Moda

Ott 13 MARTINO MIDALI SUPPORTA MILANO CON IL MURALES MADONNINA

di Redazione

Martino Midali continua a rafforzare il suo rapporto con la città di Milano. Sabato 10 ottobre, il marchio womenswear Made in Italy insieme con il suo fondatore hanno ospitato un evento per OR.ME-Ortica Memoria, un progetto di valorizzazione del quartiere che ha in animo di trasformare Ortica da periferia urbana a borgo a vocazione artistica. Alla presenza delle autorità cittadine, regionali, nazionali e religiose, accompagnate dalle note della banda della Polizia Municipale, è stato inaugurato il murales Madonnina realizzato dagli artisti di fama internazionale del collettivo Orticanoodles su un palazzo dello storico quartiere Ortica, che oggi accoglie il centro logistico del gruppo fashion. Lo scopo del progetto è infatti quello di arricchire ulteriormente e con una vera opera d’arte una delle aree della città, che proprio grazie alle sue iniziative OR.ME ha contribuito a trasformare da periferia al primo quartiere museo a cielo aperto, dove la memoria è dipinta sui muri. L’happening di inaugurazione simboleggia inoltre la ricucitura dell’area est e ovest del quartiere, storicamente divise dalle rotaie. Come riconoscimento per la vicinanza e il supporto al progetto e l’ospitalità, i creatori del murales hanno scelto di celebrare il brand dipingendo il logo Martino Midali sul cancello e sulle saracinesche della proprietà.

“Il mio legame con Milano è profondo e quando sono venuto a conoscenza del bellissimo progetto OR.ME di valorizzazione del quartiere che coinvolge attivamente un borgo come l’Ortica, che va di pari passo con la storia della città, ho scelto subito di supportarlo con il mio marchio. Siamo infatti ben lieti e orgogliosi di collaborare con artisti di fama internazionale come il collettivo Orticanoodles e di ospitare questo evento per contribuire a rendere ancora più indelebile la memoria storica e allo stesso tempo a valorizzare l’area stessa tramite un progetto dall’alto tasso di creatività”, spiega Martino Midali.

.
.
Top