Auto

Mar 03 MICHELIN: PNEUMATICI FUTURI

di Ilaria Salzano

Dal 2024 nuova vita per gli pneumatici. Nome in codice “Airless”: privi di camera d’aria interna, ecologici, innovativi, per dire addio per sempre a forature (e scoppi), una volta al volante. Non solo. Tra qualche anno ci potrà essere tanto spreco in meno di gomme per l’usura precoce, dovuta alla poca pressione, ad esempio. Il settore dichiara circa 200 milioni di pneumatici l’anno buttati proprio per questo: motivo in più che ha spinto la ricerca a salvaguardare l’ambiente e ad accelerare. Già sono nati i Michelin Uptis, ma sono solo i primi. Tutti i marchi si stanno muovendo alla luce della sfilza dei veicoli elettrici in arrivo, che necessitano di alleggerire la propria mole di peso e limare sempre più consumi ed emissioni.
La fase sperimentale è già partita. Michelin e General Motors hanno equipaggiato una Bolt Ev con queste gomme, con l’obiettivo di verificare le prestazioni di una citycar nelle varie condizioni d’utilizzo. 
I Michelin Uptis sono formati da raggi in gomma intrecciati e collegati tra loro così da scaricare a terra il peso del veicolo e nel contempo assorbire le asperità del terreno durante la marcia. La struttura particolarmente resistente – in grado di replicare la stabilità garantita dai classici pneumatici – è stata creata con stampa 3d, con una nuova mescola composta da una gomma speciale in resina e fibra di vetro. 

.
.
Top