Moda e tendenze
  • Dal punto di vista operativo, quello che ancora manca ai veicoli elettrici che “vanno a batteria”, nei confronti di quelli tradizionali dotati di motori a combustione interna alimentati a idrocarburi, sono la grande autonomia (numerose centinaia di chilometri percorribili con un “pieno”) e la rapidità dei tempi di rifornimento. Se vogliamo esprimerci in modo più […]

  • QUID, il passeggino leggero e ultracompatto di casa Inglesina, si veste di un look tutto nuovo con la versione “Vespa”, caratterizzata da uno stile classico ma attuale, ispirato a alla due ruote ambasciatrice del design italiano nel mondo. QUID Inglesina per Vespa sfoggia una cappottina che, proprio come un casco Vespa, riprende la grafica dei cerchi […]

  • Anice, agenzia di comunicazione torinese che collabora con diversi network internazionali specializzati nel settore Automotive PR, è stata scelta per rappresentare INEOS Automotive in Italia. Anice è infatti parte del Global Media Relations Team creato in vista del lancio del nuovo INEOS Grenadier, un veicolo fuoristrada pratico e senza compromessi progettato per essere commercializzato a […]

  • Dal punto di vista operativo, quello che ancora manca ai veicoli elettrici che “vanno a batteria”, nei confronti di quelli tradizionali dotati di motori a combustione interna alimentati a idrocarburi, sono la grande autonomia (numerose centinaia di chilometri percorribili con un “pieno”) e la rapidità dei tempi di rifornimento. Se vogliamo esprimerci in modo più […]

  • A partire dal 29 giugno, le Profumerie Douglas hanno dato vita ad una nuova dimensione digitale per dare la possibilità alle proprie clienti di avere dei servizi beauty nella tranquillità e sicurezza della propria abitazione semplicemente con una videocall. Due servizi più amati dalle clienti diventano digitali e comodamente fruibili dal proprio pc, tablet o smartphone: La Make-up School – in partnership con Lancôme fino […]

  • In Fase 3 lo sguardo diventa protagonista! Dietro la mascherina lo sguardo assume un’importanza fondamentale nella vita sociale quotidiana. Il lockdown ha stravolto le vite e da qui ai prossimi mesi il gesto illuminante occhi diventerà un MUST per trasmettere il nostro ed esaltare lo sguardo. Helena Rubinstein, forte di un’expertise AVANT-GARDE SKINCARE fin dal suo esordio, punta […]

  • Le mani sono una di quelle parti del corpo che spesso trascuriamo dimenticandoci che sono protagoniste di gesti di grande valore: la stretta di mano, simbolo di conoscenza; il tendere una mano, sinonimo di aiuto; una carezza, la dimostrazione di affetto; tenersi per mano, la paura di perdersi; battere le mani, simbolo di approvazione. Ma al tempo […]

  • Accademia del Profumo ha svelato i vincitori della 31esima edizione del suo Premio, eletti da tre diverse giurie, composte da consumatori, esperti del settore e vip. A trionfare tra i consumatori sono stati Chloé L’Eau e Dior Sauvage Parfum proclamati, rispettivamente, miglior profumo dell’anno femminile e maschile, con oltre 130.000 voti raccolti sul minisito dedicato, sui social di Accademia del Profumo e tramite il QR code esposto […]

  • Semplice come un tavolino, geniale come l’accessorio indispensabile; pratica come una…. ribaltina. Nata dall’estro creativo di MRZarchitetti, Tina la Ribaltina è l’oggetto che mancava per godersi appieno e in tutta sicurezza momenti di relax dopo lunghi mesi costretti al chiuso delle case. Coniugando la necessità del distanziamento sociale con il desiderio di ritagliarsi momenti di distensione in […]

  • Sono stati proclamati i vincitori della prima edizione 2020 del concorso “Toscanini – L’ARTE DI APPENDERE / 100 anni e non sentirli” indetto dall’azienda Toscanini, leader nella produzione di portabiti e soluzioni per appendere, per celebrare il proprio centenario. Il bando, rivolto agli studenti di architettura, design e moda, richiedeva la progettazione e il restyling di […]

  • La collezione di sedute “Oltremare” ideata da Antonio Marras e realizzata in collaborazione con Saba, arriva da un luogo e da un passato lontani, ricchi di storia, memoria, ricordi carichi di suggestioni e visioni. Osservando la sua silhouette sinuosa, chi ha origini sarde può addirittura scorgere un promontorio familiare e un’isola minore, un frammento di costa che in tempi antichissimi si […]

  • Nel cuore di Porta Venezia a Milano, in via Felice Casati 21, apre un nuovo spazio in cui convivono amore per la cultura, commercio e condivisione anche social. È MANINTOWN + PROGETTO NOMADE un concept dove la passione per la moda e il design si uniscono alla ricerca di inedite eccellenze e storie da raccontare. […]

  • SEAS, società specializzata nella manutenzione di aeromobili e in esclusiva della flotta Ryanair sul territorio italiano, avrà condotto alla data del 20 giugno, vigilia della ripresa dei voli sull’Aeroporto di Milano Bergamo, la più intensiva campagna di manutenzione durata 100 giorni. Tanti ne saranno passati dallo stop alle operazioni il 13 marzo scorso, periodo durante […]

  • Il 3 giugno 2020, il Boeing 787 800 Dreamliner ha fatto scalo per la prima volta all’Aeroporto di Milano Bergamo. L’aeromobile, con livrea della compagnia aerea Air Europa, è partito da Miami e, dopo avere fatto scalo a Madrid, è atterrato alle 13:00 locali a Bergamo. Il volo è stato organizzato per consentire il rimpatrio […]

  • L’Aeroporto di Milano Bergamo ha ribadito l’importanza delle regole, ripassandole in modo originale e affidandole alla interpretazione di Daniele Vavassori, in arte Vava77. In un gioco delle parti, calato nel contesto degli ambienti aeroportuali, il famoso videomaker sdoppia il suo personaggio alternando un perfetto e forbito inglese al dialetto bergamasco. Due diversi modi di esprimere e comunicare […]

  • A seguito della revoca delle forti restrizioni imposte al trasporto aereo passeggeri causa Covid-19, TAP Air Portugal dal 1 luglio tornerà a operare tra Italia e Portogallo, con due voli giornalieri da Roma Fiumicino e altrettanti da Milano Malpensa verso l’hub di Lisbona. Il vettore portoghese, membro di Star Alliance, da luglio prevede di incrementare significativamente […]

  • Può lo Champagne, il più elitario dei vini, accostarsi al piatto più democratico per eccellenza, la pizza? Sì e se la cornice, poi, è Piazza Carignano 2 a Torino, “casa” di Del Cambio, l’incontro diventa ancora più suggestivo. Quello di Pizza&Champagne, inizialmente visto come un esperimento culinario insolito, sta diventando un binomio sempre più apprezzato. Anche […]

  • La Cucina Italiana – dal 1929 il mensile di cucina più autorevole e di lunga tradizione in Italia e nel resto del mondo – con il numero di luglio lancia un nuovo e ambizioso progetto di comunicazione volto a sostenere il valore universale della cultura gastronomica italiana: una grande iniziativa corale per candidare all’Unesco la “cucina […]

  • Dal programma di Radio 24 “Mangia come parli” con lo chef Davide Oldani e il giornalista Pierluigi Pardo, arrivano le ricette di Davide Oldani in un libro, Edizioni Il Sole 24 Ore, di cucina e cultura del cibo. La campagna è pianificata su mezzi del Gruppo 24 Ore: stampa, radio, digital e con un push social dedicato. È previsto inoltre un sostegno […]

  • La famiglia Pontecorvi continua a scrivere la sua storia nel settore dell’hotellerie, trovando il luogo ideale tra le vie del romano quartiere Prati. Dopo 70 anni di attività iniziati con la direzione di una piccola pensione nel rione Monti, la terza generazione di questa famiglia ha rilevato una struttura ricettiva trasformandola in un boutique hotel di categoria superiore. A via […]

venerdì, 29 maggio 2020

INTERVISTA A MICHELE CIAVARELLA – STYLE MAGAZINE CORRIERE DELLA SERA: UN CORO NON PUO’ SOPRAVVIVERE SE TUTTI I CANTANTI DIVENTANO SOLISTI

di Cristiana Schieppati

Michele Ciavarella, Giornalista e Fashion Critic è caporedattore di Style Magazine Corriere della sera. E’ uno degli opinionisti più amati e apprezzati del mondo della moda perché riesce con intuizione e garbo a mettere in luce le contraddizioni di questo settore. Gli abbiamo chiesto di svelarci i suoi scenari sulla ripresa e sui cambiamenti che avverranno nel mondo fashion, sempre che il settore colga l’opportunità.  Un’intervista tutta da leggere.

 

 

 

L’era del covid 19: cosa non dimenticherai di questo periodo?

 

 

Apparteniamo a una generazione che non si è mai confrontata con una privazione di libertà. All’improvviso abbiamo dovuto accettare di stare chiusi in casa. Non dimenticherò proprio questa capacità di accettazione fatta in nome di un atto che mi piace pensare altruistico: abbiamo pensato alla nostra salute per proteggere quella di tutti. Non è male. Ma è una visione positiva e ottimistica che mi sono imposto. La realtà è forse leggermente diversa. In definitiva credo che non dimenticherò l’inefficienza della politica sanitaria, la «strage degli innocenti» nelle strutture per gli anziani che avrebbero dovuto proteggerli, le bare trasportate dai camion militari, l’arroganza dei politici che non sanno ammettere i loro errori e lo sciacallaggio di chi, anche in questa occasione, ha speculato per cercare di accrescere la propria popolarità, il proprio seguito e i propri consensi speculando sulla paura di tutti. Non dimenticherò le manifestazioni di egoismo che, purtroppo, si sono scatenate in questo periodo di pandemia. Non credo, invece, che mi resteranno nella memoria le dirette Instagram del chiacchiericcio scatenato dalla «tuttologia» che, proprio in questa occasione, ha mostrato tutti, e dico tutti, i suoi limiti. Infine, mi resterà il ricordo della privazione del movimento e dei viaggi: sono un Sagittario con ascendente in Sagittario, il mio segno è rappresentato da un Centauro con l’arco e la freccia. Se fai i conti sono quattro zoccoli, due archi e due frecce: come faccio a non muovermi? Infine, non dimenticherò la solidarietà, soprattutto quella sincera, che si è saputa manifestare con discrezione.

 

 

Il lavoro: cosa è cambiato per te in questi mesi e come ti sei organizzato?

 

 

Non ho smesso di lavorare un solo giorno. Lavoro in una redazione fantastica (quella di Style Magazine Corriere della Sera, ndr): il 9 marzo abbiamo prelevato i computer aziendali che ci hanno permesso di organizzare in meno di 8 ore una super efficiente organizzazione di «smartworking in lockdown». Una noia mortale lavorare senza scambio continuo con i colleghi, una confusione di email, di videochiamate, di riunioni in video… Eppure stando chiusi in casa abbiamo portato in edicola due bellissimi numeri (quelli di maggio e giugno) con una qualità di contenuti che ha forse superato i precedenti. O forse sembra a me perché li abbiamo messi insieme in condizioni per niente facili. Ho lavorato anche molto sul sito sia trasferendo online i contenuti del Style Fashion Issue ( https://style.corriere.it/tag/style-fashion-issue/ )arrivato in edicola proprio in quei giorni, sia lavorando a una serie di incontri, riflessioni, interviste che poi sono confluite nello speciale online «Cambiare la Moda: I temi per la ripresa» ( https://style.corriere.it/tag/moda-ripresa/ )

 

 

A livello editoriale hai notato dei cambiamenti in positivo?

 

Credo che a livello editoriale non si possa far finta che quello che è successo non sia successo. Pandemia e confinamento devono servici per modificare le priorità. Per noi che facciamo questo lavoro questo vuol dire modificare le visioni, abbandonare le certezze delle strade già tracciate, rispettare i nostri interlocutori che sono innanzitutto i lettori dando un’informazione corrette a contenuti meno compiaciuti, forse anche più scomodi ma più veri. Credo che il rapporto fra il lettore e la carta stampata sia cambiato per sempre e si può trasformare in un rapporto di fiducia se riusciamo a riconquistare sia l’autorevolezza dell’informazione sia la capacità di rendere evidente il valore del nostro prodotto, quotidiano, settimanale o mensile che sia. Dobbiamo riscoprire il valore della qualità dell’informazione che sotto forma di parole e immagini diamo al lettore. Parlando di musica, il filosofo Theodor Adorno sosteneva che «non è la musica a dover diventare popolare ma il popolo a dover diventare musicale»: questo per dire che secondo me i giornali non possono più accodarsi a quello che succede e raccontarlo ma devono sviluppare un rapporto diretto con i propri lettori trasformandosi in piattaforme informative di visioni.

 

 

Molti dicono “nulla sarà più come prima”, nella moda cosa cambierà?

 

 

Io dubito che questo periodo di «malattia» possa cambiare radicalmente tutto. I cambiamenti radicali li producono soltanto le rivoluzioni e non mi sembra questo il caso. I provvedimenti assistenziali dei governi di tutto il mondo alla fine potranno calmare il disagio sociale che la crisi economica (quella sì pesante). Non credo che tutto cambierà perché non ci sarà un cambio culturale dell’intera società. La moda è lo specchio della società, la racconta introducendoci un pizzico di sogno e di bellezza in più. Ma prima di dire che «niente sarà come prima» aspetterei un po’. Ci sono spinte conservatrici e nostalgiche che affliggono anche il sistema della moda.

 

 

Gucci, YSL, Armani sono i primi ad aver detto che sfileranno secondo un loro calendario e una loro stagionalità cosa ne pensi?

 

 

Voglio sperare che il sistema della moda sarà uno dei pochi a trasformare questa calamità in un’opportunità. Credo, infatti, che la moda abbia la capacità di studiare delle alternative in grado di eliminare alcune dinamiche che erano andate un po’ fuori controllo, come il numero delle collezioni annuali (pre-collezioni, collezioni, Cruise, Capsule), delle sfilate e degli eventi. Oppure la durata del prodotto, le dinamiche della distribuzione e della vendita, la politica degli sconti e, non ultimo, la prevalenza del marketing sulla creatività. Quindi, io credo che più che un abbandono del sistema i tre casi citati abbiano richiamato il settore a una generale riprogettazione dei tempi dell’intero sistema.

 

 

Credi che si arriverà alla fine delle Fashion week? Basta calendari?

 

 

Il problema delle Fashion Week e dei calendari delle sfilate era presente da tempo, molto prima della pandemia. Erano anni che si discuteva sui tempi e sulle modalità: anticipare le sfilate a luglio e a gennaio unendo Uomo e Donna a un certo punto era sembrata la soluzione più ragionevole. Poi non se ne fece nulla e quell’inazione portò alla nascita del fenomeno delle sfilate delle collezioni Cruise in giro per il mondo e a quello delle sfilate delle pre-collezioni con una dispersione di mezzi e di energie che oggi spinge tutti al ripensamento. Era logico che succedesse. Mi chiedo come mai degli industriali così illuminati non abbiano avuto il coraggio di prendere in mano la situazione già una decina di anni fa. Ora non so che cosa potrà accadere ma sono più che convinto che un coro non può sopravvivere se tutti i cantanti diventano solisti. Ma neanche se i tenori del coro, approfittando dei mezzi a disposizione, abbandonano al loro destino soprani, mezzosoprani e baritoni. Spero che il sistema riesca a trovare l’equilibrio per rimanere tale, cioè un Sistema.

 

 

Il ruolo del digitale e dei social potrà sostituire in toto gli eventi o la carta stampata?

 

Assolutamente no. E se per la stampa ho sempre creduto che digitale e carta non fossero alternativi ma complementari, mi sento di escludere che gli eventi della moda possano essere soltanto digitali e svolgersi sui social network. La moda è una creatività che riguarda il corpo, è quella che sta più a contatto con la persona: toglierle la fisicità sarebbe innaturale.

 

 

Il made in Italy per affrontare questa crisi tornerà a produrre completamente in italia ed a collaborare con la filiera del territorio? Quali mercati si apriranno prima?

 

 

Sono anni che mi auguro e che scrivo della necessità del reshoring: tornare a produrre in Italia per un’industria che in Italia ha la sua ragione d’essere sarebbe fondamentale. È stato un errore allontanare la produzione dall’Italia richiamati dal falso canto delle sirene sul basso costo del lavoro. Sono convinto che l’industria italiana se ne sia resa conto e che sia in buona parte ritornata in Italia. E mi auguro che chi non l’ha ancora fatto lo faccia al più presto.

 

Un messaggio agli operatori della moda 

 

Lavoriamo nell’industria che ha trasformato la creatività e la bellezza in un business formidabile, punta di diamante della diplomazia e della promozione del nostro Paese nel mondo: non permettiamo che questa favolosa realtà vada dispersa a causa di egoismi e tornaconti corporativi.

 

TAG:

Per questo articolo è presente 1 commento:

  1. sandrina says:

    Grazie per queste belle parole! Grazie alla redazione e a Michele xxxs

Lascia un commento »