più veloce, vittoria: un inizio da sogno, e sono davvero felice. In questi anni terribilmente difficili pensavamo che sarebbe stato il momento del riscatto, ed è arrivato. Anche con la doppietta di Carlos non avremmo potuto fare di meglio, ringrazio i nostri tifosi che ci hanno sempre supportati”.

A rendere ancora più magica la notte di Sakhir ci ha pensato Carlos Sainz, che non ha mai mollato e che senza il problema di Verstappen avrebbe comunque chiuso sul podio al terzo posto. Meglio così, per un inizio che non poteva essere migliore: “Questi sono i posti che dovremmo sempre occupare. Io ho tenuto duro e sono andato a prendermi questa seconda posizione”, ha commentato lo spagnolo. “È un bellissimo risultato di squadra, sono felicissimo e non ho mai dubitato della scuderia – ha detto il team principal del Cavallino Mattia Binotto -. Abbiamo lavorato in modo unito e ci siamo stretti assieme dopo i problemi avuti nel 2020. È bello sapere di poter lottare per il risultato migliore. C’era voglia di fare qualcosa di straordinario quest’anno. Siamo diversi dagli altri perché siamo la Ferrari. Il risultato di oggi dà morale, sono orgoglioso di ciò che abbiamo fatto”.

La notte in Bahrain si è tinta di rosso Ferrari, per un sogno bellissimo che Leclerc e Sainz vogliono far diventare realtà. 

.
.
Top