Moda

Mar 22 ROMY SCHNEIDER E CHANEL: UNA MOSTRA SUL LORO LEGAME

di Cristiana Schieppati

Grande mecenate della Cinémathèque française dal 2021, CHANEL sostiene la mostra Romy Schneider che si svolgerà dal 16 marzo al 31 luglio 2022.
Figura essenziale del cinema europeo degli anni ’70, Romy Schneider ha sempre affermato che ci sono state tre persone che hanno avuto un ruolo decisivo nella sua vita e nel suo lavoro di attrice: Alain Delon, Luchino Visconti e Gabrielle Chanel. Esprimeva spesso la sua gratitudine a Gabrielle Chanel per averla salvata dal personaggio dei film di Sissi, divenuto soffocante, e per averla fissata come una farfalla, un’eterna bambina, dallo sguardo degli altri.


“Chanel mi ha insegnato tutto senza mai darmi consigli. Chanel non è una stilista come gli altri… Perché è un insieme coerente, logico, ‘ordinato’: come l’ordine dorico o l’ordine corinzio, c’è un ‘ordine Chanel’, con le sue ragioni, le sue regole, i suoi rigori. È un’eleganza che appaga la mente ancor più degli occhi» aveva confidato l’attrice.
Una nuova silhouette, un nuovo linguaggio, un nuovo destino. Non c’era più Sissi, era nata Romy Schneider, ed è stato Luchino Visconti a presentarla a Gabrielle Chanel affinché potesse vestirla per il suo cortometraggio, Le travail, parte del film collettivo Boccace 70.


Per la prima volta Romy Schneider, che seduceva, amava, governava, si appassionava alla lettura, non era più ingenua , e tutto questo in un appartamento che somigliava a quello di Mademoiselle in rue Cambon. Le stesse librerie, gli stessi divani beige, le stesse poltrone. Da quel momento in poi, l’attrice ha indossato CHANEL, sia sullo schermo – in Le combat dans l’île di Alain Cavalier, uscito nel 1962 – che fuori.
Per la mostra Romy Schneider, CHANEL presenta un abito in tweed screziato della collezione Haute Couture Autunno-Inverno 1961/62, simile a quello indossato da Romy Schneider nel film Visconti, oltre a cinque stampe fotografiche scattate tra il 1961 e il 1965 da Shahrokh Hatami e George Michalke.
Eterna amica della Maison, Romy Schneider sarà per sempre un’incarnazione ispiratrice del fascino CHANEL.

.
.

SEGUICI SU FACEBOOK

Facebook Pagelike Widget


ULTIMI TWEET

BELEN: SONO UNA LAVORATRICE PRECARIA. INTERVISTA AI FRATELLI RODRIGUEZ TRA DESIDERI DI MATERNITA’ E AMORE PER L’ITALIA E UN PENSIERO SU QUANTO DETTO DA ELISABETTA FRANCHI. https://www.crisalidepress.it/belen-sono-una-lavoratrice-precaria-intervista-ai-fratelli-rodriguez-tra-desideri-di-maternita-e-amore-per-litalia-e-un-pensiero-su-quanto-detto-da-elisabetta-franchi/

VALENTINA FERRAGNI: I SOCIAL SONO IL CONTENITORE DEL BELLO. CON LA MIA LINEA DI GIOIELLI SONO IO CHE HO “INFLUENZATO” MIA SORELLA CHIARA. https://www.crisalidepress.it/valentina-ferragni-i-social-sono-il-contenitore-del-bello-con-la-mia-linea-di-gioielli-sono-io-che-ho-influenzato-mia-sorella-chiara/

Top