Moda

Gen 25 VALENTINA CORTESE: L’APPELLO PER SALVARE L’ICONICO GUARDAROBA

Da quando il 10 luglio 2019 Valentina Cortese ci ha lasciati, una delle domande più ricorrenti è stata: “ma che fine farà il suo mitico guardaroba?”.

Ora, dopo un periodo di oblio, i suoi abiti tornano alla ribalta nell’asta che la Casa milanese “Il Ponte” organizza per i primi di marzo 2022. Andrà in vendita il mondo di questa artista, compreso un centinaio di pezzi che hanno fatto la storia della moda internazionale dagli anni ‘70 ai giorni nostri. Questi abiti fanno parte della collezione che con l’attore e regista Antonio Zanoletti sono stati esposti a Palazzo Morando in occasione della mostra “Valentina Cortese. Uno stile” nel 2013. Sono per lo più creazioni di alta moda firmate Dior, Capucci, Galante, Ferrè, Mila Schön, Valentino. Sono gli stessi immortalati negli scatti che sono stati scelti per la rassegna fotografica “Valentina Cortese. La Diva” applaudita al Teatro San Babila (2014), allo Spazio Oberdan (2018) in occasione della prima milanese del film “Diva!”, al Busto Arsizio Film Festival (2019) fino alle vetrine delle botteghe storiche di Galleria&Friends (2019) che hanno ospitato un evento diffuso.

Questa trentina di scatti dei più grandi fotografi contemporanei, da Bob Krieger a Giovanni Gastel, è stata tratta dal volume fotografico “Valentina Cortese. 100 ritratti”, pubblicato con Skira sempre nel 2013 e che ora è in vendita esclusiva presso la Libreria Bocca in Galleria Vittorio Emanuele. 

Raccontano momenti di vita pubblica e privata durante i quali l’attrice indossa proprio quegli abiti che ora vanno all’asta per finire nelle mani di privati rischiando così di disperdere banalmente un patrimonio culturale dell’umanità che va acquisito, tutelato e conservato.

Per questo l’Associazione Culturale Profumo di Milano lancia l’appello: Salviamo il guardaroba di Valentina Cortese!

.
.
Top