Gusto

Mag 04 TENUTA MOSÈ: RIGENERARSI IN PUGLIA

Tenuta Mosè, a pochi passi da Gallipoli e Lecce, è circondata da vigneti e uliveti millenari che producono vino e pregiato olio EVO biologico per gli ospiti, e comprende anche una giovane azienda agricola che, tra i vari progetti, persegue l’obiettivo di recuperare l’antica specie vitivinicola autoctona del Fiano pugliese.

L’attenta e rispettosa ristrutturazione ha permesso di riscoprire i colori e le atmosfere tipicamente mediterranee della settecentesca Villa Costa – risalente al XVII secolo -, divenuta un’oasi di relax immersa nei toni e nei profumi della campagna salentina.

La Villa ospita sei suite di diverse dimensioni  – dai 38 ai 50 mq. -: quattro ubicate al piano terra, caratterizzate da un gusto neoclassico-eclettico, ciascuna con piscina interna privata e affaccio sul rigoglioso giardino dove imponenti colonnati accompagnano alla maestosa piscina esterna e all’antico pensatoio inebriati dai profumi di oltre trenta specie floreali ed altrettante essenze arboree.

Al primo piano si trovano le due penthouse: dallo stile essenziale, con predominanza di toni chiari e tessuti che privilegiano le fibre naturali, sono dotate di piscina esterna e solarium con una vista mozzafiato.

A pochi passi dalla Villa troviamo Masseria Caracciolo – oggetto di una recente ristrutturazione che a breve darà vita a ulteriori sette esclusive suite e quattro piscine esterne – e l’annessa Casa Colonica, un tempo residenza dei contadini impiegati nella cura e coltivazione dei campi.

Per coccole all’insegna del benessere la Suite SPA “Le Cariti” si distingue per i numerosi percorsi all’insegna della purificazione e della rigenerazione. Imperdibile il massaggio effettuato utilizzando oli caldi ed essenze profumate che stimolano la circolazione e l’equilibrio nervoso favorendo un benessere psico-fisico totale.

Per gli uomini, vale la pena provare il rito della rasatura secondo antichi ed esperti gesti.

Per i piaceri del palato ecco l’orto-giardino che offre i prodotti biologici alla base delle proposte del raffinato e bucolico ristorante panoramico “Il Petrosino” condotto dalla coppia – in cucina e nella vita – formata da Angelo Motolese e Jennifer Bianchi: un viaggio gourmet tra i piatti tipici del territorio opportunamente rivisitati per dar luogo a un mix del tutto particolare tra il tradizionale calore delle case di Puglia e un tocco di contaminazione contemporanea come confermato da “Guancia di vitello, salsa al primitivo, verdure dell’orto di Tenuta Mosè in agrodolce”.

Dopo cena, piacevole conversare in giardino o ritrovarsi alla Club House per sorseggiare un’ottima selezione di distillati accompagnati dalle seducenti note di un vecchio grammofono, e godersi tutti, ma proprio tutti, i momenti di un viaggio quanto mai desiderato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.
.
Top