Auto

Mag 27 L’AUTO ITALIANA

di Bianca Carretto

Ieri, a Modena, si è celebrata la festa  dell’industria dell’auto italiana, quella rimasta. Una celebrazione a cielo aperto,  il Motor Valley Fest, alla quarta edizione, in una terra che ha come spina dorsale la via Emilia capace di conciliare la vita delle fabbriche con chi lavora nei campi. Una storia da proteggere, che parla di valori, di bellezza, di velocità, con i suoi sei brand  mai stati così attivi: Ferrari,  Maserati, Lamborghini, Ducati, Pagani e Dallara. Il Motor Valley è stato realizzato  dalla Regione Emilia Romagna e la presenza al convegno inaugurale del presidente della Regione Stefano  Bonaccini deve essere considerata, con la sua autorità, una promessa  per il futuro: “  noi puntiamo sul capitale umano e siamo ancora capofila  nella filiera meccanica, meccanotronica e motoristica”. Ha partecipato, a colloqui privati, anche il Ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco. Gli allievi dell’Accademia Militare di Modena, nel cortile d’onore  del Palazzo Ducale, affiancati da quasi tutti i ceo dei marchi,  parevano schierati per la cerimonia  di un  giuramento, sottoscritto, in un clima di condivisione. Intenso l’odore dei motori, il rombo vero, di una corsa infinita per definire il passaggio alla mobilità che ci attende costituita da powertrain elettrici, batterie al litio, materiali sempre più leggeri. Si è parlato di aerodinamica, di carburanti  e-fuell e biofuel, di elettronica  che si intreccia con  software sia  di simulazione sia di nuove piattaforme. Hanno partecipato tutte le associazioni,  a partire  dal direttore generale dell’Unrae, Andrea Cardinali, all’Anfia con il presidente Paolo Scudieri, per finire con Angelo Sticchi Damiani , presidente dell’Aci ed Eugenio Razelli, coordinatore scientifico della manifestazione.A sostenere  l’impegno  sono arrivati appositamente il ceo Engineering  e Board Member Automotive di Bosch, Johannes-Joerg Rueger e Christian Richter, Google Director Global che  hanno contribuito a tracciare le  più importanti linee di sviluppo della mobilità sostenibile. Anche i brand  più prestigiosi attendono legislazioni chiare per delineare i loro investimenti, ricercando  sbocchi in nuovi mercati e combattere, anche culturalmente e politicamente, l’evoluzione, in particolare, delle case cinesi, che stanno espandendo la loro attività a livello globale. Tutti chiedono una strategia reale, messa in atto dal Governo, che rilanci la forza del made in Italy, perché anche le strutture industriali detenute in mani straniere, devono conservare le loro radici nel paese d’origine, l’Italia.

.
.

SEGUICI SU FACEBOOK

Facebook Pagelike Widget


ULTIMI TWEET

BELEN: SONO UNA LAVORATRICE PRECARIA. INTERVISTA AI FRATELLI RODRIGUEZ TRA DESIDERI DI MATERNITA’ E AMORE PER L’ITALIA E UN PENSIERO SU QUANTO DETTO DA ELISABETTA FRANCHI. https://www.crisalidepress.it/belen-sono-una-lavoratrice-precaria-intervista-ai-fratelli-rodriguez-tra-desideri-di-maternita-e-amore-per-litalia-e-un-pensiero-su-quanto-detto-da-elisabetta-franchi/

VALENTINA FERRAGNI: I SOCIAL SONO IL CONTENITORE DEL BELLO. CON LA MIA LINEA DI GIOIELLI SONO IO CHE HO “INFLUENZATO” MIA SORELLA CHIARA. https://www.crisalidepress.it/valentina-ferragni-i-social-sono-il-contenitore-del-bello-con-la-mia-linea-di-gioielli-sono-io-che-ho-influenzato-mia-sorella-chiara/

Top