Moda

Set 26 PORTS1961: SPERIMENTARE CON I CLASSICI

Sperimentare con i classici. Prendere gli elementi convenzionali di un repertorio collettivo condiviso e farli a pezzi e a strati, sovrapponendo per aggiungere movimento, allungamento, fluidità.

Diviso tra convenzione e ribellione, il direttore artistico Karl Templer concepisce la nuova collezione Ports 1961 come una versione non familiare di oggetti familiari. Il risultato finale è sottilmente sorprendente, e nasconde complessità e torsioni dietro un aspetto ingannevolmente normale, mescolando codicidell’abbigliamento da giorno e da sera, maschile e femminile.

Il suit, la t shirt, l’abito, la sottoveste, i pantaloni, la maglia da cricket, ma anche le righe, i gessati e i quadretti dell’abbigliamento tradizionale sono la base per esperimenti di decostruzione. I blazer sartoriali sono smaterializzati da secondi strati; i pantaloni sono aperti verticalmente, le fodere e i sotto costantemente in vista. Materie di diverso peso si mescolano nello stesso capo creando ulteriore movimento. Top e abiti si liquefanno in orli a fazzoletto.

L’idea che i pezzi si muovano e oscillino su e intorno al corpo è fondamentale. Tutto è puro, essenziale, con strati di esperienza sartoriale come supporto. Massicce platform in legno ancorano il movimento al suolo. Sui gioielli, i diamanti sono reinventati in metallo e fusi come un pezzo solido.

.
.
Top