Auto

Mag 29 Sempre più mobilità individuale

Collaboratore

Superata l’emergenza Covid-19, sette italiani su dieci utilizzeranno l’automobile per i propri spostamenti. Solo il 10% tornerà a servirsi dei mezzi pubblici. Perlomeno questo è quello che emerge dalla survey condotta tra i mesi di aprile e maggio dalla società Areté, pronta a mettere sotto i riflettori i cambiamenti in atto nel mondo dell’auto, dall’acquisto all’uso.

Come ricorda Osservatorio Autopromotec (dati Isfort), già in piena pandemia gli italiani che hanno utilizzato un mezzo a motore privato per i propri spostamenti sono aumentati di 4,5 punti percentuali, passando dal 56,5% al 61%, ed è salita lievemente anche la quota di chi ha deciso di spostarsi con mezzi non motorizzati (in bicicletta e a piedi) passata dal 33,4% al 34,9%. Calata, invece, dal 10,1% al 4,1%, la percentuale di chi utilizzava autobus tram e metro: una situazione che, con l’aiuto del governo, oggi avrebbe spronato l’automotive a riprendersi come o meglio di prima, soprattutto alla luce degli obblighi del distanziamento sociale.

Così non è stato. Il settore continua ad essere snobbato dallo Stato italiano, la crisi economica ad essere incalzante. L’indagine mette nero su bianco una popolazione sempre più propensa a servirsi di finanziamenti e formule come il noleggio: solo 1 italiano su 3 si dice intenzionato a comprare in contanti l’autovettura, il 57% intende farlo tramite finanziamento o leasing, l’8% è pronto ad affidarsi al noleggio a lungo termine. Da quanto si evince, anche il processo di acquisto dell’auto si sta rivoluzionando. Il 70% dichiara di essere disposto ad avviare da casa la trattativa con il venditore della concessionaria attraverso un collegamento audio e video (soprattutto tramite WhatsApp e Skype). Oltre l’80% è disponibile a ricevere una video-chiamata nella seconda metà della giornata (dalla pausa pranzo in poi), il 15% anche dopo le 20. Ci chiediamo: possiamo chiamarla evoluzione, questa, oppure no?

“I dati raccolti – evidenzia Massimo Ghenzer, Presidente di Areté – certificano nuove tendenze in atto nell’approccio alla mobilità e alla vendita dell’auto: lo stato di ansia emotiva ed incertezza economica richiedono oggi da parte dei dealer un’attenta profilazione dei potenziali clienti, anche alla luce dei cambiamenti in atto, per poter rendere più efficace il processo di vendita”. Dinamiche sempre più delicate e difficili, dunque, per tutti. Quando le soluzioni c’erano ed erano semplici.

.
.
Top