Auto

Nov 06 MICHELIN: UNA GOMMA RESPONSABILE

di Ilaria Salzano

Nasce il primo pneumatico “eco-responsabile” di Michelin: l’e.Primacy. Progettato per essere CO2 neutrale – dall’estrazione delle materie prime, al trasporto, al cliente – oggi arriva sotto i riflettori per aver unito le peculiarità green alle performance. E’ stato classificato “B” in aderenza sul bagnato e “A” in efficienza energetica. Un ottimo risultato, considerato che meno dell’1% dei modelli in commercio combinano simultaneamente “A” o “B” in aderenza sul bagnato e “A” in resistenza al rotolamento in classe. Quest’ultimo valore, nello specifico, per l’automobilista significa un risparmio di circa 0,21 litri di carburante ogni 100 chilometri. L’utilizzo di meno carburante comporta inoltre una riduzione delle emissioni di CO2. “Le questioni ambientali sono al centro delle nostre priorità strategiche. Nel 1992 Michelin ha prodotto il primo pneumatico verde a bassa resistenza al rotolamento. Da allora, quella che possiamo definire una presa di consapevolezza è via via cresciuta negli anni diventando oggi una delle principali convinzioni di Michelin. La visione All-sustainable, che guida la strategia del gruppo, si basa su una crescita equamente bilanciata tra performance finanziarie ed operative e garantisce la nostra indipendenza, il nostro impatto a lungo termine, il nostro contributo positivo al pianeta, l’attenzione che rivolgiamo alle persone, senza le quali nessun risultato o trasformazione sarebbe realizzabile”, ha commentato Scott Clark, Vice Presidente Esecutivo Automotive, Membro del Comitato Esecutivo Gruppo. Michelin, inoltre, si è impegnata a diminuire le emissioni di CO2 del 50% di tutti i suoi impianti di produzione, entro il 2030, con l’obiettivo finale di raggiungere la neutralità dell’impronta di carbonio, entro il 2050. Ad oggi sono già state attuate soluzioni per utilizzare materiali riciclati o rinnovabili per la fabbricazione degli pneumatici. 

.
.
Top