Auto

Apr 22 MARIA LEITNER – TG2 MOTORI: RISCOPRIREMO ANCHE IL LATO ROMANTICO DELL’AUTO

Cristiana Schieppati

Maria Leitner è inviata del Tg2 e coordinatrice e curatrice della rubrica Tg2 motori. Opinionista ricercata per le sue competenze nel mondo dell’automotive, ma anche per l’eleganza e la bellezza che la contraddistinguono, racconta al CHI E’ CHI come si lavora in un Tg ai tempi del coronavirus e ci svela quali sono i lati positivi di possedere un’automobile, a partire dal ritorno al Drive In.

 

“I viaggi non sono piu’ contemplati al tempo del coronavirus per cui per me, che mi spostavo molto per il tg2 e tg2motori, questo è già un grande cambiamento sul mio lavoro, anche se un minimo di movimento c’è.  Vado in Rai a Saxa Rubra tutti i giorni, siamo molto organizzati, prima di entrare ci sono scanner che monitorano la temperatura di ognuno, mascherine e guanti che vengono cambiati ogni giorno e disinfettanti ad ogni angolo.

 

Siamo obbligati a queste procedure , giustamente per non mettere in pericolo oltre noi stessi, anche le altre persone con cui lavoriamo e non compromettere le attività della Rai e tutti i servizi di informazione.  Devo ammettere che riesco a fare tutto, senza l’ansia di dover correre  a prendere un treno o un aereo. Chiaramente mancano alcuni contatti umani ravvicinati, ma il bagaglio di conoscenze ed esperienza di tanti anni di lavoro mi permette di fare interviste e prendere opinioni importanti anche via skype e questa è una piacevole soluzione e reinterpretazione del lavoro.

 

Facendo tutto con piu’ calma, per mancanza di spostamenti, ho potuto approfondire ancora di più argomenti e storie e la sorpresa è scoprire che al pubblico piacciono molto, il telespettatore ascolta con maggiore attenzione e spesso mi viene chiesto di continuare a raccontare.

 

Mi sembra, al momento, che la qualità del lavoro giornalistico sia più apprezzata rispetto a prima e spero che questo sia un lato positivo che auspico rimanga e duri nel tempo.

 

Tutte le medaglie hanno un rovescio, credo che dopo questa tragedia, alcuni lati positivi, dovremmo portarli con noi. Ad esempio:come impiegare meglio il tempo, aver imparato che la fretta non aiuta e che approfondire gli argomenti non è una perdita di tempo ma una qualità utile anche sul lavoro e per l’economia.

 

Certo le previsioni per il mondo dell’auto non saranno rosee. Nell’immediato credo il calo di vendite non avrà un grande recupero , cambierà anche il modo di vendere, lo si farà maggiormente  sul web, forse il car sharing non sarà più così richiesto. Eppure credo che l’auto sarà più apprezzata perché , ai tempi del coronavirus, potrebbe diventare uno spazio più sicuro per muoversi, rispetto ai mezzi pubblici. Più facile da pulire , disinfettare, si sale in due o comunque con le persone che vogliamo noi.

 

Un risvolto affascinante di tutto questo è ad esempio la riscoperta del drive in, come si usava negli anni ’60 quando in Grease John Travolta portava al cinema in auto Olivia Newton-John. In Austria ne hanno aperti molti e in Germania sono già operativi, si possono vedere film o  ascoltare  concerti. Una necessità che può in questo caso avere una svolta  un po’ romantica e piacevole, stando fermi si riscoprono aspetti del passato che ci possono far venire idee per il futuro. Sono convinta che l’immaginazione degli italiani, la fantasia e il gusto, se ben impiegati, saranno un notevole punto di forza per ripartire.”

.
.
Top